Alemanno, Rauti (moglie), Polverini, e altri fascisti ladroni e incapaci stanno derubando l’Italia

ISABELLA RAUTIISABELLA RAUTI 7- MARCHI, DA ALEMANNO ALLA RAUTI
Il Fatto
– Dal primo agosto scorso Sergio Marchi è diventato capo della segreteria di Isabella Rauti, consigliere regionale del Lazio e moglie di Gianni Alemanno. Chi è Marchi? È l’ex assessore ai Trasporti del Comune di Roma nella giunta dello stesso Alemanno, quello che pagò con la perdita della poltrona, lo scandalo della parentopoli dell’Atac.
Scandalo nel quale venne coinvolta la sua compagna (trasferita dalla Cotral, azienda del trasporto su gomma regionale a Met.ro, la società del Comune di Roma che gestiva la metropolitana di Roma, poco dopo l’insediamento dell’assessore), e diversi parenti degli uomini del suo staff (un posto in una società legata all’Atac fu ottenuto anche dal fratello della sua compagna). Ora, con uno stipendio di 86 mila euro lordi al mese, è il capo delle segreteria della Rauti che dice: “Lo conoscono da quando siamo ragazzini”.

°°° E chi se ne fotte?! Ma se questo ladrone si ruba 86 mila euro al mese… la gallina quanto si ruba? E per fare che?!

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

L’italietta e la Rai degli sprechi e dei ladroni. Dal 1994 rubano a più non posso.

La Rai a New York, un colosso da 16 milioni
Al servizio di quattro giornalisti

La megastruttura è gestita dalla società Rai Corp. Si trova a Tribeca in uno spazio di tremila metri quadrati. Con due studi di ultimissima generazione, uno identico a quello della Cnn. Unico generoso cliente: il servizio pubblico italiano

Ogni sera i corrispondenti Rai fanno la faccia scura mentre ci raccontano che succede di brutto in America: default, apocalisse, crisi mostruosa che travolgerà presto l’intero pianeta. Ma, spente le telecamere, quello che vedono coi loro occhi è molto più rassicurante.

Nel bell’edificio di Tribeca, quartiere alla moda di New York, lo staff di Rai Corporation è quanto di più pacioso e lussureggiante si possa immaginare: 12 dirigenti, 30 tecnici, una decina di producer e supervisor più impiegati, amministrativi, collaboratori, stagisti e chi più ne ha più ne metta. Tanto lo spazio non manca: la sede costa cara, circa un milione di dollari l’anno, ma sono pur

Continua a leggere

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

I ladroni della Rai: il servo Masi condannato a rendere 700 mila euro.

Masi, dura sentenza della Corte dei Conti

“Restituisca alla Rai 700mila euro”

Masi, dura sentenza della Corte dei Conti “Restituisca alla Rai 700mila euro” La richiesta della Procura generale dopo l’esposto del consigliere Rizzo Nervo: ingiustificate le maxi buonuscite all’ex conduttrice Tg1 Buttiglione (935mila euro) e all’ex direttore di Radiorai Del Bosco (700mila euro)

°°° Quando c’era la Moratti nel ’94 assistetti in prima persona a rapine della cosca berlusconi per decine e decine di miliardi. Denunciai tutti i dirigenti, con nomi, importi e date… Sei mesi di deposizioni al comendo generale della GdF di Roma e poi INSABBIARONO TUTTO E MI CANCELLARONO. La Rai mi deve ancora più di TRE MILIARDI per lavori MAI  pagati. Dal 1994 ad oggi è stato sempre così, dato che l’azienda è sempre stata nelle mani del mafionano, anche quando ha governato Prodi.

masi.fesso

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Frattini e lega: come rubare quattrini e Bruxelles e non contare una mazza.

Allergia a Bruxelles, una malattia da leghisti che però ha colpito anche chi dovrebbe avere solidi anticorpi, leggi Franco Frattini, un passato recente da commissario europeo. I dati delle presenze dei nostri ministri ai consigli Ue del 2010 parlano chiaro: il titolare degli Esteri si è presentato alle riunioni con i colleghi – assieme all’Ecofin, le più importanti del lotto perché indicano la linea politica della Ue – solo cinque volte su 11. Un risultato deficitario per il ministro di un Paese che fatica terribilmente a farsi rispettare in Europa, forse anche perché per contare nel club bisogna frequentarlo.

Promosso invece Giulio Tremonti, presente dieci volte su 11, e pure Giancarlo Galan, che da quando è all’Agricoltura si è fatto vedere in quattro riunioni su cinque Discorso inverso per il predecessore Zaia: mai visto quest’anno a Bruxelles. Male anche il compagno di partito e ministro Roberto Maroni: al Consiglio Interni si è presentato due volte su sei. Un’allergia contagiosa.

°°° La destra italiota non si è mai occupata di politica. Non la capisce e non le interessa. A questa cosca di ladroni interessa solo fottere soldi, da qualunque parte si trovino. Per vie legali (con leggi ad hoc), ma soprattutto per vie illecite e illegali. Sono o non sono la peggior cosca mafiosa che abbia mai infestato l’Europa o no?

NATALE DI MERDA, GOVERNICCHIO DI MERDA

BN. era berlusconi-gorilla

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Il delirio della secessione dell’inesistente “padania”. Scommettete che ora il sig.Ictus (da pompa) lo ritira fuori?

LEGAIOLI:

ma pensate un po’ se davvero gli italiani fossero così stupidi da votare ancora lega. Ma ve l’immaginate la “padania” nelle mani di questi ladroni incapaci? Guardate cosa hanno combinato in Piemonte, Lombardia, in Veneto o ad Adro… Farebbero la fine dell’Irlanda in sei mesi.

lega kkk

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter