Ma si può andare avanti così? Come un paese del 4° mondo e come il Mississipi e l’Alabama degli anni 40 per colpa di quattro trogloditi ignoranti e nazisti della lega ladrona?

GLI UNICI CHE NON DOVREBBERO AVERE LA CITTADINANZA ITALIANA E NE’ IL DIRITTO DI VOTO SONO PROPRIO LE BESTIE DISUMANE NAZISTE. Nota mia.

Italiani senza cittadinanza, la squadra di basket esclusa dal campionato: “Troppi stranieri”

A Castel Volturno la Tam Tam ha vinto il torneo regionale ma non può passare all’Eccellenza perché i giocatori sono tutti figli di immigrati. Il Tar dà ragione alla Federazione pallacanestro

di VLADIMIRO POLCHI

Italiani senza cittadinanza, la squadra di basket esclusa dal campionato: "Troppi stranieri"

King e Victor sono due fuoriclasse sottocanestro. Il loro papà, d’origine nigeriana, è il pastore evangelico di Castel Volturno. I due fratelli sono nati in Italia e ogni giorno si allenano con passione. La loro squadra è la Tam Tam Basket. L’anno scorso hanno vinto il campionato regionale. Avrebbero ora diritto di passare nell’Eccellenza. Ma la legge è contro di loro. E il Tar li stoppa. La colpa? In squadra sono tutti figli di immigrati.

La Tam Tam Basket è una squadra fondata tre anni fa nel cuore di Castel Volturno. Oggi ci giocano 50 ragazzi, tutti minorenni tranne uno, tutti nati in Italia da genitori d’origine africana. Il problema? In base alla legge sono ancora tutti privi della cittadinanza tricolore. Il loro allenatore Massimo Antonelli ogni giorno li accoglie sul campo di gioco. “Il nostro coach – afferma King – non è come i pirati che quando trovano un tesoro se lo tengono per sé”. Il tesoro di Antonelli sono i suoi ragazzi. Quest’anno hanno vinto il campionato under 15 regionale e speravano di giocare a livello nazionale nel campionato under 16 Eccellenza. Ma i regolamenti sono contro di loro.

https://www.repubblica.it/cronaca/2019/11/08/news/italiani_senza_cittadinanza_la_squadra_di_basket_esclusa_dal_campionato_troppi_stranieri_-240589789/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P8-S1.8-T1

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Lascia un Commento