la tv italiota dimmmmmmmerda

Risse in tv: una ogni 8 minuti

“Comunicazione Perbene”, è un’associazione no profit che studia l’ecologia nella comunicazione facendo una particolare attenzione ai bambini. Negli ultimi mesi ha intervistato 130 persone tra psicologi, pubblicitari e sociologi e posto sotto osservazione le reti televisive nazionali per capire quanto spazio abbiano le risse e gli scontri verbali nei programmi quotidiani. Il risultato è sconfortante: ogni 8 minuti, sui canali televisivi nazionali, scatta l’insulto. Quando va bene sono al massimo dieci minuti. Una media che se non fosse grottesca e preoccupante sarebbe ridicola. Perché gli insulti e le risse verbali (quelle fisiche sono più rare, e ci mancherebbe altro) avvengono per la maggior parte dei casi in fascia protetta, dunque diventano un esempio per i bambini italiani, che con il tempo si convinceranno che quella e solo quella è l’unica modalità e possibilità per dibattere e scambiarsi opinioni.

Non si tratta qui di ripescare il solito dibattito sulla televisione cattiva maestra, neppure di invocare i bei tempi antichi di una televisione educata e composta. Ma sostenere, in modo superficiale, che i tempi sono cambiati, non basta affatto. C’è molto di più, c’è il fatto che non esistono filtri soprattutto su certi tipi di programmi che per anni sono stati considerati un esempio di modernità televisiva, fenomeni mediatici da osservare con attenzione.

Secondo “Comunicazione perbene” i reality show e i talent show sono i programmi dove l’esplosione dell’insulto è più frequente e più estrema. Sono i soliti ignoranti che vogliono diventare famosi con niente, attori di risse provocate ad arte per diventare più popolari? Forse. Ma i programmi di informazione non sono da meno. Anche in quelli, con una media leggermente più alta di un insulto ogni 10-11 minuti, l’insulto è norma. Fanalino di coda, ed è sorprendente che sia così, i tradizionali programmi sportivi, dove un tempo, complice il tifo fazioso degli appassionati di calcio, si vedeva e si ascoltava di tutto. Oggi in quei programmi la media dell’insulto è di uno ogni 18-20 minuti.

C’è poco da consolarsi. Questo piccolo dettaglio, cronometrato e monitorato, non stupisce nessuno che abbia avuto la curiosità di fare zapping televisivo anche una sola volta nella vita negli ultimi anni. Ma pensare che siamo a una media di soli 8 o 10 minuti fa veramente impressione. Però questi signori – bombe a orologeria dell’inciviltà – non li sanziona nessuno, e nessuno si scandalizza, naturalmente.

rissa

rissa1

rissa2

rissa3

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Lascia un Commento