Burlesquoni, quando non delinque o spara cazzate… dorme.

Vittorio Emiliani

Il governo balneare dell’ultimo doroteo

b.cotto

Ormai il copione è sempre lo stesso, stanco e stantio: Berlusconi parla di un’Italia del tutto finta, immaginaria, dove i conti sono a posto e ci fanno stare meglio di tutti gli altri in Europa, promette “riforme” sciolte e a pacchetti, rabbonisce Bossi che vuole i ministeri a Monza, invita Casini, sorridendogli persino, lui che ormai è teso e giallastro, a entrare in quel suo bel mondo dorato. E cosa succede? Ottiene l’ennesima fiducia da gente “nominata”, non eletta, dai “transumanti”, che hanno una paura fottuta di perdere la cadrèga (scusate il lombardismo, ma il grande Carlo Emilio Gadda assicura che viene dal greco katzèdra, e poi? Subito dopo l’Umberto dice, per la ventesima volta: «Cose belle, ora vediamo i fatti». Casini ripete che lui non ci entra in quell’armata Brancaleone. Tremonti cerca di destreggiarsi in Europa, chiacchiera di riforme fiscali che sa impossibili perché dovrebbe tassare i ricchi essendo tutti gli altri allo stremo.

Qualcuno dice che Silvio, adesso, “fa il doroteo” e che il suo governo assomiglia a quelli “balneari” di una volta. In parte è vero. Ma è vero soprattutto che lui, arrivato al potere con la promessa di sbaraccare la vecchia politica, ora ha adottato l’adagio latino (o doroteo) di non muovere nulla e di acquietare quanto si muove. Tanto, un risultato strategico l’ha ottenuto: nel 1994, quando “scese in campo”, le sue aziende avevano debiti per circa 8.000 miliardi di lire, mentre da anni nuotano nei profitti….

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Il Gruppo Espresso querela il Cavaliere

Battuta del premier dopo la smentita affidata al suo legale Niccolò Ghedini

Il Gruppo Espresso querela il Cavaliere,

che replica: “Ho già spiegato, vedrete”
Berlusconi: “Non sono un santo
spero lo capiscano a Repubblica”
“Chi mi attacca non ha altre critiche. La campagna si ritorcerà contro chi la pratica”

Zappadu: “Forse le mie foto, rispetto ad un audio, contengono persone o situazioni che

Continue reading

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Poveri comunisti

Berlusconi : non cadrò per
le trame di giudici e media
Berlusconi a Cinisello: ‘In un Paese democratico la maggioranza governa’

Fini: «A rischio non il governo ma la fiducia nella politica e nelle istituzioni»

09:06 POLITICA
Il premier da Bruxelles sull’inchiesta di Bari: «Solo spazzatura, la farò fuori come a Napoli». Fischiato vicino a Milano: «Siete poveri comunisti. La sinistra fa pena»

°°° Se la maggioranza governa, allora perché comanda lui? Se gli va bene, compresi i brogli e i voti comprati, non arriva al 33°… Farà fuori le inchieste per sfruttamento della prostituzione e spaccio di droga come ha fatto con la spazzatura a Napoli (fatta mettere in evidenza da lui medesimo grazie alla complicità della camorra)? Quindi le sposterà nel parco della villa sequestrata al capo camorrista Sandokan, nel bel mezzo dei pascoli delle bufale da latte? E questa paranoia dei comunisti? Ma ha idea di chi erano i comunisti italiani? Lui non è in grado nemmeno di leccargli la suola delle scarpe, dopo che sono passati per un pollaio. Ormai è andato, amici. Continua a chiamare “trame dei giudici” l’onesto lavoro di chi scopre e persegue i reati COMMESSI DA LUI E DAI SUOI COMPAGNI DI MERENDE!!! Quando lo capiranno le scimmiette che lo votano in buonafede, che questo tipo delinque da quando è nato? Per fortuna si sta annullando da solo. Al di fuori delle comparse pagate per applaudire, viene subissato da fischi e insulti ovunque si presenti.

“POVERO COMUNISTA”
comunista1

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter