la feccia gasparri

l capogruppo Pdl al Senato attacca frontalmente il nostro giornale
E si dice sicuro che l’intervista all’ex-fidanzato di Noemi è stata ricompensata
Gasparri: “Repubblica ha pagato Flaminio”
La replica della direzione del quotidiano
L’esponente del centrodestra intende rivolgersi all’Ordine dei giornalisti

Gino Flaminio

gino

ROMA – Maurizio Gasparri attacca frontalmente “Repubblica”. Il capogruppo Pdl al Senato vuol sapere quanto sarebbe stato pagato Gino Flaminio, l’ex-fidnzato di Noemi Letizia, per l’intervista rilasciata al nostro giornale una settimana fa: “Berlusconi è l’unico politico che crea posti di lavoro… Adesso anche Gino Flaminio è beneficiato dall’esistenza del Cavaliere.
Infatti, abbiamo appreso dal ‘Giornale’ che offre, con prezzi variabili, interviste, testimonianze e brevi incontri. C’è da chiedersi quanto gli abbia dato ‘Repubblica’. Mi rivolgerò all’ordine dei giornalisti del quale faccio parte per chiedere accertamenti su ‘Repubblica’ e i suoi giornalisti”.

“Ora – sottolinea Gasparri – vogliamo sapere chi e quanto ha pagato ‘Repubblica’ per determinate interviste. E’ questo il modo con cui si esercita l’attività giornalistica? Un tanto al chilo? E le vestali della libera professione, di tante organizzazioni e della federazione della stampa non hanno nulla da dire su questo scandalo vergognoso che colpisce giornalisti di un giornale, ‘Repubblica’, il cui editore ben conosciamo e le cui imprese furono sottoposte più volte al vaglio della magistratura?”.

———————-

Ed ecco la risposta di Repubblica

“Repubblica” sfida l’On. Gasparri a dimostrare che sia stato pagato anche solo un centesimo per l’intervista a Gino Flaminio che tanto imbarazzo crea all’ex ministro del Pdl. Gino Flaminio ha confermato di non aver mai ricevuto denaro dal nostro giornale in due occasioni: al “Corriere della Sera” (28 maggio) e a “Il Giornale” (30 maggio). In caso Gasparri non riesca nell’impresa, “Repubblica” l’autorizza fin d’ora a vergognarsi.

IL SERVO PIU’ STUPIDO DEL PIANETA:

gasparri24

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Lascia un commento