Lezione di storia a una grillina che non capisce. Tutti fatti con la stampante 3D for dummies.

Lucio Salis Francesca Feboli L’Italia era fallita completamente 4 anni fa e stava trascinando anche l’Europa nel baratro. Sono andati tutti insieme a pregare il miglior sindaco d’Italia, Matteo Renzi, vertici italiani ed europei, di salvare la situazione. Lui, da grande statista qual è, invece di pretendere elezioni dove avrebbe preso l’80% dei voti, si è messo a disposizione del Paese e dell’Europa. L’Italia era completamente fallita, senza nemmeno i soldi per pagare le pensioni né gli stipendi per la PA e le forze dell’ordine (forze dell’ordine con le auto rotte, senza benzina e coi giubbotti antiproiettile inservibili… Te lo ricordo perché le destre sulla “sicurezza ci avevano vinto le elezioni, invece con loro erano triplicati i reati e le insicurezze). Chiusa parentesi, torniamo a come stava l’Italia: spread a 680 (ci costava 90 miliardi l’anno solo di interessi), deficit tra il 4 e il 5% (oggi spread a 130 e deficit a 1,5%), Pil a -5 (oggi è a +1,9), scuola, cultura, territorio, sanità, civismo… tutto devastato e il mondo, tutto il mondo ci rideva dietro (ricordi Sarkozy e Merkel che ridevano di berlusconi?). Le famiglie non arrivavano al 15 del mese e c’erano oltre 40 milioni di poveri e 19 milioni di disoccupati. Il paese era disperato e in mano alla mafia e alla massoneria. fallivano mille aziende al mese, che ovviamente licenziavano, e si sparava un imprenditore al giorno.

In soli tre anni, siamo la 6a potenza economica mondiale, le aziende nascono a ritmo di 300 al mese e assumono 1,3 milioni di lavoratrici e lavoratori, i nostri diritti sono triplicati, i soldi in tasca agli italiani sono quasi raddoppiati, il 90% degli italiani fanno tre vacanze l’anno (come non succedeva da oltre 50 anni!), si sono vendute il 70% in più di auto nuove, i risparmi e i mutui in banca sono triplicati, le aziende manifatturiere sono seconde in Europa, in molti settori siamo primi, l’industria è seconda solo alla Germania, sono cresciuti il turismo e l’export del 40%. Potrei continuare a lungo, ma credo che basti e avanzi per fare un monumento al PD e a Renzi, come glielo hanno fatto nei fatti Obama, Merkel, Trudeau e tutti i grandi detta Terra. Ora tu preferisci mettere un paese risanato e in continua crescita, un paese che investe centinaia di miliardi nel lavoro, nella scuola, nelle infrastrutture, nel risanamento del territorio, nella cultura etc., in mano a quattro ebeti analfabeti incompetenti, parassiti pelandroni falliti a 40 anni e tutti a reddito zero, che non sanno nemmeno i congiuntivi, e che in DUE ANNI hanno devastato Roma e altri 38 comuni? A un’associazione a delinquere di filibustieri di mafia capitale, votati da tutte le mafie (perché se li comprano con 30€), che ha 8 carcerati e centinaia di condannati e inquisiti per reati gravi: come il 60% dei loro ridicoli sindaci. E che vince le elezioni promettendo una truffa come il reddito di cittadinanza (copiato da Bertinotti che lo propose 24 anni fa e che NON SI PUO’ NE’ SI DEVE FARE!)? Vuoi davvero che questi quatro delinquenti devastino di nuovo l’Italia e la facciano fallire in due anni come fece berlusconi? Ma tu hai figli? Io ne ho 4 e i primi tre all’età dell’ebete di maio si erano già comprati casa a Londra e anche a Milano, col loro lavoro. Io all’età di dimaio guadagnavo 3 milioni al mese più la Siae, avevo una famiglia, due case etre figli. Pensaci bene. Buona serata.

Francesca Feboli L Italia è ancora fallita. Sta affondando. Grazie a Tutti quelli che ci hanno governato fin ora. Quindi prima di dire che l Italia fallirà nelle mani dei 5 stelle aspettiamo perché ci sta ancora Gentiloni al governo,un grande venditore di armi ai tempi della guerra del Quait e chissà dopo e ai gg nostri.

Lucio Salis Ok, come al solito non leggete nemmeno, non studiate non vi informate. Sparate le vostre solite 4 cazzate FALSE come i pappagallini. Mi fate tanta pena. Poveri figli vostri, disadattati.

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Lascia un Commento