Giù le mani dalla Sardegna!

Gli uffici ministeriali chiamati in causa per il silenzio-assenso sui progetti
Berlusconi: contropiede alla crisi. Franceschini: chissà che storie ha raccontato alla Ue
Piano casa, allarme-soprintendenze
Toscana ricorso alla Consulta
di MARIA CRISTINA CARRATU’ e LUISA GRION
Piano casa, allarme-soprintendenze Toscana ricorso alla Consulta

ROMA – Per Berlusconi è “un contropiede” alla crisi apprezzato da tutta Europa, per Franceschini una delle “storielle” che il premier racconta quando va in giro. Il decreto sul piano casa, che dovrebbe arrivare al Consiglio dei ministri venerdì prossimo, continua a macinare polemiche, ad alimentare scontri fra maggioranza e opposizione e finisce ora anche al centro di un ricorso alla Consulta che la Toscana si prepara a portare avanti per stoppare il decreto. Un clima teso che preoccupa anche Bossi, convinto ora che il premier debba “trattare adeguatamente con le regioni, sentire cosa vogliono, altrimenti si mettono di traverso ed è guerra”.

Dalle soprintendenze, chiamate in causa per via del silenzio-assenso sui progetti previsto dopo 30 giorni, arriva l’allarme: “Sarà l’assalto e la devastazione del paese” ha commentato Cerasoli della Uil-beni culturali.

edile

scempi

scempi1

scemp2


°°° Anche noi in Sardistan sappiamo bene cosa sono gli scempi edilizi. Qui gli amici di Mafiolo hanno smontato e rubato centinaia di NURAGHI per farsi le piscine o le mura di recinzione nelle loro ville sulle coste. Hanno devastato dei posti da sogno con le loro porcilaie da arricchiti o con la speculazione selvaggia, con l’appoggio di sardi asini, massoneria, banda della Magliana e altre mafie. Ora, con uno dei fattorini di Arcore alla guida della REGIONE AUTOMA (nel senso che farà tutto e soltanto ciò che vorrà il PADRONE) dobbiamo assolutamente stare all’erta e IMPEDIRE anche un solo abuso. Non ce ne frega un cazzo delle leggi che farà il mafionano: LA SARDEGNA NON SI TOCCA!!! O saranno cazzi acidi…

bandito

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Lascia un commento