Quando è successo che al posto di politici, in gran parte discutibili, si sia data la stura a questa massa di merda incompetente? Ah, già: nel 1994, quando la mafia si è insediata a palazzo Chigi.

Di Maio a suoi: “Salvini e Berusconi pronti a fare un patto dal notaio”

(Sono stufo di scriverlo che sarebbe finita a pesci in faccia tra queste due cricche. Uno statista, vedi Renzi, quando c’è un problema cerca una soluzione, queste merde cercano SCUSE. Nota mia)

Matteo Salvini “si fa chiamare capitano ma ha abbandonato la nave nel momento del coraggio” dice Luigi Di Maio nel corso dell’assemblea dei parlamentari del Movimento 5 Stelle.

 “Salvini non ha tradito il movimento o Conte, ma milioni di italiani a cui per 14 mesi aveva detto che non guardava i sondaggi. Ha tradito il contratto di governo per i suoi interessi”. Lo ha detto, a quanto si apprende, Luigi Di Maio ai parlamentari riuniti in assemblea. “Berlusconi e Salvini stanno andando dal notaio per firmare un patto che assicura seggi a Berlusconi. Lo dico a Forza Italia: oggi Berlusconi vi mollerà. E Salvini svenderà Lega a Berlusconi come fece 20 anni fa”. “Salvini agli italiani ha detto ‘state sereni’. Pagherà un caro prezzo per come ha tradito il Paese”, ha detto Di Maio in assemblea dei parlamentari M5s.

Mattarella è l’unico che decide quando e se andare a votare – ha detto il capo politico dei Cinque Stelle -. Già è surreale che ci debba essere crisi a Ferragosto. Ai cittadini viene scaricata addosso la preoccupazione non delle elezioni ma di una crisi che colpirà misure per loro importanti. Un governo non si insedierà prima di dicembre: salterà tutto quello che abbiamo fatto, quindi reddito, quota 100…Stiamo parlando del futuro del nostro Paese”.

“La Lega faccia dimettere tutti i suoi ministri da questo Governo – ha detto Di Maio -. I ministri della Lega dovrebbero votare contro se stessi. Noi saremo al fianco di Giuseppe Conte. Ha il diritto di presentarsi alle Camere per dire quello che abbiamo fatto, quello che potevamo fare e che non faremo. Ci devono guardare negli occhi”.

“Si fa chiamare capitano ma ha abbandonato la nave nel momento del coraggio, ha detto, a quanto si apprende, Di Maio in assemblea congiunta con i parlamentari M5s.

https://www.democratica.com/focus/maio-suoi-salvini-berusconi-pronti-un-patto-dal-notaio/?utm_source=onesignal&utm_medium=notifiche
Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Lascia un Commento