B. e le FIDANZATE IMPROBABILI: katarina. Minchiate deliranti come la padania.

Enrico Fierro per Il Fatto

Signora Katarina posso farle qualche domanda?
Si, ma faccia in fretta che sto partendo per Arcore.

Katarina KnezevicKatarina Knezevic

Ad Arcore, dicono alcuni intimi di Berlusconi, lei fa la cameriera, è vero?
Sono menzogne, bugie di chi vuole male a me e al mio amore.

KRISTINA E KATARINA KNEZEVICKRISTINA E KATARINA KNEZEVIC

Chi è il suo amore, mi perdoni?
Lui, Silvio Berlusconi…

E lei non è la sua cameriera?
No, quante volte lo devo dire. Io sono la fidanzata ufficiale di Berlusconi, lo scriva, per favore, e cercate almeno per una volta di evitare di dire menzogne.

Ma lei ad Arcore cosa fa?
Arcore è la mia casa, visto che lei insiste le dò una notizia, l’altra sera, nel cuore dei festeggiamenti per il suo compleanno il Presidente mi ha regalato l’anello di fidanzamento, siamo fidanzati ufficialmente.

Le faccio i miei auguri, e quando vi sposate?
È come se già fossimo marito e moglie, sposati, uniti dall’amore, il resto sono convenzioni pure e semplici.

Quindi lei è la nuova fist lady italiana?
Sono l’unica donna di Silvio Berlusconi, la sua fidanzata.

E il bunga bunga, le serate allegre con le altre donne?
Lei legge i giornali italiani… Menzogne, cose che non voglio neppure sentire, malignità. Io lo amo e questo basta.

KATARINA KNEZEVICKATARINA KNEZEVIC

È vero, come dicono alcune testimoni che lei e le sue sorelle ricattate Berlusconi?
Non si può ricattare l’uomo che si ama.

GUY RITCHIE FLIRTA CON KRISTINA E KATARINA KNEZEVICGUY RITCHIE FLIRTA CON KRISTINA E KATARINA KNEZEVIC

È vero che Berlusconi vi ha versato 750mila euro?
Così poco… e se fossero tre milioni?

Lo dica lei quanti sono.
Penso di

valere molto di piu di quella cifra.

Quanti anni aveva quando ha conosciuto Berlusconi?
Non so, non ricordo, ma non è questo che conta. Il nostro e un amore grandissimo, il resto sono balle, invenzioni, malignità.

Eppure Emilio Fede, almeno stando a quanto rivelato da una ragazza che frequentava Arcore, insisterebbe nel dire che lei tiene sotto scacco Berlusconi.
Emilio Fede? E chi è?

KATARINA E KRISTINAKATARINA E KRISTINA il premier montenegrino Milo Djukanovicil premier montenegrino Milo Djukanovic

Un’altra ragazza racconta di quando lei si spogliava durante le cene e si metteva nuda in mezzo al tavolo.
Invidia di chi voleva essere la prima donna. Silvio ha scelto me e questo provoca invidie e veleni.

Ricorda quella scena di gelosia, quando si buttò dalle scale?
Si può cadere dalle scale anche se si è bevuto troppo e si perde l’equilibrio.

Caricatura-Silvio-Berlusconi-e-Nicole-Minetti-Caricatura-Silvio-Berlusconi-e-Nicole-Minetti-

Un’ultima domanda: presto la vedremo accanto al premier durante le visite ufficiali?
Penso di sì, sono la fidanzata ufficiale di Silvio Berlusconi.

IL PAESE MORMORA
Sono da poco passate le sei di sera, quando finiamo di parlare con Katarina. Ha fretta, deve volare per Milano direzione Arcore, dove c’è l’amore suo. Berlusconi è già da due ore nel capoluogo lombardo, a Milanello per incoraggiare i suoi alla vigilia della sfida con la Juventus.

berlusconi ruby fede minetti e b b e a b dberlusconi ruby fede minetti e b b e a b d

Questa intervista è stata resa possibile grazie all’aiuto di un amico della ventenne Katarina, Nebojsa Sodranac, 38 anni, giornalista sportivo di InTv, uno dei più seguiti network del Montenegro. È qui che Katarina, appena diciassettenne, ha iniziato a lavorare. Piccole interviste a calciatori minori, comparsate, primi passi verso la ricerca del successo a tutti i costi. Quella voglia matta di fuggire da Murtovina, il Bronx di Podgorica.

Una lunga strada polverosa attraversata da camion sgangherati e vecchie macchine. Poco a che vedere col lusso del centro della città, con le Mercedes, i suv Toyota guidati da bellezze mozzafiato. Un market che vende di tutto, strade strette e case con le serrande sbarrate. Sono case di appuntamento, ci dice il taxista, vieni qui, paghi e trovi quello che vuoi.

KATARINAKATARINA la Minetta saluta Berlusconila Minetta saluta Berlusconi

Piu’ in la dei locali di lap dance, una pretenziosa caffetteria e una pizzeria. In una strada stretta di terra battuta ci sono una ventina di casette basse, quella di Milorad Knezevic, una vita a spaccarsi la schiena nei cantieri dell’edilizia come muratore, ha il cancello sbarrato. Sulla verandina un dondolo abbandonato da tempo. Non si vedono i segni della ricchezza portata dal fidanzamento della ventenne Katarina con uno degli uomini più ricchi del mondo. Non ci sono, dice una vicina, sono andati via.

Dove è impossibile saperlo. Qui la gente parla poco e si divide quando deve giudicare Katarina, la sua gemella, Slavica e Zorica. Le sorelle che hanno fatto fortuna in Italia. Per alcuni la fidanzata ufficiale di Berlusconi è la terribile Katarina, per altri è la regina d’Italia. “Ha fatto bene a far perdere la testa al vostro presidente”, ci dice ridendo una donna che vende mele all’angolo della strada.

Due partiti, giudizi contrastanti, alimentati a metà settembre dalla lettura di un articolo sul quotidiano di Zagabria Jutranji List, che per primo ha raccontato delle tre sorelle e del ricatto. Berlusconi, si legge, le presenta come le nipotine dell ex premier montenegrino Djukanovic ed era completamente soggiogato dalla loro bellezza. La storia del ricatto, scrive lo Jutranji, nasce quando Slavica, la maggiore delle sorelle, filma alcuni incontri. Scene di sesso, orge, ammucchiate, scrive il quotidiano croato.

nicole minettinicole minetti RUBY COL PANCIONERUBY COL PANCIONE

Disprezzo, invidia, ammirazione, sono i sentimenti che le “sorelline italiane”, come le chiamano, suscitano al Market, allo Shas, i locali alla moda, tra le ragazze che il venerdì notte tirano fino a tardi stordendosi di musica e Bacardi. Tutte hanno speso una fortuna per vestirsi e fasciare la loro bellezza nei tubini neri italiani. Qui Katarina Knezevic è un mito. Il sogno che si e realizzato. Comunque.

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Lascia un Commento