Disoccupato ruba i regali per i figli°°° Ma secondo il nano gangster non siamo tutti ricchi?

Disoccupato ruba i regali per i figli
Treviso, il negozio ritira le denuncia

Centro commerciale (foto d’archivio)

L’operaio è stato perdonato

TREVISO

Una sciarpa, un berretto, una cintura, pantaloni, guanti e maglietta per un valore di nemmeno 100 euro. Questa la refurtiva di un ex operaio metalmeccanico sorpreso a rubare prima di Natale nel negozio Bernardi, in zona Fiera a Treviso.

Il personale del magazzino lo ha scoperto e ha

chiamato la polizia, e proprio davanti agli agenti l’operaio ha confessato: «Sono disoccupato e non riesco a trovare un altro lavoro, per questo non ho nemmeno 100 euro per fare i regali ai miei famigliari. Almeno per Natale volevo regalare loro qualcosa». Giustificazione che non gli ha risparmiato una denuncia per furto.

«Per nostra politica aziendale, la denuncia scatta sempre, in questi casi, direi in maniera automatica – dice a La Tribuna di Treviso Andrea Lazzarini, direttore vendite Italia di Bernardi Group Spa – perché è necessario dare un segnale forte a chi prova a rubare. Nel caso specifico, poi, le nostre ragazze non potevano sapere quale storia personale ci fosse dietro quel furto». Solo in un secondo momento, è così arrivato il lieto fine e la denuncia è stata ritirata.

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Lascia un commento