MA CHE MINCHIA NE SANNO QUESTI DI TURISMO?! Con lo statista @matteorenzi il turismo cresceva del 40% ogni anno. Da quando c i siete voi NON CI SONO SOLDI DA SPENDERE! Primum vivere. Vedrete che bagno di sangue anche nel commercio!

Turismo, Chessa: “Presenze a picco, ora gli stati generali”

L’assessore convoca per il vertice del turismo per una strategia comune. «Dobbiamo risolvere il gap dei trasporti e scommettere sulla bellezza dell’isola»di Claudio Zoccheddu

SASSARI. Le prospettive non sono per nulla incoraggianti. C’è però un margine su cui lavorare per provare a invertire la tendenza dei flussi turistici. L’unico problema sarebbero i tempi di esecuzione delle manovre correttive, praticamente quasi decorsi anche per la stagione estiva del 2020. D’altra parte, il turismo – soprattutto quello di qualità – vive sulle proposte ma soprattutto sulla programmazione. E in Sardegna programmare è un sogno mostruosamente proibito, date le tante incognite da tenere in considerazione. Le ultime carte giocabili sono in mano all’assessore regionale del Turismo, Gianni Chessa, che dovrà scovare il tavolo giusto e i giocatori adatti.

Assessore, conferma il calo del 10 per cento sulle prenotazioni segnalato dalle associazioni degli albergatori?
«È una tendenza che abbiamo registrato e che conferma quello che diciamo da tempo. L’avevo annunciato io stesso tre mesi fa e purtroppo il tempo mi ha dato ragione. Ora però non datemi le colpe anche di questo, noi stiamo lavorando da quando siamo stati eletti ma ci siamo trovati a fronteggiare una situazione in cui nessuno aveva immaginato, ad esempio, la rinascita dei siti turistici del Nord Africa. E io, su questo, ho davvero poco da dire. Magari potreste chiedere all’assessore precedente (Barbara Argiolas, ndr) per avere qualche risposta in più».

Adesso però siete voi al timone. Come si possono limitare i danni? 
«Come se ne esce? Posso dare solo una risposta: insieme. Per questo domani ho invitato a Cagliari gli stati generali del turismo con cui stilare una strategia precisa e condivisa. Quando dico “stati generali” mi riferisco alle società di gestione degli aeroporti , alle camere di commercio e alle associazioni che riuniscono gli operatori del turismo. Dopo una lunga serie di incontri singoli, con ognuno dei soggetti citati, adesso dobbiamo passare all’azione per mettere a fuoco un piano unico basato sui dati che abbiamo raccolto. La nostra gestione, infatti, è incentrata sulla condivisione: Per questo motivo ci incontreremo domani: faremo il punto e mi auguro che si riesca sin da subito a stilare una bozza di programma, a costo di stare al tavolo anche per otto ore di fila».

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Lascia un Commento