ANCORA MINCHIATE

«Piano casa»: nuovo scontro sull’aumento di cubature
Berlusconi: «Approvato domani». Lo stop delle Regioni

Cosa non si fa per incassare gli applausi dei costruttori. Berlusconi davanti alla platea dell’Ance annuncia: «Entro novembre nuove “case-campus” per 13mila abruzzesi». E poi insiste: «Domani vareremo anche l’aumento delle cubature per le villette del 20%». Ma le Regioni gelano il premier: «Dell’aumento di cubature non se ne parla nel Dl».

AUMENTO CUBATURE GIA’ INIZIATO

piano_casa1

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Dal nostro impagabile Josto

Il Governo compie oggi un anno: 365 giorni di vergogne

E’ stato uno sporco lavoro ma qualcuno doveva farlo: condensare in un unico post il primo anno di lavoro del governo Berlusconi. Mi scuso per la lunghezza: non sono stato io prolisso, sono loro che ne hanno fatte tante. Del resto, Berlusconi si definisce uomo del fare. Ho i brividi a pensare cosa ci aspetti nei tre anni successivi.

13-14 aprile 2008 – Si svolgono le elezioni politiche.

16 aprile 2008 – Berlusconi accusa la Spagna di avere un governo troppo rosa. Incassa le proteste vibranti di Elena Valenciano, segretaria per le relazioni internazionali del Partito socialista spagnolo. Dichiara subito di essere stato frainteso.

17 aprile 2008 – Gerolamo Sirchia, ministro della Salute del precedente governo Berlusconi, è condannato a tre anni di carcere per un giro di mazzette.

18 aprile 2008 – A Villa Certosa conferenza stampa congiunta di Berlusconi e di Vladimir Putin. Una giornalista russa chiede conferma al proprio premier di un pettegolezzo e quest’ultimo si inalbera. Berlusconi mima un mitra che spara verso la giornalista, la quale scoppia in lacrime.

21 aprile 2008 – Maroni comincia a parlare di ronde, facendo scoppiare le prime polemiche.

22 aprile 2008 – Alessandra Mussolini si autocandida ministro. Non ottiene repliche.

7 maggio 2008 – Si costituisce il Governo. Sarà in carica dal giorno successivo. In nome del risparmio Berlusconi aveva promesso che ci sarebbero stati solo 12 ministri e pochissimi sottosegretari: i ministri sono 21 (12 con portafoglio, 9 senza) ed i sottosegretari 39.

11 maggio 2008 – Durante Che Tempo Che Fa Marco Travaglio rivela che Schifani aveva avuto rapporti con persone poi condannate per mafia. Segue il solito balletto di condanna e le solite minacce alla libertà di espressione.

13 maggio 2008 – Scambio di bigliettini tra Berlusconi e due deputate dagli indubbi meriti: «Se avete inviti galanti, andate pure». «Gli inviti galanti li accettiamo solo da lei». La serietà innanzitutto. / Daniele Capezzone, transfuga dei Radicali, diviene il nuovo portavoce di Forza Italia.

19 maggio 2008 – Ovvero il festival della tolleranza. Il ministro per le pari opportunità Carfagna nega il patrocinio del governo al tradizionale Gay Pride. “Per il governo gli omosessuali non sono discriminati.” Neanche per quello iraniano, se è per questo. Dure reazioni della società civile, o quello che ne resta. A sostegno delle parole del Ministro, lo stesso giorno, nel quartiere Pigneto di Roma, un gruppo di bravi cittadini aggredisce con spranghe un gruppo di transessuali. / Maroni propone di confiscare gli appartamenti locati agli immigrati clandestini. / Il Parlamento Europeo si riunisce per discutere della preoccupante politica italiana anti-rom.

21 maggio 2008 – Cominciano le “passerelle” del consiglio dei ministri: si riunisce a Napoli per discutere dell’emergenza rifiuti, conclude solo di nominare Guido Bertolaso sottosegretario all’emergenza. La lotta all’emergenza monnezza pare la priorità principale del governo, ma tuttora ci si chiede come sia stata risolta e se sia stata davvero risolta.

10 giugno 2008 – La ministra delle Pari Opportunità Carfagna si dichiara religiosa e propone l’istituzione delle cooperative del sesso per le prostitute.

16 giugno 2008 – Meritocrazia! Parte la norma salva-premier, l’incombente sentenza del processo Mills non c’entra nulla, intendiamoci. Per sostenere le sue tesi Berlusconi ricorda all’Italia che i giudici sono comunisti. / Il ministro della Pubblica Istruzione Gelmini propone di abolire i concorsi pubblici per l’assunzione dei professori e di basarsi solo su assunzioni dirette.

17 giugno 2008 – Dalla parte del cittadino: il Ministro per lo Sviluppo Economico Claudio Scajola, ascoltando le lamentazioni del presidente di Confindustria Emma Marcegaglia, pone le basi per l’affossamento della legge sulla Class Action.

18 giugno 2008 – Per gli esami di maturità il Ministero dell’Istruzione diffonde una traccia per un tema su Montale sbagliata. Inoltre agli studenti degli Istituti Tecnici per il Turismo è consegnata, per la prova di Inglese, una traccia piena di errori. Anche nel testo della versione di greco consegnato ai ragazzi impegnati nella maturità al liceo classico ci sono errori. La ministra Gelmini si autoassolve e scarica ogni colpa sul team per gli Esami di Stato, silurandolo.

25 giugno 2008 – tanto per aiutare gli onesti, il governo abroga alcune norme antiriciclaggio ed anti-evasione. Allo stesso modo, parlando alla Confesercenti, Berlusconi dichiara che i giudici sono un cancro e che i magistrati ideologizzati sono metastasi della democrazia, meritandosi salve di fischi dall’uditorio.

26 giugno 2008 – scoppia lo scandalo Saccà: intercettazioni rivelano una gestione estremamente clientelare della struttura fiction della Rai. Coinvolti politici di ogni schieramento, compreso Berlusconi, che ha delle amiche da piazzare.

8 luglio 2008 – si svolge a Roma il No Cav Day, una manifestazione di protesta contro la politica berlusconiana. Dal palco, Sabina Guzzanti attacca il ministro Carfagna: “Ma tu non puoi mettere alle Pari opportunità una che sta lì perché t’ha succhiato l’uccello, non la puoi mettere da nessuna parte ma in particolare non la puoi mettere alle Pari opportunità perché è uno sfregio”. Alle invettive di Guzzanti, Grillo, Travaglio, Di Pietro e molti altri si oppone compatto il fronte politico, maggioranza e opposizione solidamente alleate, sostenuto dalla quasi totalità della stampa. Si consuma in questa occasione il divorzio tra PD ed IDV.

10 luglio 2008 – Il ministro per le Pari Opportunità Mara Carfagna modifica con quattro articoli la legge Merlin: multe e arresti per prostitute e clienti. Meno chiare le misure sugli sfruttatori e la criminalità organizzata che gestisce il traffico. In fin dei conti gli sfruttatori sono imprenditori…

25 luglio 2008 – Sotto il sole di luglio Berlusconi dichiara di fare una politica di sinistra.

28 luglio 2008 – Sotto il sole di luglio Umberto Bossi punta i piedi perchè la Rai produca una fiction su Federico Barbarossa. A gentile richiesta.

29 luglio 2008 – Si tenta di togliere l’assegno sociale alle casalinghe.

30 luglio 2008 – Sotto il sole di luglio Berlusconi si lamenta per il troppo lavoro, e per dimostrarlo mostra alla stampa una pagina della sua agenda: tra i suoi appuntamenti del giorno figurano l’attrice e modella Federica Manna e l’attrice Antonella Troise (due delle sue raccomandate Rai), oltre alla deputata Nunzia De Girolamo, quella dei bigliettini galanti.

2 agosto 2008 – Sotto il sole di agosto, il ministro della Funzione Pubblica Renato Brunetta fa pubblicare sul sito del Ministero delle vignette che prendono in giro i dipendenti statali.

4 agosto 2008 – Berlusconi fa coprire il seno alla figura femminile presente nel dipinto del Tiepolo (per fortuna una copia) conservato a Palazzo Chigi. Quando si dice la moralità ed il rispetto per l’arte.

5 agosto 2008 – Arrivano 170 militari a presidiare Milano. Perchè? Per presidiarla.

6 agosto 2008 – Tremonti lancia il piano case: 20.000 nuovi alloggi dal nulla. Il Sunia urla alla truffa: si tolgono 550 milioni di euro destinati nel 2007 all’emergenza abitativa, ed in particolare alle famiglie disagiate sottoposte a sfratto, per destinarli ad un fondo nazionale che dovrà finanziare un piano tutto da definire.

8 agosto 2008 – Berlusconi posa per i fotografi a Campo De Fiori con la ministo Gelmini e si lascia andare a complimenti galanti, tipici dei rapporti tra presidenti e ministri.

19 agosto 2008 – Crisi in Georgia. Berlusconi si sente telefonicamente con Putin per cercare di avere un ruolo nella diplomazia internazionale. Sui giornali circolano addirittura sue dichiarazioni in cui si vanta di essere stato cruciale per la risoluzione della crisi (“Grazie a Dio il mio amico Putin mi ha ascoltato, altrimenti col cavolo che i carri armati russi si sarebbero fermati a quindici chilometri da Tbilisi. Abbiamo evitato un inutile bagno di sangue”), dichiarazioni che smentirà in seguito: “Il presidente Silvio Berlusconi non ha mai pronunciato la frase ‘grazie a Dio il mio amico Putin mi ha ascoltato…‘

24 agosto 2008 – Il ministro Gelmini è costretta a smentire di aver detto che gli insegnanti del Sud abbassano la qualità della scuola, ma specifica che “In Sicilia, Puglia, Calabria e Basilicata organizzeremo corsi intensivi per gli insegnanti”. Presa di posizione degli intellettuali. Una decina di giorni dopo si scopre che il preparato ministro Gelmini ha sostenuto l’esame di abilitazione da avvocato grazie ad un mezzuccio.

5 ottobre 2008 – La Marcegaglia trova il Piano-Clima europeo troppo gravoso per le aziende e chiede che il governo italiano ponga il veto. Innanzitutto le industrie, poi il futuro del pianeta. La posizione che assume l’Italia sbalordisce i partner europei. Monito di Napolitano.

8 ottobre 2008 – il decreto Gelmini passa con la fiducia al Governo. Richiamo di Napolitano. In seguito si scoprirà che nel decreto della Gelmini c’era ben poco.

23 ottobre 2008 – Il democratico e cristiano senatore a vita Francesco Cossiga dispensa consigli su come domare la piazza, invasa dagli studenti che protestano per la riforma della scuola: “Lasciar fare gli universitari. Ritirare le forze di polizia dalle strade e dalle universita’, infiltrare il movimento con agenti provocatori pronti a tutto, e lasciare che per una decina di giorni i manifestanti devastino i negozi, diano fuoco alle macchine e mettano a ferro e fuoco le città. Dopo di che, forti del consenso popolare, il suono delle sirene delle ambulanze dovra’ sovrastare quello delle auto di polizia e carabinieri. Nel senso che le forze dell’ordine non dovrebbero avere pieta’ e mandarli tutti in ospedale. Non arrestarli, che tanto poi i magistrati li rimetterebbero subito in liberta’, ma picchiarli e picchiare a sangue anche quei docenti che li fomentano. Non dico quelli anziani, certo, ma le maestre ragazzine si’.” Per molti è solo questione di giorni.

25 ottobre 2008 – Per dimostrare che non esiste il conflitto d’interessi, durante una cena con gli industriali invita i commensali a non fare pubblicità sulle tv di Stato e giustifica gli italiani che non pagano il canone Rai. Stranamente, il giorno dopo non smentisce.

26 ottobre 2008 – Dopo la manifestazione del PD al Circo Massimo, Berlusconi reagisce sparando a zero sull’opposizione.

28 ottobre 2008 – Al processo Mills, il legale dell’imputato chiede a Berlusconi di presentarsi in aula. Il pm per primo si spancia dalle risate.

29 ottobre 2008 – Sette disegni di legge contro i disegnini sui muri: il governo legifera contro i writers. / La lucida mente finanziaria di Berlusconi incolpa i media della crisi economica incombente. / Nonostante le enormi proteste di piazza, il DL Gelmini passa al Senato, scatenando reazioni. Gli scontri in piazza Navona a Roma, innescati dagli squadristi di destra, non passano inosservati. Ovviamente per il governo è sempre colpa della sinistra. C’è chi pensa che i consigli di Cossiga non siano andati inevasi.

30 ottobre 2008 – Sciopero nazionale a Roma (ed in altre città d’Italia) contro il decreto Gelmini.
Almeno un milione i partecipanti (un centinaio secondo la Questura), chiuse il 90% delle scuole. La Polizia carica gli studenti a Bologna. Maroni promette gli arresti per chi blocca le scuole.

31 ottobre 2008 – Il processo di normalizzazione procede spedito, come pure il piano di Rinascita Nazionale: Licio Gelli ha un programma tutto suo su Odeon Tv! Per Vattimo è un inizio di fascismo. Qualcuno immagina scenari ben orchestrati per minare la democrazia. / Il governo promette il carcere ai campani (e solo a loro) che abbandonano la spazzatura in strada: dopo le leggi ad personam quelle ad regionem!

3 novembre 2008 – La boutade della settimana è una velata minaccia: camperò 120 anni! / Il senatore di Forza Italia Paolo Guzzanti scrive pagine di fuoco contro la mignottocrazia imperante nel suo schieramento politico, prendendosi una querela dalla Carfagna, da lui definita calendarista delle pari opportunità. / Il senatore Dell’Utri (altra stoffa…) critica lo stile troppo dark del Tg3, loda Mussolini e ribadisce che il mafioso Mangano era un eroe.

5 novembre 2008 – Barak Obama è il nuovo Presidente Usa. Gasparri lo festeggia, dando la stura alle gaffe nostrane, con le immortali parole: “Adesso Al Quaeda sarà più contenta.” Il giorno dopo Berlusconi, emulando il suo ministro Calderoli, lo definirà “Giovane, bello e abbronzato”, scatenando la riprovazione mondiale. Più tardi correggerà il tiro con le più equilibrate e signorili parole: “Veramente c’è qualcuno che pensa che non sia stata una carineria? Se scendono in campo gli imbecilli siamo fregati. Dio ci salvi dagli imbecilli. Come si fa a prendere un grande complimento come una cosa negativa? Ma che vadano a…” Più tardi ancora troverà una formula ancora più adatta alle platee internazionali: “Perché c’è qualcuno che ha obiettato? Uno può sempre prendere la laurea del coglione quando vuole. Se uno vuole prendere una laurea pubblica ogni occasione è buona. Io mi sono veramente rotto e dico quello che penso”. / Sempre il 5 novembre, il presidente italiano, vero controllore dell’informazione televisiva, critica la medesima, definendola troppo appecoronata sulle posizioni della sinistra, e promette democraticamente l’uso della forza contro chi si opporrà alla realizzazione della Tav. / Nello stesso giorno, nell’opulenta Italia berlusconiana che progetta ponti sullo Stretto e Tav, c’è chi deve rubare per mangiare.

6 novembre 2008 – Primo grande successo del Governo: Bondi vince la paura dell’aereo!

7 novembre 2008 – Voglia di sicurezza anche contro i senzatetto: per la serie “cornuti e mazziati” si propone il registro dei clochard! / Il premier litiga con un giornalista americano per la battuta su Obama. Negli Usa moltissimi italiani comprano pagine di quotidiani per dissociarsi dalle parole del premier. Nasce anche un sito.

8 novembre 2008 – Lo scrittore Andrea Camilleri esprime il dubbio che il ministro Gelmini non sia un essere umano e riceve gli strali della maggioranza e dell’opposizione, fraternamente uniti. / Gli studenti in piazza sfottono Berlusconi per le sue gaffe internazionali. / Cossiga torna a dare consigli alla polizia su come soffocare le proteste di piazza. Pare proprio una Scuola Pinochet, leggere per credere.

9 novembre 2008 – Dopo le uscite di Berlusconi, la first lady francese Carla Bruni esprime la sua soddisfazione di non essere più italiana. / Un giornalista del tg3 subisce intimidazioni fasciste.

10 novembre 2008 – Intimidazioni governative: Bondi attacca il programma satirico Glob di Enrico Bertolino. / Il castigamatti dei fannulloni Renato Brunetta non usa la stessa disciplina per il suo ufficio.

11 novembre 2008 – il Washington Post cita le frasi di Berlusconi su Obama come esempio dello strisciante razzismo che ancora circola in Europa.

12 novembre 2008 – Berlusconi sente ostilità attorno a sè. Ovviamente se la prende con la sinistra.

13 novembre 2008 – Arriva la sentenza per la macelleria messicana della scuola Diaz: assolti i vertici della polizia, condannati solo 13 agenti. Il fatto che gli episodi si fossero svolti sotto un precedente governo Berlusconi e che la sentenza arrivi sotto un altro governo Berlusconi è puramente casuale. / In spregio alle indicazioni dell’opposizione, la maggioranza elegge Riccardo Villari quale presidente della commissione di vigilanza Rai. Ha inizio un teatrino dai risvolti paradossali.

14 novembre 2008 – Secondo una sentenza della Cassazione si può staccare il sondino ad Eluana Englaro. Il ministro della Giustizia Alfano comincia ad intromettersi nel caso promettendo subito una legge apposita per evitarlo.

15 novembre 2008 – Veltroni reclama le dimissioni di Villari. / Carinerie da Gasparri a Veltroni: “arrogante, stupido e incapace!” / Il ministro Bossi afferma che gli immigrati sono una risorsa negativa per l’Italia.

16 novembre 2008 – Per il ministro Brunetta i fannulloni sono di sinistra. Tempestivamente, lo stesso giorno, il ministro Gelmini afferma che, per certi versi, il loro governo è di sinistra.

17 novembre 2008 – Persino un sacerdote reclama rispetto, da parte della politica, per la famiglia Englaro, richiamando l’attenzione sul fascismo strisciante. / La Corte Dei Conti avverte che il federalismo rischierà di far aumentare le tasse, invece di diminuirle.

18 novembre 2008 – La posizione di Berlusconi sullo scacchiere internazionale è sempre più pregnante: a Trieste fa cucù alla Merkel. / Maggioranza e opposizione si mettono d’accordo su Zavoli per la commissione di vigilanza Rai, ma Villari resta ancorato alla poltrona. / Berlusconi pensa a Lufthansa come partner di Alitalia ma non ci crede nessuno. Il commissario straordinario Fantozzi ammette che sarebbe stato meglio vendere ad Air France.

19 novembre 2008 – Alfano critica l’indulto mastelliano ma va addirittura oltre. / Il Pd promette che Villari si dimetterà, ma Villari non è d’accordo / Scajola da l’ok per la vendita di Alitalia alla Cai: i 300 milioni di euro del prestito Berlusconi all’azienda prendono il volo e non li rivedremo più.

20 novembre 2008 – Il pasionario antifannulloni Renato Brunetta è proprio così limpido da poter scagliare sempre la prima pietra?

28 novembre 2008 – Francesco Pionati molla l’Udc per saltare sul carro del vincitore. / La casa delle libertà: Berlusconi ordina ai suoi di non partecipare al programma tv di Maurizio Crozza.

29 novembre 2008 – Il tecnico che presiede il comitato per la verifica di fattibilità del ponte sullo stretto avverte che sarà caro e pericoloso. / Piccoli statisti crescono: lo stesso giorno il figlio di Bossi, Renzo, è bocciato per la terza voltà all’esame di maturità. / Non c’entra il conflitto d’interesse: il governo raddoppia l’iva a Sky ed aggiunge anche un’addizionale del 25% sui prodotti porno. Si giustifica l’allineamento dell’iva delle pay tv satellitari dal 10 al 20% per un senso di giustizia, dimenticando che l’iva agevolata fu introdotta per favorire proprio lui!

2 dicembre 2008 – Sempre la casa delle libertà: il premier invoca la cacciata dei direttori di giornali che non gli sono favorevoli.

3 dicembre 2008 – Ancora la casa delle libertà: Berlusconi comincia a parlare di regolamentazione di internet! / La Lega invece chiede lo stop alla costruzione di moschee in Italia.

4 dicembre 2008 – Viva la democrazia: Licio Gelli esprime il suo apprezzamento per l’opera politica di Berlusconi e dispensa consigli. / Berlusconi trova il tempo di intrattenersi con le gemelline De Vivo! / Il ministro Frattini si schiera col Vaticano per bloccare i diritti degli omosessuali.

5 dicembre 2008 – L’illustre scenziata Margherita Hack lancia l’ennesimo allarme contro il fascismo strisciante. / Se gli studenti della scuola pubblica non ottengono ascolto nonostante mesi di manifestazioni, alla scuola cattolica basta una telefonata ed una minaccia per far reintegrare i tagli previsti.

6 dicembre 2008 – la casa dei diritti: le banche sono esentate dall’obbligo di assumere disabili. / Berlusconi perde la causa contro The Economist, che lo aveva accusato di non essere adatto a guidare l’Italia.

7 dicembre 2008 – L’arcivescovo di Milano Tettamanzi auspica la realizzazione di nuove moschee. Calderoli gli dà del comunista!

8 dicembre 2008 – Dura contestazione degli studenti contro Gianni Letta.

9 dicembre 2008 – Villari esordisce in vigilanza Rai dietro pressione di Gasparri, ma non ci crede nessuno.

10 dicembre 2008 – Berlusconi annuncia di voler cambiare la Costituzione da solo e poi accusa la sinistra di non essere democratica! / Il senatore di AN Roberto Speciale, ex generale della Guardia Di Finanza, è accusato di peculato ed abuso.

11 dicembre 2008 – Qualcuno insinua che Berlusconi al governo porti sfiga. E non c’è stato ancora il terremoto in Abruzzo…

13 dicembre 2008 – Manifestazione contro il ddl della ministra Carfagna sulla prostituzione.

15 dicembre 2008 – Pronta l’alternativa, qualora non dovesse passare il Lodo Alfano, per aiutare Berlusconi nelle sue beghe personali: allungare i processi. / Brunetta, dal canto suo, vuole allungare l’età pensionabile delle donne.

16 dicembre 2008 – Sempre più casa delle libertà: Berlusconi promette il pugno di ferro in Rai per “adeguare” l’informazione e la satira!

18 dicembre 2008 – La casa delle libertà dei cittadini e dei consumatori: ancora una mazzata contro la Class Action. / Libertà di autodeterminazione: la clinica di Udine che si è resa disponibile ad accogliere Eluana Englaro denuncia intimidazioni da parte del ministro Sacconi.

19 dicembre 2008 – Ancora riforma della giustizia: Berlusconi vuole processi diversi sia in tribunale che nelle tv! / Guido Bertolaso lamenta la mancanza di fondi per la Protezione Civile e minaccia di dimettersi. / Altre primizie sul Ponte sullo Stretto: tra i progettisti ci sono coloro che dovranno valutarlo!

20 dicembre 2008 – Prima stretta sulle intercettazioni, affondo serio alla giustizia. / Berlusconi, smentendo Sacconi, afferma che il governo non deve farsi carico del caso Englaro. Subito dopo smentisce (proteste davanti al ministero del welfare) e rilancia il presidenzialismo alla Berlusconi, cioè quello che smentirà la settimana dopo.

22 dicembre 2008 – Pierferdinando Casini denuncia l’autoritarismo di Berlusconi. / Il tribunale di Strasburgo da ragione agli Englaro.

2 gennaio 2009 – Cresce il fabbisogno. E’ il dato peggiore dal 2005.

3 gennaio 2009 – I militari italiani sono messi a guardia delle discariche e si sentono umiliati nella professionalità. / Nell’opulenta Italia berlusconiana i malati di cancro indigenti chiedono l’eutanasia perchè non hanno sostentamento.

7 gennaio 2009 – Sempre con la fiducia al Governo passa il decreto Gelmini sull’Università. / Berlusconi propone Air France come partner per Alitalia!

8 gennaio 2009 – Una proposta di legge vuole assegnare lo status di combattente a chi aderì a Salò, equiparando i fascisti schierati coi nazisti hitleriani ai partigiani che hanno combattuto per la libertà e la democrazia.

9 gennaio 2009 – La Lega propone una tassa sui permessi di soggiorno.

10 gennaio 2009 – Berlusconi apre la campagna elettorale per le regionali in Sardegna insultando il PD.

11 gennaio 2009 – I sondaggisti svelano il meccanismo delle proposte populiste leghiste. / Brunetta pretende che i dipendenti pubblici tirino fuori il paese dalla crisi. Come mai non ha vinto il Nobel per l’economia?

13 gennaio 2009 – Sono in aumento sbarchi dei clandestini, stupri e rapine ai negozi. La sicurezza della destra è un bluff, l’unico cambiamento è che c’è meno cronaca nera nei media. / Berlusconi annuncia che non andrà all’insediamento di Obama perchè non si ritiene una comparsa.

14 gennaio 2009 – La stampa francese prende per il culo gli italiani per l’affaire Alitalia-Air France: “Merci, Silvio!”

15 gennaio 2009 – La tanto sbandierata social card mostra tutti i suoi limiti. Per altri è un vero imbroglio.

16 gennaio 2009 – Nuovo tentativo di bloccare l’informazione televisiva non allineata. / La clinica di Udine che voleva accogliere Eluana Englaro getta la spugna, pressata dal ministero. Sacconi è denunciato per violenza privata.

17 gennaio 2009 – Villari non vuole proprio dimettersi. / Dalla Sardegna Berlusconi attacca la tv di stato e, col consueto buon gusto, racconta barzellette sui lager nazisti, col consueto strascico di preoccupate polemiche.

20 gennaio 2009 – Berlusconi assicura che la crisi economica non è poi così male.

21 gennaio 2009 – Il Csm lamenta la continua delegittimazione della magistratura da parte di Berlusconi. / Per il caso Englaro, Sacconi comincia ad intimidire anche il Piemonte. / Fini è contestato alla Sapienza; lo stesso giorno da il benservito a Villari. / La commissione Libertà Pubblica denuncia il clima di intolleranza verso i rom. / Dopo la preghiera islamica in piazza Duomo a Milano, Maroni vieta le manifestazioni davanti ai luoghi di culto. / Il conflitto d’interessi non c’entra: Rai e Mediaset si coalizzano contro Sky.

22 gennaio 2009 – Vengono fuori i primi problemi nella scuola per le nuove direttive della Gelmini. / Riparte la campagna per il Ponte sullo Stretto: non si è visto ancora un mattone ma già si sono spesi 160 milioni di euro!

25 gennaio 2009 – Per la serie “città più sicure”, non solo gli stupri non si arrestano, ma il premier afferma che “Servono tanti soldati quante sono le belle ragazze italiane, non ce la faremmo mai…” Poi smentisce dicendo che era un complimento. A chi? Echi dell’ennesima gaffe anche all’estero.

26 gennaio 2009 – Nuova sentenza del Tar in favore della famiglia Englaro. / Un altro sacerdote mette in guardia contro il fascismo strisciante.

27 gennaio 2009 – Il ministro per la semplificazione Roberto Calderoli dice la sua sugli stupri e rilancia la castrazione.

30 gennaio 2009 – Il digitale terrestre, fortemente voluto da Berlusconi per salvarsi le reti, è giudicato inutile, costoso ed obsoleto dagli esperti.

2 febbraio 2009 – Paolo Guzzanti lascia la CdL per passare all’opposizione, caso rarissimo nella storia parlamentare. / Maestri del Diritto: il ministro Maroni invoca cattiveria nella lotta ai clandestini. / Nella moderna scuola voluta da Gelmini non ci sono soldi per pagare i corsi di recupero.

3 febbraio 2009 – Il ministro Fitto è rinviato a giudizio per concorso in turbativa d’asta e interesse privato. Ovviamente non si dimette. / Spot del governo sulle reti televisive per la presunta ripulitura di Napoli dalla monnezza: protagonista è Elena Russo, una delle raccomandate di Berlusconi.

4 febbraio 2009 – Berlusconi definisce la sinistra immorale e nello stesso giorno la destra blocca la legge che vieta la tortura in Italia. / Eluana Englaro è arrivata nella clinica di Udine e Berlusconi pensa ad un decreto d’urgenza per bloccare il protocollo.

5 febbraio 2009 – Il senato vota la norma che impone ai medici di denunciare i clandestini e quella che istituisce le ronde padane. / Il governo annuncia che il decreto ad personam per Eluana Englaro è pronto; dure proteste del padre della donna e risalto sdegnato sulla stampa mondiale. / Durante il governo che odia le tasse la pressione fiscale arriva ai massimi storici. / Di Pietro paragona il governo Berlusconi al nazismo.

6 febbraio 2009 – Caso Englaro: con soddisfazione del Vaticano, il governo approva un decreto-legge volto ad impedire la sospensione di alimentazione ed idratazione. Napolitano non firma il decreto, incostituzionale. In serata, il Governo approva un disegno di legge che riprende totalmente il testo del decreto. L’opposizione grida al golpe. Per rafforzare le sue tesi Berlusconi arriva a dire che Eluana Englaro “è una persona viva, respira in modo autonomo e potrebbe anche avere un figlio”. Quindi minaccia di cambiare la Costituzione. Poco dopo smentisce. Moltissime persone in Italia, temendo che la politica possa mettere il naso nel proprio destino, lasciano un testamento biologico pubblico. Chi ha visto le reali condizioni di Eluana ha inorridito alle parole di Berlusconi. Berlusconi è furente con Napolitano, che pretende di esercitare le proprie funzioni.

7 febbraio 2009 – Il padre di Eluana Englaro invita Berlusconi a far visita alla donna, per rendersi conto di persona delle condizioni. Non giunge risposta. In compenso il premier sostiene che la nostra Costituzione è troppo filosovietica (o non abbastanza fascista?)!

9 febbraio 2009 – Eluana Englaro muore. La destra ulula “omicidio!” ma è smentita dalla magistratura. / Famiglia Cristiana accusa il governo di fare leggi razziali contro gli stranieri. Il governo rumeno ci accusa di xenofobia. Veltroni rincara la dose.

10 febbraio 2009 – La scuola secondo Gelmini: lettera aperta da parte dei genitori e degli studenti del liceo di Rivoli dove è morto per il crollo di un soffitto uno ragazzo di 17 anni. “Da Roma nessun aiuto. non avete neanche risposto alla nostra prima lettera di dicembre”

11 febbraio 2009 – Berlusconi afferma di essere il più moderato di tutti! / Il Csm boccia le nuove norme sulle intercettazioni

12 febbraio 2009 – Berlusconi afferma di non avere mai attaccato la Costituzione!

13 febbraio 2009 – Maurizo Gasparri attacca di nuovo la libertà di espressione, tanto per cambiare di Michele Santoro e Vauro.

14 febbraio 2009 – Berlusconi ha l’idea di spostare i Bronzi di Riace alla Maddalena per il G8: insurrezione dei tecnici che giudicano il trasferimento pericolosissimo. / Sempre in Sardegna regala lepidezze di dubbio gusto, ironizzando sugli squadroni della morte argentini: “erano belle giornate e li facevano scendere dall’aereo”. Nuova figuraccia internazionale: l’Argentina convoca l’ambasciatore italiano. / Dopo aver fatto cadere il governo Prodi, in occasione di San Valentino, Mastella annuncia che per le prossime europee torna in seno al PdL. Ma va? Eppure, secondo Dini, Clemente ha la faccia pulita; non giungono giudizi sulla coscienza. / La legge sul testamento biologico in lavorazione, che di fatto toglie ogni libertà di scelta, fa rabbrividire i medici ed i giursti, che la considerano un’aberrazione contro i diritti umani. / La Lega vuole lanciare la raccolta di firme per introdurre la castrazione chimica. Calderoli, da medico, dice che è più sicura quella chirurgica. Amenità che ci meritano un nuovo attacco sulla stampa rumena.

16 febbraio 2009 – La sicurezza pubblica secondo il PdL: tagliati i fondi per la Polizia, bloccata la manutenzione delle vetture delle forze dell’ordine: “Possiamo permetterci solo il rabbocco dell’olio e il cambio delle gomme”.

17 febbraio 2009 – L’avvocato Mills è condannato a 4 anni e 6 mesi per essere stato corrotto. Invece la posizione processuale del corruttore è stralciata in attesa del verdetto della Corte Costituzionale sulla legittimità costituzionale del Lodo Alfano. Berlusconi è tranquillo. / I sardi festeggiano la vittoria del candidato della destra alle regionali cominciando a picchiare i rumeni.

19 febbraio 2009 – Passa alla Camera il decreto-legge Milleproroghe. Scompaiono le norme che impongono innovazioni ambientali ai costruttori. / Fedele Confalonieri è rinviato a giudizio per la bancarotta di Hdc. / Polemiche per il nuovo Cda della Rai

21 febbraio 2009 – Manifestazione a Roma contro la legge sul testamento biologico.

22 febbraio 2009 – Berlusconi si paragona ad Obama.

23 febbraio 2009 – I partiti della destra monopolizzano le ronde cittadine, che nelle intenzioni dovevano essere apartitiche. / Napolitano è preoccupato per i tagli alla ricerca.

24 febbraio 2009 – Mentre in tutto il mondo si va verso le energie rinnovabili (solare ed eolico), nel paese del Sole e del Vento si va a marcia indietro: intesa tra Italia e Francia sulla costruzione di centrali nucleari sul nostro territorio, alla faccia del referendum con il quale gli italiani dichiararono di non volerle. L’Independent oltretutto ci fa sapere che le nuove centrali, oltre ad essere carissime, sono più pericolose delle vecchie. Ma noi siamo ricchi, la crisi è solo psicologica, no? Neanche i sondaggi danno ragione al premier: gli italiani il nucleare non lo vogliono.

25 febbraio 2009 – Già che siamo ricchi, Matteoli annuncia la partenza del Ponte sullo Stretto entro il 2009. / Altro colpetto ai diritti sindacali dei lavoratori: arriva lo sciopero virtuale! / Era Gelmini: la scuola italiana è considerata la più povera d’Europa. Ma non eravamo ricchi?

27 febbraio 2009 – Dopo la castrazione la gogna: la Lega chiede liste pubbliche di pedofili e stupratori. A quando lo Jus Primae Noctis?

1 marzo 2009 – Ancora problemi nella scuola, grazie alle nuove direttive: boom di brutti voti, anche in condotta.

2 marzo 2009 – Polizia e Carabinieri chiedono di bloccare le ronde e di potenziare piuttosto il loro organico, ridotto ai minimi termini.

3 marzo 2009 – Il ministro Brunetta decide di innalzare l’età pensionabile delle donne.

8 marzo 2009 – Secondo uno studio del Centro d’ascolto dell’informazione radiotelevisiva durante i due anni del governo Prodi (2006 e 2007) i tg raddoppiarono lo spazio della cronaca nera per aumentare la percezione di insicurezza della gente. E c’è voluto uno studio per capirlo?

9 marzo 2009 – Proposta di legge di Gabriella Carlucci sulla regolamentazione di Internet: nessun riferimento alla lotta contro la pedopornografia, che pure si propone di combattere. Piuttosto nuove tutele per gli interessi dell’industria dell’audiovisivo. Il conflitto d’interessi ovviamente non c’entra nulla.

10 marzo 2009 – In apparente spregio delle funzioni dei parlamentari, e per un maggiore controllo su di loro, Berlusconi propone che a votare in aula siano solo i capogruppo. / D’Alema avanza l’ipotesi che Berlusconi al governo porti male. E non c’è ancora stato il terremoto in Abruzzo…

11 marzo 2009 – La Lega vuole mettere mano alla legge sulla caccia: doppiette ai sedicenni, accesso nei parchi e uso di animali-esca. Per il momento è ancora proibito l’uso del carrarmato. / I medici protestano sull’uso strumentale che si vuole fare di loro per la denuncia dei clandestini / Berlusconi annuncia che il G8 della scienza si terrà a casa sua. Non si sa ancora in quale stanza. / Piano Edilizia a go go: le abitazioni private potranno essere ingrandite fino a un tetto massimo del 20% del volume esistente. Le Regioni si oppongono, Berlusconi insiste.

