Con buona pace di Maroni e altri cialtroni, le mafie occupano da anni tutto il nord.

‘ndrangheta-Cosa nostra, affari in Europa
oltre 50 arresti per maxitraffico di droga

Il “cartello” sarebbe stato costituito a Milano con gli investimenti delle cosche reggine: la cocaina arrivava da Colombia ed Ecuador, sbarcava ad Anversa e Amburgo e finiva sui mercati di Italia, Belgio, Germania, Olanda e Austria

http://www.repubblica.it/cronaca/2012/10/18/news/_ndrangheta_50_arresti_per_maxitraffico_di_droga_in_europa-44762088/?ref=HRER2-1

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Politica in mano a massoneria, mafia, camorra e ‘ndrangheta: ecco il regalo di Berlusconi.

“Per un nuovo sogno italiano”, quello di mettere tutto nelle mani delle mafie.

Anche nel Lazio la politica cena con la mafia

Il consigliere Udc Raffaele D’Ambrosio e i rapporti con massoneria e ‘ndrangheta. Uomini della potente cosca Tripodi hanno partecipato alla campagna elettorale del candidato di centrosinistra.

Anche nel Lazio la politica cena con la mafia

http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/10/13/anche-nel-lazio-politica-cena-con-mafia/381385/

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Per i politicanti ladri sapete chi si indigna di più? LA MAFIA!!!

Marco Travaglio per il “Fatto quotidiano

Nel film di Marco Bellocchio “Bella Addormentata” c’è un senatore-psichiatra, interpretato con perfida ironia da Roberto Herlitzka, che visita gli altri parlamentari in preda a svariate forme depressive. Uno si sente inutile e lui prescrive un “Serenes”, poi lo rincuora con un rassicurante: “Se sei un senatore della Repubblica, un motivo ci dovrà pur essere”.Un altro si chiama Beffardi (impersonato magistralmente da Toni Servillo) ed è in crisi di coscienza perchè non vuole saperne di

Continua a leggere

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Ryanair “Bari città di mafia e San Nicola”. °°°No, ma ci trattano bene anche ‘sti ladroni!

Quando c’era Prodi queste porcherie non se le sognavano nemmeno.

L’increduità dei passeggeri di ritorno da Parigi. Il messaggio di benvenuto tradotto anche in inglese. Una ragazza scrive alla compagnia: “Offesi da una società che per realizzare il suo hub nel capoluogo pugliese percepisce soldi della Regione”. Informato anche il sindaco

Annuncio shock sul volo Ryanair "Bari città di mafia e San Nicola"

http://bari.repubblica.it/cronaca/2012/10/06/news/offese_sul_volo_ryanair-43958371/?ref=HREC1-5

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Dell’Utri, il raglio della mafia colta con le mani nel sacco.

°°° Si lamenta perché i pochi magistrati che non sono riusciti a corrompere indagano sui mafiosi. ma roba da matti! Ma non potrebbero dedicarsi al golf, invece di rompere i coglioni ai criminali?
“Non ho paura di niente. A me fa paura solo la salute. L’altro giorno ho fatto un check up e mi hanno riscontrato la prostata ingrossata. Mi hanno detto che con tutta la rottura di coglioni che mi fanno è il minimo che mi possa succedere. Lunedì prossimo devo fare una biopsia e se c’è qualcosa di più grave bisognerà intervenire. Ingroia lo avrà sulla coscienza”.

MARCELLO DELLUTRIMARCELLO DELLUTRIDELLUTRIDELLUTRI

Lo dice Marcello Dell’Utri, senatore del Pdl, a La Zanzara su Radio 24. “Le ultime accuse di riciclaggio – dice ancora Dell’Utri – mi sembrano una cosa comica. Minchiate. Quella che mi fanno è una vessazione giudiziaria. In galera ci andrei, ma riconoscendo che ho fatto degli errori. Ma io penso di non averli fatti”.

Ma lei ha intenzione di rifugiarsi a Santo Domingo, chiedono i conduttori Giuseppe Cruciani e David Parenzo? “Non escludo niente – dice Dell’Utri – questo non è un paese dove si può vivere, meglio Santo Domingo. Molti la pensano come me. Berlusconi mi ha dato 40 milioni, tutto riscontrabile, e loro pensano che li ho dati alla mafia. Sono veramente malati. Solo persone con disturbi possono pensare cose del genere. C’è gente che si alza al mattino per rompere le scatole, e fa questo di mestiere. Bisognerebbe essere attenti, invece questi giudici se ne fottono: intercettano, denunciano, rinviano a giudizio”.

Berlusconi nel con Marcello DellUtriBERLUSCONI NEL CON MARCELLO DELLUTRIBerlusconi nel con Marcello DellUtriBERLUSCONI NEL CON MARCELLO DELLUTRI

E’ vero che ha il passaporto dominicano?
“No è un’altra minchiata, una fesseria. Ho una casa a Santo Domingo e ho la residenza. E’ un paese dove si sta benissimo”. Di Marco Travaglio cosa pensa? “E’ una persona che mi fa senso, cioè mi disgusta”.

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Minetti: “Doveroso sostenere le realtà italiane”. Ma perché cominciare con la mafia e i casini?

Minetti dal Pirellone alla passerella
domenica sfila in costume da bagno

Il consigliere regionale del Pdl lombardo, sotto processo per il caso Ruby, protagonista
della Settimana milanese della moda. “Ritengo doveroso sostenere le relatà del mio Paese”

http://milano.repubblica.it/cronaca/2012/09/18/news/minetti_dal_pirellone_alla_passerella_domenica_sfila_in_costume_da_bagno-42806204/?ref=HREC2-1

°°°OK, PORTA IN GIRO UN ALTRO PO’ DI PLASTICA, VA’.

Minetti dal Pirellone alla passerella domenica sfila in costume da bagno

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Berlusconi interrogato dai pm “Mangano era una persona perbene”

Questo tipo ha un concetto bizzarro di “persona per bene”.  Perdonatemi, ma tra Burlesquoni e Borsellino, io sto con Borsellino. Ecco chi era in realtà questo criminale.

Vittorio Mangano (Palermo18 agosto 1940 – Palermo23 luglio 2000) è stato un criminale italiano pluriomicida legato a Cosa Nostra conosciuto – attraverso le cronache giornalistiche che hanno seguito le vicende processuali che lo hanno visto coinvolto – con il soprannome de “lo stalliere di Arcore“, data l’attività che svolgeva presso la villa brianzola di Silvio Berlusconi. Fu definito da Paolo Borsellino una delle “teste di ponte dell’organizzazione mafiosa nel Nord Italia.

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter