Frequenze tv, sì del governo all’asta. Berlusconi: “Un’imboscata”°°°Le imboscate le fanno i banditi e tu…

Frequenze tv, sì del governo all’asta
Berlusconi: “Un’imboscata”

L’esecutivo fa suoi gli ordini del giorno presentati da Idv e Lega e si impegna a cancellare l’assegnazione a titolo gratuito per andare ai migliori offerenti. L’ex premier irritato dalla firma di Maroni sul documento e sulla decisione del governo di “adottarlo”

Frequenze tv, sì del governo all'asta Berlusconi: "Un'imboscata"Il ministro per i Rapporti col Parlamento, Piero Giarda (ansa)

ROMA – Il governo ha accolto nell’aula della Camera due ordini del giorno analoghi, di Idv, Lega ed esponenti del Pd, che lo impegna ad annullare l’assegnazione gratuita delle frequenze Tv e a indire una successiva asta “a titolo oneroso”. Il documento, essendo stato accolto, non è stato posto ai voti. Lo ha comunicato il ministro per i rapporti con il Parlamento, Piero Giarda, che ha corretto una sua precedente indicazione in cui ne chiedeva l’accantonamento.

Il “beauty contest”, cioé l’assegnazione a titolo gratuito delle frequenze tv liberate dal digitale terrestre era stato deciso dal governo Berlusconi e contestato dalle opposizioni 1in quanto assegnava agli

Continue reading

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter