Le 40enni italiane vanno a letto coi 20enni. Buon pro!

Boom di iscrizioni al portale italiano delle donne coguaro

Martedì, 11 ottobre 2011 – 08:13:43

Quali che siano le motivazioni, il fatto è che in Italia il fenomeno cougar cresce e si moltiplica con considerevole rapidità. Il portale www.CougarItalia.com sta registrando una media di 1.500 nuove iscrizioni giornaliere di cui 800 donne e 700 uomini. E sì, perché il fenomeno delle cougar non basterebbe da solo a creare un trend se non vi fossero anche gli uomini che se ne lasciano conquistare.

«I giovani uomini ci sono e sono sempre più numerosi e desiderosi di lasciarsi sedurre da donne più grandi di loro, attraenti e sensuali, che hanno

successo nel lavoro e che sono economicamente indipendenti» spiega Alex Fantini, ideatore del portale www.CougarItalia.com dove l’80% dei contatti vanno a buon fine, trasformandosi in un appuntamento faccia a faccia.

Il fenomeno cougar è destinato ancora a crescere perché il 70% delle quarantenni romane e il 75% delle quarantenni milanesi sono disponibili a sperimentare una relazione con un uomo sensibilmente più giovane, che garantisce una vita più movimentata. Lo hanno capito a Hollywood e ora la tendenza sbarca anche in Italia. Antonella Clerici e Barbara De Rossi sono solo alcune delle donne che hanno scelto come compagno un uomo sensibilmente più giovane di loro.

Portato alla ribalta in Italia dal portale www.CougarItalia.com, quello delle cougar è un fenomeno che arriva da Hollywood, approdato al cinema nel 1967 con il film Il Laureato. Il termine “cougar” per indicare donne mature che amano la compagnia di uomini più giovani, tuttavia, è molto più recente e si diffonde negli Usa solo nel 2007 con il film Cougars Club. Dallo star system di Hollywood alle quarantenni italiane: le donne preferiscono oggi uscire con uomini più giovani, qualcosa che il cinema ha reso più naturale. «Le donne fanno quello che vogliono proprio come i maschi hanno sempre fatto fino ad ora» conclude a Alex Fantini.

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Lascia un Commento