MARCASCIANO (MOVIMENTO TRANSESSUALI): BASTA ATTACCHI A GAY E TRANS, SE PARLIAMO CADE GOVERNO

MARCASCIANO (MOVIMENTO TRANSESSUALI): BASTA ATTACCHI A GAY E TRANS, SE PARLIAMO CADE GOVERNO
“Se solo ci mettessimo a rivelare chi, fra i politici, ci frequenta, cadrebbe il governo. Basta ai continui attacchi ai gay e soprattutto basta alla transfobia, che è così cara a una certa politica. Non è mai accaduto che una sola trans rivelasse il nome dei propri frequentatori. Se mai dovesse accadere, se le trans facessero i nomi dei politici che le corteggiano o le frequentano, chiuderebbero Camera e Senato e, di conseguenza, cadrebbe il Governo. Saremmo di gran lunga più incisivi dell’opposizione di Antonio Di Pietro e di Bossi nel mandare la Casta a casa”.

PORPORA MARCASCIANOPORPORA MARCASCIANO

Lo ha detto Porpora Marcasciano, presidente del MIT (Movimento Identità Transessuale), che in Italia conta oltre cinquantamila persone.

PORPORA MARCASCIANO E FEDERICA PEZZOLIPORPORA MARCASCIANO E FEDERICA PEZZOLI

“Se si accanissero contro di noi, in Italia l’outing sarebbe, uso il condizionale, da usare -continua Marcasciano- più di

ogni altro Paese al mondo perché questa ipocrisia è inaccettabile. Ci sarebbero dimissioni in massa di senatori e deputati per manifesta ipocrisia”.

PORPORA MARCASCIANOPORPORA MARCASCIANO

Nel corso della puntata la presidente del MIT ha aggiunto: “Le trans non farebbero mai una cosa simile a cuor leggero. L’outing determinerebbe un tracollo del mercato e quindi un enorme danno economico per chi esercita la prostituzione che comunque, sia chiaro, rappresenta solo una parte del mondo trans”.

Non solo. “Una rivelazione dei gusti dei politici -conclude Marcasciano- metterebbe in pericolo la vita delle trans. Bisognerebbe stare molto attente , nel senso che di omicidi, di sparizioni nel mondo trans ce ne sono. L’Italia detiene il primato in Europa per gli omicidi di persone transessuali. Tutte le trans sanno bene quanto rischiano quando escono fuori i nomi. Come abbiamo visto con il caso di Via Gradoli”.

2 – MARCASCIANO (PRESIDENTE MIT): 30% DEPUTATI E SENATORI FREQUENTANO TRANS…

“Guardi, siamo assolutamente in linea con le percentuali, diciamo così, ufficiali. I politici sono uomini come tutti gli altri uomini. Il 30% di deputati e senatori frequentano trans. Chi solo occasionalmente, chi più frequentemente e chi, magari, perché ha una fidanzata segreta trans”.

TRANS ROBERTATRANS ROBERTA

Lo ha rivelato Porpora Marcasciano, presidente del Movimento Identità Transessuale, ospite dell’ultima puntata del programma televisivo “KlausCondicio”.
Nel corso della puntata Porpora Marcasciano ha ribadito: “Le trans vengono continuamente discriminate sul lavoro. L’Onu farà a breve un intervento su queste discriminazioni inaccettabili che ci accomunano alla Grecia”.

3 – MARCASCIANO (PRESIDENTE MIT): 007 DA SEMPRE INFORMATI SU POLITICI CHE VANNO A TRANS…
“Guardi, non è una novità. E’ che è stato così da sempre. Da sempre i servizi sono a conoscenza di chi, nel mondo politico, frequenta i trans. Alle trans non vengono formulate richieste dirette sui politici che vanno con loro. Tuttavia non credo che chi raccoglie informazioni si palesi in una maniera chiara. Non ho mai sentito di persone che siano state contattate direttamente dai servizi segreti. Ci sono state delle richieste strane che potrebbero far pensare -quello assolutamente sì, e succede spesso-, ma non credo che siano chiare”. Lo ha dichiarato Porpora Marcasciano, presidente del Movimento Identità Transessuale, ospite del programma televisivo “KlausCondicio”, condotto da Klaus Davi e in onda su You Tube.

4 – MARCASCIANO (PRESIDENTE MIT): MOLTE DI NOI HANNO VOTATO SILVIO…
“Molte trans hanno votato Silvio Berlusconi. E’ un luogo comune che siano necessariamente legate alla sinistra. Molte hanno votato Silvio Berlusconi, poi sono rimaste deluse. Certo, non sono la maggioranza, ma molte lo hanno fatto”.

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter