Forza zoccole!

Il quotidiano della famiglia Berlusconi attacca ancora sul gossip a pagamento
Laura Drezwicka, del ‘GF’ “Erano pronti a darmi soldi per incastrare il premier”
Interviste pagate, Il Giornale contro L’Espresso
La replica: “Alla richiesta abbiamo detto no”
La direzione del settimanale: “Ci ha contattati un’agenzia di foto. E’ tutto registrato”

ROMA – Il Giornale di nuovo all’attacco di Repubblica e dell’Espresso. Il tema è sempre lo stesso: Berlusconi, le ragazze e le interviste a pagamento. Dopo le accuse al quotidiano di aver pagato Gino Flaminio, l’ex fidanzato di Noemi Letizia che ha pubblicamente smentito, ora arriva un articolo in cui Laura Drezwicka, una delle concorrenti del ‘Grande Fratello’, afferma che due giornalisti del settimanale hanno avuto con lei una trattativa ed “erano pronti a pagarmi per incastrare Berlusconi”. Affermazioni che la direzione dell’Espresso respinge nettamente, riservandosi ogni azione legale nei confronti del quotidiano milanese.

Nuove accuse. Il Giornale pubblica oggi un lungo articolo in cui Laura Drezwicka, una delle concorrenti del ‘Grande Fratello’, afferma che due giornalisti del settimanale L’Espresso hanno avuto con lei una trattativa ed “erano pronti a pagarmi per incastrare Berlusconi”.

“Laura – scrive il quotidiano – spara di aver avuto una relazione con il Cavaliere e chiede cinquantamila euro per concedere l’intervista. Loro sono disposti a trattare e uno di loro dice alla ragazza: io ti pago – riporta Il Giornale – se hai le foto e se hai i gioielli. Tutto ciò avviene a Napoli in un incontro nel corso del quale i cronisti tempestano la ragazza di domande scabrose”.

La replica dell’Espresso. La direzione del settimanale romano, in una nota, smentisce seccamente e afferma di riservarsi ogni azione legale nei confronti del quotidiano milanese e precisa: “Il 27 maggio Roberta Arrigoni, titolare dell’agenzia fotografica Unopress, contattava ripetutamente un nostro collega proponendogli un’intervista con Laura Drezwicka, disponibile a raccontare i suoi rapporti con Silvio Berlusconi”.

“Nel corso dell’incontro – si spiega ancora nella nota – alla richiesta di denaro per rilasciare l’intervista, il collega precisava che mai sarebbe stata pagata un’intervista. Se l’agenzia avesse proposto fotografie, queste sarebbero state valutate ed eventualmente acquistate secondo una normale prassi. Le telefonate intercorse con l’agenzia fotografica e l’incontro del nostro collega con la signorina Drezwicka – conclude il settimanale – sono state registrate”.

°°° Tutte queste calunnie armate dalla cosca di Arcore spero che si riflettano in una grossa perdita alle europee e in un pacco di miliardi da pagare in risarcimenti a tutti coloro che stanno infangando: da Repubblica all’Espresso all’amico Zappadu. Amen.

b-uffone1

b-merda4

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Lascia un commento