12 marzo 2009 – Il Brasile protesta formalmente per le polemiche italiane sul caso Battisti, che screditano il diritto brasiliano.

17 marzo 2009 – Alcuni ministri della repubblica sono sorpresi a braccetto con capi neonazisti. Ma va?

19 marzo 2009 – Dopo le censure mondiali subìte da Ratzinger per le sue uscite in Africa su Aids e profilattico, Berlusconi si distingue per la difesa a spada tratta del Papa. / Il democratico Brunetta afferma che gli studenti protestatari dell’Onda vanno trattati come fossero guerriglieri. Non specifica se gli si possa sparare. / Chissà perchè, un rapporto dell’Onu dimostra che in Italia si vìolino i diritti umani! Frattini s’indigna.

28 marzo 2009 – L’ex sottosegretario alla giustizia Borghezio, tiene lezioni ai fascisti francesi dell’Ump su come infiltrarsi nelle istituzioni. / Berlusconi tiene lezioni su quanto era bravo l’amico Bettino Craxi.

30 marzo 2009 – Berlusconi nega di essere un duce.

31 marzo 2009 – L’Italia è di nuovo protagonista: i parlamentari della destra (tra i quali Dell’Utri) negano l’esistenza dell’effetto serra ed attacca gli accordi di Kyoto! Quando si dice avere i coglioni!

2 aprile 2009 – Il ministro Brunetta tesse le lodi delle dipendenti statali: “Il pubblico è stato usato come un ammortizzatore sociale soprattutto da parte delle donne che uscivano a fare la spesa in orario di lavoro” / “Mister Obama! Mister Obama”, chiama Berlusconi a voce spiegata, e la regina Elisabetta… vabbè, lasciamo stare.

3 aprile 2009 – La casa della libertà di stampa: al G20 ci tiene a far sapere che ha lavorato tanto perchè i ministri stavano al cesso. Quindi ha apostrofato una giornalista Rai: “Cosa scrivi? Guarda che le riunioni per viale Mazzini le facciamo a casa mia”.

4 aprile 2009 – La signora Merkel lo aspetta alla porta ma lui è troppo impegnato al telefono. Se glielo fanno notare s’incazza pure e medita ripercussioni sui media! I giornali stranieri invece, su cui non ha nessun potere, ci sguazzano. Non sarà un caso se è l’unico che Obama snobba negli incontri bilaterali? Ma lui dice che l’ha invitato in America…

5 aprile 2009 – Il tavolo della Cgil? “Glielo diamo in testa”. / Anche al vertice di Praga è spassosissimo.

7 aprile 2009 – Tragico terremoto in Abruzzo. Il premier rimedia mandando al mare la popolazione. «Mi raccomando, mettete la crema solare». I giornali stranieri inorridiscono per la sua battuta che paragona la condizione di sfollato a quella di campeggiatore, quelli italiani glissano.

12 aprile 2009 – Puntata di Anno Zero sull’Abruzzo. A Silvio non piace. In generale non gli piace la tv che rema contro.

15 aprile 2009 – Dalle leggi ad personam si passa a quelle ad aziendam.

16 aprile 2009 – Il consiglio d’Europa è sempre più preoccupato per il razzismo circolante in Italia.

17 aprile 2009 – Nuovo richiamo di Napolitano al premier, stufo dei troppi decreti.

23 aprile 2009 – Il G8 di luglio non si terrà più a La Maddalena ma a L’Aquila. Non si sa ancora se coi Bronzi di Riace o meno.

24 aprile 2009 – Il Viminale fa sapere che la lotta ai clandestini sta dando i suoi frutti: nel 2009 gli sbarchi sono raddoppiati!

25 aprile 2009 – Per la prima volta Berlusconi celebra il 25 aprile. Ovviamente cercando di sdoganare i repubblichini. E cercando di palpare le signore.

26 aprile 2009 – Promette di ritirare il disegno di legge che equipara repubblichini a partigiani.

27 aprile 2009 – Toto candidature, praticamente un casting, per le europee nella CdL: si rincorre la più avvenente, non la più capace. La Fondazione di Fini censura la tendenza berlusconiana di candidare procaci signorine esclusivamente per l’apparenza e non per la sostanza. E se qualcuna resta fuori può esserci un papà che minaccia di darsi fuoco. Veronica Lario parla di ciarpame senza pudore. / Un abruzzese lo contesta, lui salta l’incontro con la stampa.

28 aprile 2009 – Parte l’allarme per l’Influenza Suina. Non certo perchè qualcuno sia sospettato di menare rogna… / Scoppia il caso Noemi, l’appena maggiorenne napoletana che lo chiama papi!

29 aprile 2009 – Sono rese note le candidature per le europee, dopo un rapido restyling della lista. La rosa delle veline si è ristretta e Silvio si sfoga accusando alcune donne della sinistra di puzzare! Dichiara che quelle sulle veline erano solo voci ma qualcuna protesta: “avevo già firmato!” Tra le candidate anche la sua vicina di casa, con cui è in causa.

30 aprile 2009 – I ministri erano pochi, in pole position anche la Brambilla. / Nuove norme per complicare la lotta al racket. / Secondo Freedom House l’Italia è l’unica nazione europea a fare passi indietro nella libertà di stampa: «situazione anomala a livello mondiale di un premier che controlla tutti i media, pubblici e privati» E che tra l’altro medita di mettere sotto controllo anche internet. Da avanguardista.

1 maggio 2009 – Berlusconi passa dall’Io come Obama al “Io meglio di Obama!” Sicuramente è più fischiato di Obama.

2 maggio 2009 – comincia ad essere fischiato anche a Roma. / Promette le prime case ai terremotati abruzzesi entro settembre.

3 maggio 2009 – Veronica Lario annuncia l’intenzione di divorziare da Silvio Berlusconi. Il premier insiste affinchè la vicenda resti privata. Afferma di essere addolorato ma non vuole parlare.

4 maggio 2009 – lotta senza quartiere ai bambini figli di clandestini: si valuta una norma per chiedere ai presidi scolastici di denunciarli! / Marcello Dell’Utri rilascia un’intervista in cui definisce il dittatore sanguinario Mussolini “un uomo straordinario e di grande cultura, troppo buono”.

5 maggio 2009 – Emma Bonino rimarca il disprezzo di Berlusconi per le donne. / Era tale la voglia di Berlusconi di non parlare del proprio divorzio che chiede a Vespa di darli un’intera puntata di Porta A Porta per esternare le proprie ragioni. Non l’ho vista, non so se Vespa gli abbia fatto anche qualche domanda, ma tanto… / Il quotidiano dei vescovi chiede un premier più sobrio. Non so se hanno presente il loro papa, rimando ad un paio di post fa… / Il decreto su L’Aquila è ribattezzato decreto abracadabra: i soldi per la ricostruzione appariranno per magia!

6 maggio 2009 – Berlusconi dichiara alla stampa francese di aver gestito la separazione con classe e di avere una popolarità vicino al 120% o giù di lì… / Il cinema delle libertà: Il ministro Brunetta si dice stizzito per il fiorire di una cinematografia che si occupa troppo di precariato. / Autorizzata la fiducia al ddl sulla sicurezza: qualcuno rispolvera le leggi razziali.

7 maggio 2009 – Nuova figuraccia internazionale: Berlusconi disprezza chiese finlandesi che forse non ha neanche mai visitato! / Ancora una figuraccia internazionale: Maroni rispedisce in Libia 227 persone migranti soccorse nel canale di Sicilia. L’Alto commissariato Onu si dice preoccupato per l’inasprimento delle misure contro i clandestini, Medici senza Frontiere parla di “Rimpatrio illegale. Contraria anche la Corte europea dei diritti umani”

b-polipo

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

POllice verso

L’atomo non scalda gli italiani
la maggioranza resta contraria

Un sondaggio Eurispes rivela che il 45,75% della popolazione non vuole il ritorno del nucleare: “Pericoloso e non risolve”

ROMA – La campagna governativa per il ritorno al nucleare per il momento non ha fatto breccia nel cuore degli italiani. Malgrado l’attivismo del presidente del Consiglio e del ministro delle Attività produttive Claudio Scajola nel sostenere la necessità di costruire il prima possibile nuove centrali atomiche, una larga maggioranza di cittadini rimane comunque contraria. A confermare l’ostilità che la rivolta del 2003 contro il sito di stoccaggio per le vecchie scorie radioattive progettato a Scanzano Jonico aveva già indicato in maniera molto chiara, è ora un sondaggio svolto dall’Eurispes nell’ambito del Rapporto Italia 2009.

Analizzando attraverso un questionario scritto un campione di 1.118 persone rappresentative dell’intera popolazione nazionale, l’istituto di ricerca ha rilevato una percentuale di contrari al ritorno del nucleare pari al 45,75%. La quota di favorevoli si ferma invece al 38,7%, ma in realtà andrebbe ulteriormente ridimensionata visto che ben l’8,2% di questi “sì” è vincolato al fatto che le nuove centrali vengano edificate lontano dalla loro zona di residenza.

Scavando tra le motivazioni del “no” all’atomo, l’Eurispes ha verificato che per il 27,3% il rifiuto è dettato dai rischi che tale scelta comporterebbe, mentre un 18,4% non ritiene l’atomo una soluzione rapida per risolvere i problemi connessi all’energia. Tra i favorevoli, invece, l’orientamento prevalente (30,1%) è quello di chi giudica il nucleare una buona soluzione per porre rimedio alla crisi energetica.

L’installazione di centrali nucleari sul territorio vede soprattutto contrari i residenti nell’area del Nord-Ovest (49,5%), nel Meridione (47,9%), nelle regioni centrali (47,2%) e nel Nord-Est (45,7%). In controtendenza invece le Isole, con una maggioranza di favorevoli (50%).

Il Rapporto Eurispes ha sondato poi anche la percezione degli italiani sulle problematiche ambientali in generale. Stando alle risposte fornite dal campione intervistato, l’emergenza numero 1 è quella dei rifiuti, con il 30,8% delle segnalazioni. Le preoccupazioni immediatamente successive sono quelle legate al riscaldamento globale (24,8%), l’inquinamento atmosferico (19,9%) e questione energetica (16,4%).

°°° Preoccupanti le scimmiette decerebrate delle isole al 50%. Tutto dovuto all’assoluta DISINFORMAZIONE.

nucl

accordo-sul-nucleare

fanculo2

coglione

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

le minchiate di tvemonti e mafiolo

IL FEDERALISMO SECONDO TREMONTI
di Maria Cecilia Guerra 05.05.2009

Approvata definitivamente la legge delega sul federalismo fiscale, resta ora la partita della sua attuazione. Ed è tutta da giocare perché i principi contenuti nella delega sono molto generali e possono dar luogo a esiti assai differenziati. Come correttamente ci ricorda il ministero dell’Economia, la completa riscrittura della struttura della spesa e delle entrate pubbliche auspicata dalla legge manca ancora sia dei supporti fondamentali di conoscenza sia delle scelte politiche che ne caratterizzeranno il mix finale fra autonomia e solidarietà nazionale.

L’approvazione definitiva della legge delega sul federalismo è stata accolta dall’esultanza della Lega in Parlamento (“una giornata storica”). Molto più cauta la reazione della stampa: “che cosa succederà adesso?” È impossibile al momento prevederlo: i principi contenuti nella delega sono molto generali e possono dar luogo a esiti molto differenziati. Come più volte è stato sottolineato anche in questo sito,l’esame dei possibili effetti della delega manca poi di un supporto cruciale: l’analisi quantitativa delle poste in gioco.
Per capire quanto la partita del federalismo sia ancora tutta da giocare, è interessante leggere la sintetica analisi proposta dalla Ruef – Relazione unificata sull’economia e la finanza pubblica alle pagine 160-162, di cui riportiamo alcuni stralci (in corsivo), con alcune sottolineature (in grassetto).

UNA PREMESSA

La Ruef premette che “Il processo di quantificazione finanziaria degli aspetti connessi all’attuazione del federalismo fiscale, in relazione al testo del disegno di legge delega (…) si presenta come un’operazione oggettivamente molto complessa e ciò anche in considerazione dell’incertezza del relativo quadro di riferimento. Ne deriva che non è possibile determinare ex ante le conseguenze finanziarie dell’intero processo, a causa dell’elevato numero di variabili che dovranno essere definite in sede di redazione dei decreti legislativi di attuazione”.

CLASSIFICAZIONE E DEFINIZIONE DELLE FUNZIONI DELLE REGIONI E DEGLI ENTI LOCALI

Un primo problema riguarda la definizione e la classificazione delle funzioni delle regioni e degli enti locali. La delega sul federalismo prevede infatti che mentre per i livelli essenziali delle prestazioni (Lep) erogate dalle regioni (e che interessano campi rilevanti quali la sanità, l’istruzione e l’assistenza) e per le funzioni fondamentali degli enti locali deve essere previsto il finanziamento integrale del fabbisogno standard, per le altre funzioni regionali e degli enti locali il finanziamento deve avvenire principalmente con entrate proprie, assistite da un fondo di perequazione che elimina solo in parte le differenze fra le capacità fiscali dei diversi territori. In altre parole, per Lep e funzioni fondamentali si cerca di assicurare, attraverso un finanziamento adeguato e una perequazione delle risorse che tiene conto delle diversità nei bisogni, una certa omogeneità di offerta sul territorio nazionale, per le altre funzioni invece gli spazi di autonomia e differenziazione sono molto più ampi.
Ma la Ruef ci ricorda che:“Non risultano agevolmente individuabili le specifiche attività amministrative da ricondurre alle funzioni di competenza delle regioni e degli enti locali, né è chiaro quali attività amministrative siano da ricondurre ai livelli essenziali delle prestazioni per le regioni e quali alle funzioni fondamentali per gli enti locali”.
Più in particolare, secondo la Ruef, l’individuazione dei Lep è “una scelta di definizione degli standard minimi di servizio che, oltre agli aspetti tecnici, potrà riflettere anche più ampi obiettivi di politica economica. Tale valutazione non potrà che aver luogo in sede di confronto tra i rappresentanti dei livelli istituzionali interessati all’attuazione del federalismo fiscale”.
Per ora quindi se ne sa poco o nulla. La delega non detta nessun principio per la definizione di tali livelli, in quanto essi non saranno oggetto di un decreto attuativo ma dovranno essere definiti con legge dello Stato. L’unica cosa che il Mef sembra dare per acquisita è che si tratta di standard minimi: lo slittamento semantico, da livelli “essenziali” a livelli “minimi”, non può infatti essere casuale, dopo un dibattito che dura orami da un decennio sulle diverse implicazioni, in termini di riconoscimento dei diritti di cittadinanza, dell’una o dell’altra definizione.

CLASSIFICAZIONE E QUANTIFICAZIONE DEI TRASFERIMENTI ERARIALI

La delega prevede la soppressione dei trasferimenti erariali esistenti e la loro sostituzione con compartecipazioni o tributi propri. Poiché però i trasferimenti attuali servono per finanziare tipologie di spesa diverse che, come si è detto, con l’attuazione del federalismo fiscale saranno assistite da garanzie di copertura finanziaria differenziate, occorre “una puntuale identificazione delle finalità per le quali tali trasferimenti sono attualmente erogati e delle loro fonti di finanziamento. Si tratta di un’operazione che dovrà realizzarsi in un contesto caratterizzato da una serie di finanziamenti senza vincolo di destinazione o destinati ad interventi molto specifici nei singoli territori, rendendo così impegnativo ricondurre i medesimi trasferimenti ad una delle tre tipologie (Lep, non Lep e interventi speciali) previste dal disegno di legge”.

SUPERAMENTO DEL CRITERIO DELLA SPESA STORICA A FAVORE DEI COSTI STANDARD

La delega richiede che la quantificazione dei fabbisogni di spesa per i Lep e per le funzioni fondamentali avvenga con riferimento ai costi standard per la loro erogazione. Per valutare tali costi è indispensabile conoscere, quantomeno, la spesa storica per ciascuna funzione. Le informazioni finanziarie di base dovrebbero essere rilevate dai bilanci dei diversi soggetti istituzionali. A questo proposito, però, la Ruef ci ricorda che “i bilanci regionali risultano fortemente disomogenei e scarsamente confrontabili, mentre i bilanci degli enti locali sono classificati secondo uno schema omogeneo e sono oggetto di rilevazione da parte del ministero dell’Interno. Anche per questi ultimi, in ogni caso, si rileva una certa disomogeneità delle metodologie contabili adottate, per ciò che, in particolare, attiene l’applicazione della classificazione funzionale e il diversificato ricorso alle esternalizzazioni dei servizi”.

I COSTI DEI SERVIZI ESTERNALIZZATI

La delega prevede infatti che, ai fini della determinazione del fabbisogno finanziario, si tenga conto della spesa relativa a servizi esternalizzati, o svolti in forma associata, per la rilevante incidenza che tale fenomeno ha presso gli enti territoriali. “Un elemento di criticità deriva dal fatto che non sono disponibili bilanci consolidati degli enti locali e delle loro società ed aziende partecipate, per cui non risulta possibile definire con precisione il livello di spesa pubblica degli enti territoriali. Inoltre, nei casi in cui gli enti hanno esternalizzato anche le fonti di finanziamento, i bilanci sono ancor meno rappresentativi delle attività svolte a livello locale”.
Insomma, come correttamente ci ricorda il Mef, la completa riscrittura della struttura della spesa e delle entrate pubbliche auspicata dalla delega sul federalismo manca ancora sia dei supporti fondamentali di conoscenza sia delle scelte politiche che ne caratterizzeranno il mix finale fra autonomia e solidarietà nazionale.

tvemonti_sfiga

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Sacconi nel sacco

Le Regioni bocciano il testo unico sulla sicurezza di Sacconi

Le regioni italiane, a esclusione della Lombardia, dicono no al testo unico sulla sicurezza nei luoghi di lavoro proposto dal governo. Il decreto contiene misure che potrebbero dar luogo «a un sistema di controlli non credibile» e potrebbe originare problemi per casi come quello dell’incidente alla Thyssen Krupp dove persero la vita numerosi operai» ha detto Vasco Errani, presidenza della conferenza.

Al termine dell’incontro Errani ha confermato che le regioni hanno espresso sulla norma un «parere negativo a maggioranza, con una diversa posizione della sola Lombardia che ha dato parere positivo». Errani ha specificato che il no riguarda in particolare due punti contenuti «nell’articolo 2 bis e nell’articolo 10 bis», quest’ultimo è il cosiddetto provvedimento salva-manager, al centro di molte contestazioni.

Errani ha spiegato che «il primo mette in discussione le competenze delle Regioni» e può dar luogo «a un sistema di controlli non credibile». Quanto al secondo articolo su cui le Regioni puntano il dito «con un esercizio dell’interpretazione della delega – ha spiegato Errani – si costruisce un sistema che mette in discussione responsabilità anche precedenti, come potrebbe accadere nel caso della Thyssen, che si potrebbe trovare in una situazione difficile». Su questi punti le Regioni avevano fatto pervenire al governo delle proposte di modifica che sono state respinte.

Il no delle Regioni è una posizione «più politica» che di merito «le Regioni di centrodestra si esprimeranno in modo diverso,
vedrete». Lo ha detto il ministro del Welfare, Maurizio Sacconi. Per il ministro «quello che conta è che il parere della conferenza delle Regioni è un atto liberatorio per l’iter della norma, perché consente la trasmissione degli atti alle Camere e ci permette di rispettare i tempi della delega».

Per quanto riguarda i rilievi mossi dalla Conferenza delle Regioni, Sacconi ha difeso il ruolo degli «enti bilaterali, che
rappresentano – ha detto – uno dei contenuti di maggior condivisione con le parti sociali». Quanto alla «riscrittura della norma penale», legata alla responsabilità penali in caso di incidenti sul lavoro, il ministro ha specificato che «quest’aspetto non è competenza delle Regioni», ma ha anche ribadito che, «al di là del dato formale», su questo punto saranno apportati dei
correttivi. La norma «verrà riscritta. A noi interessa risolvere questo punto – ha detto – perché sia certo il contenuto e le finalità » di questa misura.

Dopo il parere negativo espresso dalla Conferenza delle Regioni, il governo «deve rivedere le sue posizioni» dice, in una nota, la Cgil. «La Conferenza ha infatti espresso il suo dissenso su punti di merito nodali del progetto di revisione elaborato dal governo- fa notare il sindacato – punti su cui anche altri, tra cui autorevoli giuristi, hanno espresso le loro motivate critiche». E’ auspicabile, dunque, secondo la Cgil, «che il governo non si chiuda sulle sue posizioni e riconosca le ragioni di merito su cui si fondano le
critiche e le contrarietà al provvedimento».

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

GOVERNICCHIO DI MERDA 1

LA LEGGE
Caccia, arriva la legge liberi tutti
Ambientalisti: “Specie a rischio”
Una norma cancella i limiti: Italia sotto accusa perché permette di uccidere specie che l’Ue vuole proteggere di ANTONIO CIANCIULLO

ROMA – Si potrà sparare a ferragosto, quando la città si trasferisce in campagna. A febbraio, mentre i migratori volano verso i luoghi della riproduzione. E poi, di deroga in deroga, i confini della stagione venatoria potrebbero allargarsi erodendo sempre di più il tempo della natura protetta. È la libera caccia versione due. Il primo tentativo del governo di far saltare le regole del gioco mettendo il fucile in mano ai sedicenni e permettendo di sparare a pagamento anche con il buio e sulla neve non ha avuto un buon indice di gradimento ed è rimasto prudentemente parcheggiato in Senato. Adesso il blitz si ripete alla Camera con maggiore accortezza: questa mattina si discute in commissione Agricoltura un testo in cui, camuffata sotto formule ambigue, si offre la possibilità di ampliare la stagione venatoria oltre i confini attuali che vanno dal primo settembre al 31 gennaio.

“È un capolavoro di retorica, nel senso peggiore del termine”, spiega Danilo Selvaggi, responsabile Lipu dei rapporti con le istituzioni. “Si pretende di dare una risposta alle richieste dell’Unione europea che accusa il nostro paese di cacciare troppo e male, ma in realtà si propongono modifiche che peggiorano la situazione in modo drastico. Se questa legge venisse approvata la pressione dei cacciatori dilagherebbe: una volta saltati i paletti che fissano l’inizio e la fine della stagione venatoria le Regioni potrebbero decidere deroghe in ogni momento dell’anno. Uno schiaffo alla protezione della natura e all’Unione europea”.

Contro questa proposta si è immediatamente mobilitato un fronte composto da oltre venti associazione ambientaliste (Lipu, Lav, Wwf, Legambiente, Enpa, Animalisti italiani, Fare Verde) e dai cacciatori che difendono la legge quadro e il legame con il territorio (Arcicaccia). In poche ore sono arrivate le adesioni di personaggi del mondo della cultura e dello spettacolo, da Susanna Tamaro a Licia Colò, da Maurizio Costanzo a Danilo Mainardi, da Renato Zero a Marisa Laurito. E tra i parlamentari del Pdl c’è chi non ha gradito la deregulation selvaggia delle doppiette: Gianni Mancuso e Fiorella Ceccacci Rubino hanno presentato emendamenti per correggere la pressione degli oltranzisti della doppietta.

Anche all’interno del governo pare serpeggi un certo disagio. Un malumore aggravato dalla beffa che si aggiunge al danno: per far passare le misure anti europee si è usato lo strumento nato per sanare i contrasti con Bruxelles. Nella Legge Comunitaria è stato infatti inserito un emendamento firmato da due senatori del Pdl (Valerio Carrara e Sergio Vetrella) che cancella i termini di riferimento della stagione venatoria aprendo le porte a deroghe per allungare il calendario. Insomma l’Italia è sotto accusa perché permette di sparare a specie che secondo l’Unione europea vanno protette (ad esempio il fischione, la canapiglia, il mestolone) e invece di mettersi in regola getta le premesse per un altro contenzioso sui limiti della stagione venatoria che l’Europa ha fissato in modo da evitare lo sterminio dei migratori prima del momento della riproduzione.

cacc

vergogna12

anti

anti1

cacc1

caccia

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

che culo!

Brunetta: «Col federalismo stop ai privilegi delle Regioni a statuto speciale »
«Ora tutte saranno “speciali” , e non perchè hanno più soldi delle altre»

«FINE PRIVILEGI REGIONI STATUTO SPECIALI» – «Basta con le Regioni a statuto speciale» ha anche detto Brunetta, commentando le critiche del sindacato valdostano Savt-Ecole sulla legge Gelmini e sulla legge Brunetta. «Tutte le Regioni italiane – ha precisato – saranno speciali, non ci saranno più privilegi». «Le Regioni a Statuto speciale – ha affermato Brunetta – sono istituzioni della Repubblica che per 50-60 anni hanno chi bene chi meno bene goduto di un vantaggio finanziario. Molti l’hanno usato bene, altri meno bene. Con il federalismo e il federalismo fiscale che stiamo realizzando avremo tutte regioni a statuto speciale. Si giocherà non più sui trasferimenti maggiori, ma sull’efficienza, la qualità, la trasparenza, la produttività. E saremo tutti un po’ più equi. Che nessuno – ha aggiunto – strilli alla lesa autonomia, non si tratta di questo. Si tratta solo di redistribuire meglio le risorse della collettività».

°°° Quindi, per questo cialtrone, per questo mentecatto ignorante e presuntuoso, invece che arrivare finalmente alla nostra autonomia reale: con zona franca, continuità territoriale con le NONSTRE flotte navali e aeree, saremo costretti a mangiare molta più merda. Dunque, noi che in Sardegna raffiniamo il petrolio per mezza Europa, inquinando il nostro territorio e i nostri mari, ma paghiamo la benzina e il gas più cari che altrove. Dunque, noi dobbiamo sopportare vere e proprie guerre sul nostro territorio, a causa delle servitù militari che seminano cancro e pesci al mercurio… e dovremmo stare zitti? Va bene che siamo circondati di scimmiette, amici, ma dovremmo sopportare anche che una cosca mafiosa col 33% dei voti ci pisci in testa e continui a colonizzarci e rincoglionizzarci? Io non lo credo. Penso che quando arriveranno i FATTI concreti, sapremo reagire come si conviene e gettare a mare queste merde.

brunetta2

brunettasordi1

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Dopo le minchiate di ghedini

PIANO CON LA CASA
di Raffaele Lungarella 17.04.2009

Governo e Regioni hanno raggiunto l’accordo sul Piano casa. L’impianto normativo è cambiato rispetto alla prima stesura e le Regioni mantengono autonomia in materia. Nel frattempo, anche il tragico terremoto dell’Abruzzo ha indotto qualche ripensamento. Ed è stato aggiunto l’obbligo per il progettista di verificare il rispetto della normativa antisismica in caso di ampliamenti. Resta difficile stabilire l’impatto economico del piano perché non si è ancora in grado di stimare il numero di edifici residenziali a cui si potrà applicare l’incremento di volumetria.

Dopo tante false partenze sembra che finalmente prenda il via uno dei tanti “piani casa” al quale il governo sta lavorando da mesi. Dopo un lungo braccio di ferro ha raggiunto un accordo con le Regioni per l’emanazione di una normativa per aumentare le volumetrie degli edifici residenziali, in deroga alle dimensioni massime previste dei piani regolatori dei comuni in cui essi sono localizzati.

IL COMPROMESSO

È stato raggiunto un compromesso. Il governo può attribuire a sé il merito di aver salvato la sostanza: fronteggiare la crisi economica dando un impulso all’attiva edilizia alimentato dalla micro domanda di tante famiglie disposte, ipotizza il governo, a trasformare i loro risparmi (o ad indebitarsi) in un ampliamento delle loro abitazioni.
Poiché, rispetto alla originaria impostazione del governo, è cambiato l’impianto normativo e sembra si siano poste le premesse per attenuarne l’impatto, le regioni possono rivendicare di non avere subìto l’invasione in una materia di stretta competenza loro e degli enti locali, quale è quella urbanistica.

DOMANDA DI NECESSITÀ E DOMANDA DI CONVENIENZA

Quello sottoscritto da governo e regioni è un accordo quadro di cui è difficile stimare l’effettivo stimolo che potrà dare alle attività edilizia ed all’economia. Qualche considerazione propedeutica ad una quantificazione può però essere tentata.
Esso fissa nel 20% l’aumento massimo della volumetria esistente del quale possono giovarsi i proprietari di edifici residenziali unifamiliari e bifamiliari, calcolato su una volumetria di esistente non superiore ai 1.000 metri cubi per una espansione fino a 200 metri cubi.
A sostenere la domanda nel settore dell’edilizia è indirizzata anche la possibilità di accrescere del 35% la volumetria degli edifici residenziali che verranno demoliti e ricostruiti con criteri di sostenibilità ambientale e di efficienza energetica; non viene posto alcun limite alla volumetria esistente degli immobili.
Sono due tipologie di incentivazione che possono suscitare l’interesse di categorie di soggetti in gran parte differenti. La prima interessa principalmente le famiglie singolarmente, le quali nell’occasione che viene loro offerta, vedono la possibilità, forse anche di accrescere la propria ricchezza, ma principalmente di aumentare gli spazi a loro disposizione e migliorare la loro condizione abitativa. Per sintetizzare si potrebbe dire che l’incentivazione volumetrica del più 20% può soddisfare principalmente una domanda di spazi “primaria” o di “necessita”.
La seconda forma di incentivazione, quella del più 35%, può, invece, stimolare soprattutto una domanda di “convenienza”.

UN CARPE DIEM SELETTIVO

Questa opportunità sarà utilizzata, pertanto, solo se la demolizione e ricostruzione dà luogo ad un utile netto. Non è facile che si creino le condizioni perché ciò succeda, non solo per i costi aggiuntivi che comporta la costruzione di edifici ad elevata efficienza energetica, qualità e via discorrendo.
A cogliere l’opportunità offerta, saranno sicuramente i proprietari di immobili fatiscenti, che comunque avrebbero proceduto alla loro demolizione.
Oltre a questi edifici, il cui valore è pari al valore dell’area edificabile al netto delle spese di demolizione, in tutti gli altri casi in cui l’immobile ha un valore ed è in grado di produrre reddito, la convenienza a ricostruirlo, può risultare problematica e molto dipende dal grado di ammortamento dell’investimento e dalla localizzazione dell’immobile. Quest’ultima variabile è particolarmente importante, perché da essa dipende la rendita urbana: più quest’ultima è alta, quindi più si entra nel cuore delle città, più cresce il valore della volumetria incrementale e, pertanto, aumenta la convenienza ad avvalersi dell’incentivo.
Dato che è soprattutto la molla economica a motivare il ricorso a questo incentivo, affinché la demolizione e la ricostruzione ampliata degli immobili possa fornire un sostegno all’economia, è necessario che la domanda di abitazione sia sostenuta. Ma la situazione attuale del mercato vede un eccesso dell’offerta di case sulla domanda, che si manifesta nell’accumularsi dell’invenduto e dell’allungamento dei tempi di vendita.

IN ATTESA DELLE LEGGI REGIONALI

Impossibile è anche valutare l’impatto economico di quella che abbiamo definita domanda “primaria” di spazi. È difficile stimare il numero di edifici residenziali unifamiliari e bifamiliari ai quali applicare l’incremento di volumetria del 20%. Il loro numero potenziale ha un campo di variazione molto ampio, a seconda della classificazione alla quali si ricorre. In base alla classificazione catastale e considereranno le categorie A/6, A/7, A/8 (rispettivamente abitazioni di tipo rurale, in villini e in ville), gli immobili interessati sarebbero 2.853.133 (1). Se come riferimento per l’applicazione dell’incentivo volumetrico si considerano gli edifici, che al censimento della popolazione e delle abitazioni del 2001, avevano uno o due interni, il patrimonio di edilizia abitativa interessata si amplia enormemente e tocca gli 8,5 milioni di stabili (2). Naturalmente, è impossibile stabilire, in entrambi i casi, per quanti immobili ricorrono le condizioni di localizzazione, di staticità ecc. che consentono di aumentarne il volume.
A complicare ulteriormente ogni possibilità di stima, vi è il contenuto dell’accordo, il quale prevede che siano le singole regioni a regolamentare, con proprie leggi, da approvare entro 90 giorni, gli incentivi volumetrici. Ognuna può individuare propri ambiti, escludendo dall’applicazione dell’accordo particolari tipologie di immobili, soprattutto quelli che ricadono in aree di pregio ambientale e paesaggistico, ed introducendo ulteriori incentivi e premi per favorire la riqualificazione di aree degradate.

GLI EFFETTI DEL TERREMOTO

Il terremoto che ha distrutto L’Aquila non ha inciso sulle volumetrie premiali definite dall’accordo Governo-Regioni. Ma ha fatto puntare i riflettori anche sulla sicurezza e sulle caratteristiche costruttive degli interventi da realizzare per avvalersi degli aumenti di volumetria. La bozza del 15 aprile scorso del decreto legge che il governo dovrà emanare per la semplificazione delle procedure in materia di attività edilizia, contiene, infatti, un articolo che impedisce la realizzazione di interventi di ampliamento o di demolizione e ricostruzione di immobili e di ogni altro intervento sulle parti strutturali di un edificio senza che il progettista documenti il rispetto della normativa antisismica; con la specificazione che “non può essere previsto né concesso alcun premio urbanistico sotto alcuna forma e in particolare come aumento di cubatura”. La ricostruzione con tecniche antisismiche di un intero edificio demolito, non dovrebbe presentare particolari problemi. Difficoltà potrebbe, invece, sorgere nel caso di interventi per aggiungere volumetrie ad edifici esistenti: si potranno applicare criteri costruttivi antisismici alla parte nuova senza adeguare anche l’esistente? Se ciò non fosse possibile l’incentivo della volumetria premiale del 20% potrebbe risultare poco attraente.

(1) Il dato è al 31 dicembre 2007 ed e tratto dall’Osservatorio Immobiliare dell’Agenzia del Territorio.http://www.agenziaterritorio.it/sites/territorio/files/servizi/Osservatorio%20immobiliare/statistiche_catastali2007.pdf
(2)http://dawinci.istat.it/daWinci/jsp/MD/dawinciMD.jsp?a1=m0GG0c0I0&a2=mG0Y8048f8&n=1UH90009OG03K57&v=1UH0N109OG000000000


°°° Praticamente, come tutte le grandi idee di questo regimetto, nessuno sa ancora cosa deve fare se si può fare, se si farà mai. E questo, alla faccia da ghigno di ghedini e dei suoi disegnetti da terza media (visto ieri ad Annozero)

BERRUTI,PECORELLA,GHEDINI: tre culi venduti.

tre

casa

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Scontro

Piano casa: Bossi, “Trattare con Regioni o sara’ scontro”

21 mar 22:12 Politica

BERGAMO – Umberto Bossi chiede a Silvio Berlusconi di trattare con le Regioni sul piano casa per rilanciare l’edilizia. In un incontro a Bergamo il leader della Lega ha spiegato: “Le Regioni hanno dei loro piani, se si mettono di traverso, si arrivera’ a una guerra, uno scontro”. Poi il senatur ha fatto un accenno anche al federalismo fiscale all’analisi in questi giorni del Parlamento. “Mi auguro che il Pd si astenga – ha detto Bossi – anche se c’e’ un po’ di difficolta’”. (Agr)

scontr

scontro

°°° Proprio stupido non è, almeno da quando la Corna gli ha fatto prendere l’ictus.

corna

bossi

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter