Missione di pace… ETERNA.

Farah, strage di militari italiani
uccisi quattro alpini, un altro ferito

http://www.repubblica.it/esteri/2010/10/09/news/morti_tre_militari_italiani-7879466/?ref=HREA-1

°°°Pregherei la russa e tutto il regimetto ridicolo e guerrafondaio di non romperci i coglioni con arrivo di salme in diretta, vaneggiamenti su inesistenti eroismi, e funerali di stato. I funerali di stato facciamoli per gli eroi veri: gli operai uccisi da questo governicchio mentre lavorano senza nessuna norma di sicurezza e i poveri innocenti che crepano per l’incuria del territorio e per le speculazioni delle cricche. Grazie.

gattoterror

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

I tedeschi molto sono arretrati rispetto a noi

Donna spara in ospedale tedesco: è strage

terrore in corsia a Loerrach, nel sud del paese
Donna spara in ospedale,
strage in Germania: 4 morti

Anche la killer è rimasta uccisa. La prima ipotesi degli inquirenti è quella di un dramma familiare
http://www.corriere.it/cronache/10_settembre_19/ospedale-strage-germania_4b6d3438-c417-11df-80e3-00144f02aabe.shtml

°°° Noi siamo molto più avanti, ragazzi: le stragi  negli ospedali le facciamo fare direttamente al personale  medico.

sanita

 

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

La Sicilia di berlusconi: una strage dopo l’altra

Rissa tra medici in sala parto
Madre e neonato in fin di vita

Il marito: “Litigavano sul cesareo”

Incredibile al policlinico di Messina: la lite vrebbe ritardato l’intervento dei sanitari. Donna di 30 anni in gravi condizioni, il bimbo ha danni cerebrali. I medici: complicazioni non dovute al diverbio. Il marito: “Non è vero”

°°° Ma vi rendete conto della devastazione operata dal mafionano da un capo all’altro dell’Italia? Si è vantato per un anno dei voti presi in Sicilia…  Per cosa li

Continua a leggere

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

BERLUSCONI INDAGATO PER STRAGE MAFIOSA

07 agosto 2010

BERLUSCONI INDAGATO PER STRAGE MAFIOSA: SIAMO AGLI ATTI FINALI DI QS. GOVERNO E PURTROPPO NON SI TRATTA DI COMICHE…

Forse i finiani sapevano…sapevano che sarebbe presto emerso il nome del presidente del consiglio e capo del PDL tra gli indagati dei mandanti morali delle stragi di mafia…ecco spiegato le motivazioni della rottura interna al PDL: la barca affonda e ci si affretta a lasciare la nave…

Qualche mese fa la notizia che Berlusconi e Dell’Utri risultavano implicati nelle indagini della procura di Firenze sulle stragi del ’93 e del ’94 (10 morti, 106 feriti, nel 1993 tra Firenze, Roma, Milano) era stata poi smentita [1].
Si trattava della prosecuzione di una precedente indagine, poi archiviata nel novembre 2008 e riaperta grazie alle dichiarazioni del pentito Spatuzza. In essa si parlava di mandanti morali delle stragi, due soggetti citati come “Autore 1” e “Autore 2”: tuttavia, l’inchiesta, in assenza di un quadro probatorio attendibile, non poté proseguire. Fino alle dichiarazioni rilasciate nel 2009 da Gaspare Spatuzza, braccio destro dei fratelli Graviano, i boss che parteciparono all’esecuzione della strage di via d’Amelio. Spatuzza dice chiaramente chi sono i referenti politici della mafia e cita Berlusconi e Dell’Utri. Ecco l’anello mancante.

Oggi, dunque, l’Unità riporta in un articolo la notizia che sarebbe iscritta nel registro degli indagati un’altissima personalità di governo. L’articolo è ripreso dal Fatto Quotidiano, che non usa però il condizionale ed afferma che nel fascicolo 11531 del 2009 i nomi “Autore1” ed “Autore2”, si riferirebbero proprio al Premier e a Dell’Utri [2].
Il Corriere della Sera, dal canto suo, spiega come di fatto la procura di Firenze abbia ottenuto una proroga di 6 mesi nell’inchiesta, al fine di effettuare nuovi accertamenti e nell’attesa delle motivazioni della sentenza che ha condannato Marcello Dell’Utri per concorso esterno in associazione mafiosa [3]. E dice chiaramente che i soprannomi “Autore1” ed “Autore2” vengono ripresi dall’inchiesta della procura di Firenze, che dopo un anno di indagini, ha ora ottenuto la proroga.
Trattandosi di un’indagine penale su reati di mafia, gli atti sono segreti, pertanto il procuratore Quattrocchi smentisce la proroga.
Tuttavia, la notizia è uscita poco fa anche sull’Espresso [4], il quale specifica come di fatto la proroga abbia comportato per i PM l’iscrizione a “modello 21 dei nomi degli indagati…inoltre anche gli inquirenti di Catalnisetta sembra stiano trovando punti in comune con l’indagine di Firenze. Si attende che uno dei fratelli Graviano, che ha mostrato una qualche disponibilità a collaborare, inizi a parlare, assieme all’esito dell’analisi dei tabulati telefonici dei cellulari dei Graviano, che spiegheranno i loro movimenti nel periodo oggetto d’indagine.

E’ l’inizio della fine di Berlusconi o del Berlusconismo…oppure l’inizio del colpo di stato.
Sì perché Berlusconi è disposto a tutto, e il fatto di essere indagato nelle nelle stragi di mafia non può che confermare la plausibilità di una tale ipotesi…magari grazie ad un clamoroso auto-attentato…

Staremo a vedere. Intanto possiamo essere sicuri che questo nuovo fronte di indagini sarà un vero e proprio ciclone giudiziario..altro che escort e orge a palazzo Grazioli e villa Certosa, altro che P3, altro che Mondadori…sa là la degna conclusione dell’ascesa di un imprenditore senza scrupoli, che ha fatto ben peggio che imbrogliare gli italiani scendendo in politica per fare gli affari propri e che finalmente verrà smascherato per quello che è: un delinquente figlio di puttana.

SILVIA NULLI

°°° E io che scrivo dal 1995? Bastava solo chiedersi Cui prodest?

b.dimettitiiii

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

L’Aquila, la strage del cemento scadente. °°° Lo sapevamo e sapevamo anche delle cricche amiche di Mafiolo

L’Aquila, la strage del cemento scadente
“Così ha ucciso metà delle vittime del sisma”

Inchiesta sul terremoto del 6 aprile 2009. Il pm: dieci edifici crollarono per errori nel progetto e uso di materiali di scarsa qualità. Secondo le perizie, quasi la metà delle vittime, 150 su 308, fu provocata dal “palazzi killer”

http://www.repubblica.it/cronaca/2010/08/01/news/aquila_cemento-5996580/?ref=HREC1-6

aquila

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

La strage della giustizia

Berlusconi pensa ai decreti:

«Non mi faranno fare la fine di Craxi»

Cena con Bossi, già oggi l’incontro con il presidente della Camera

mafia-SpA

b-dream

b-faraone

ROMA — La parola d’ordine è accelerare. A ogni costo. Perché, come dicono i fedelissi­mi di Berlusconi «se evitassimo la resa dei conti con i magistrati, faremmo lo stesso er­rore della sinistra con il conflitto di interes­si ». E perché i tempi sono stretti, i possibili «agguati» tanti — le procure sono «attive» e la più minacciosa è

Continua a leggere

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Chiaro come il sole

Per chi l’avesse persa, una mia  vecchia gag  CENSURATA  (inspiegabilmente?) DALLA TV:

Burlesquoni e dell’utri piombano ad Arcore il 23 maggio 1992. Pranzano trafelati e si chiudono nello studio del boss, il quale impartisce ordini precisi al suo segretario: “Non vogliamo essere disturbati per nessu motivo.”

Passa qualche ora, quando la porta dello studio si spalanca di botto e il segretario, visibilmente  alterato, irrompe strillando:

“Dottore, dottore!”

Burlesquoni batte violentemente un pugno sul tavolo e sta per dare in escandescenze, quando viene interrotto dall’ometto:

“Dottore, è successa una cosa terribile! Il giudice Falcone è saltato in aria con sua moglie e la scorta! Omioddio! Omioddio!”

Burlesquoni lo licenzia, chiude a chiave la porta dello studi, fissa dell’utri ed esclama:

“Cribbio! Ma sono giù le sei meno cinque?!”

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

L’Italietta di Berlusconi cola a picco

Reggio Emilia, senza lavoro

fa una strage in famiglia

Da due anni in cassa integrazione, ha ucciso a coltellate e colpi di martello moglie e un figlio di 20 anni. In fin di vita l’altro figlio, 4 anni, e la padrona di casa che li ospitava. Ha ingerito farmaci e alcol, ha chiamato i carabinieri e si è gettato da una finestra: è in coma

COME CI HA RIDOTTI QUESTO REGIMETTO DI MERDA

debiti

°°° Non mi stupisco, sono anni che metto in guardia.  Da ora in poi, queste manifestazioni della disperazione in cui il mafionano ha scaraventato l’Italia, succederanno quotidianamente. Altro che RIALZATI, ITALIA…

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Niente, non mi permettono di riposare…

… questi arroganti di sedicenti muratori se ne impippano della gentilezza e delle leggi. Domattina chiamo i carabinieri e vediamo… Per ora, dunque, andiamo a vedere le minchiate e gli annunci del mafionano e della sua cosca e il NULLA da essi realizzato dopo oltre un anno di regime:

http://www.lavoce.info/dossier/pagina2941.html

a) Quasi azzerata la cooperazione internazionale e gli aiuti a paesi poveri, con conseguente figura di merda proprio ora che all’Italia spetta la presidenza del G8 anche sugli aiuti globali: simo l’unica nazione inadempiente, mentre prodi aveva destinato un miliardo e aumentato dell’86% le risorse.

b) Piano casa – edilizia abitativa. Solo chiacchiere e annunci NON un solo euro è stato stanziato e NON una sola pietra è stata posata. BUFFONI!

3) Energia e ambiente. Solo propaganda: dopo aver creato il problema rifiuti in Campania, coi suoi uomini legati alla camorra, burlesquoni spaccia per rusolto un problema che invece è solo agli inizi della sua via cricis giudiziaria. I rifiuti sono stati SPOSTATI in un’area pericolosissima: il cuore del pascolo e degli allevamenti delle bufale… quindi fine della mozzarella di bufala campana. In compenso, ha inaugurato l’inceneritore di Acerra, voluto e finanziato da Prodi, che però ancora non ha funzionato un solo minuto. E, mentre in tutto il mondo si stanno chiudento e smantellando le centrali nucleari, Mafiolo sta procedendo con l’iter per la delirante costruzione di alcune centrali nucleari già oggi obsolete, costosissime, e pericolossime (e proibite da un referendum stravinto).
4) Fisco. Col regime burlesquoni le tasse sono aumentate arrivando a quasi il 44% di prelievo: sono le più alte da almeno 20 anni, mentre i furbetti hanno ripreso a NON pagarle. Cìè un aumento dell’evasione vicina al 10% in più rispetto al governo Prodi, mentre le entrate sono giù del 7% in meno. Non solo: l’abolizione dell’Ici ai miliardari e alla chiesa ha costretto il 99% dei Comuni italiani ad aumentare i balzelli e le imposte ed a ridurre di molto i servizi e la qualità di quelli restanti.
5) Politiche per le famiglie. Che dire delle buffonate note come SOCIAL CARD o BONUS FAMIGLIE? Due autogol che pagano i pensionati più poveri e le famiglie più disagiate. Senza una SERIA politica anche in questo campo, il regimetto ha triplicato i poveri e tra un anno si prevede un uklteriore collasso della classe media.
6) Giustizia. Oltre al LODO ALFANO e ai continui attacchi ai magistrati onesti che lavorano, il regime del mafionano si è contraddistinto per alcune norme razziste ed incostituzionali del cosiddetto “Pacchetto sicurezza”, utile solo ad incasinare ancor più il lavoro dei tribunali e delle indagini.
7) Immigrazione. Anche qui, la politica ottusa, cieca e razzista del governicchio si è tirata addosso le ire di tutto il mondo civile, dell’Onu, della Comunità Europea, e persino della chiesa. In sostanza, gli sbarchi sono triplicati e il regimetto di mafiolo rischia delle denunce internazionali per procurata strage e genocidio, col loro insistere sul barbaro comportamento dei respingimenti violenti e indiscriminati.
8) Informazione. Qui siamo vicini al regime totalitario e l’Italia in questo anno è stata trascinata agli ultimi posti tra tutti i paesi del mondo come libertà di stampa. Le tv sono sempre più inguardabili e sempre più nelle mani della propaganda di regime. I media italiani oscurano pedissequemente la verità e scrivono o mandano in onda solamente minchiate indifendibili e calunnie nei confronti della rarissima stampa libera. Anche in questo campo siamo la vergogna del mondo.
9) Infrastrutture. Anche qui molti annuci e nessuna sostanza: siamo fermi ai lavori voluti e finanziati dai governi Prodi. Questo regime ha soltanto abolito i controlli antimafia negli appalti e cancellato le gare trasparenti per affidare agli amici degli amici, senza alcun controllo, tutta una serie di lavori. Per fortuna NON C’E’ UN CENT DA RUBARE. Per ora.
10) Privatizzazioni. Qui il regimetto che si è sempre professato “liberale” ha stoppato tutte le liberalizzazioni volute da Prodi e Bersani. Ha però derubato gli italiani di un pacco di miliardi di euro con la buffonata-truffa Alitalia.
11) P.A. Dopo tantissimo fumo e troppi effetti speciali, la “cura Brunetta” si è rivelata già per quel che si poteva prevedere: un fiasco.
12) Aggiungiamo la devastazione della sanità pubblica (che sotto il breve governo Prodi era stata messa sotto controllo di spesa ed efficienza, responsabilizzando le regioni), della Pubblica Istruzione e della ricerca: settori strategici per l’immediato e per il futuro sviluppo di una nazione civile, che un regimetto miope ed ignorante ha deliberatamente ucciso. Ed ecco che abbiamo un quadro completo di un anno di disastri, falimenti, insuccessi e devastazione uniche al mondo. RICORDATEVELO quando vedete il mafionano fare i suoi sproloqui in televisione o sulla stampa asservita.

bduce2

berlusconi_dimettiti

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter