Battutazze andate in onda su Sky

Robetta mia vecchia (ma buona) per Geppi Cucciari:

1) 2) Berlusconi a Maastricht, shopping milionario alla fiera dell’arte. Pare sia stato attratto da un quadro e abbia offerto nove milioni di euro. Peccato che fosse il quadro dell’Enel. Ma gli astanti si sono rifugiati in bagno a ridere e nessuno l’ha notato… D’altronde è amico di Dell’Utri, che ha spacciato per i diari di Mussolini i diari apocrifi di Anna Frank. Però è il colmo. Sylvio ci ha lasciati con tanti miliardi di scoperto proprio sul patto di Maastricht e poi va proprio lì a scialacquare miliardi guadagnati quando fingeva di fare il presidente del consiglio. Ma cosa penseranno di noi nel mondo? Che avevamo un presidente del consiglio poco serio? Poco affidabile. Uno che magari finge di denunciare la rivista più importante d’Europa perché gli ha chiesto dove ha preso i soldi per cominciare le sue fortune e incitava – da capo dell’esecutivo – a non pagare le tasse e faceva le corna nelle foto ufficiali. Uno con amici carissimi e soci condannati in via definitiva per mafia e corruzione. Minchia, ma che sto facendo? OPS! Sto divulgando segreti di stato!!!

2) 1) Ho trovato finalmente un bravissimo ragazzo, dolce e sensibile, fa l’abigeatario. Ultimamente è molto stressato, tant’è che il medico gli ha prescritto alcune notti di riposo. Nulla a che vedere col mio ex, ché quando gli dicevo: “Tu vuoi più bene al cane che a me.” Mi rispondeva seccato: “Ma che stronzate dici?! Per me siete uguali.”

3) 2) Oggi pomeriggio ero indecisa: guardare i programmi di Raidue o tagliarmi direttamente le vene. Poi, per fortuna, m’è venuta una fortissima emicrania ed ho svoltato la giornata.

4) 4) Tutti ancora impegnati a fare le diete del dopofeste. Vedi le signore e i single ai supermercati, uscire colle loro buste luuuunghe e tristi: le buste da povero, dove c’è dentro qualche verdurina e qualche confezione di mais. Devo dire che anch’io, l’anno scorso, mi sono impegnata e mi sono sacrificata… rinunce, rinunce, e ancora rinunce e privazioni. Beh, non è servito a nulla, però è stata l’ora più brutta della mia vita!

5) 5) Tutte queste strafighe a fare i calendari. Io cosa dovrei fare… un’agenda da tavolo o un atlante?

6) 6) REGALI DI NATALE. I bambini del mio vicinato sono ancora tutti elettrizzati per i regali ricevuti a Natale e per la befana: I-pod, computer, bambole che si cambiano i vestiti da sole… Quand’ero piccola io, a Macomer, i più fortunati ricevevano due mandarini o un quaderno nuovo e una matita… per tutti gli altri c’erano i moduli per l’iscrizione all’ufficio di collocamento. Preoccupazione preventiva!

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter