Due legaioli denunciano: “Sesso in piazza Santa Croce”. Meglio dei pestaggi nazi, o no?

La denuncia su Twitter arriva dalla Lega Nord, con tanto di foto: «Il centro storico è fuori controllo»

°°° Ma brutti stronzi! Il sesso è un atto d’amore. Voi besdtie siete abituati ai rutti e alle scorribande dei naziskin contro poveri gay indifesi. Che cazzo vi permettete di sindacare?! Nelle città amministrate da voi baluba c’è il coprifuoco alle 21, anche d’estate, perché sono morte e insicure. SILENZIO!

http://corrierefiorentino.corriere.it/firenze/notizie/cronaca/2012/3-luglio-2012/sesso-piazza-telefonini-201851874508.shtml

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Georgofili, Firenze ricorda la strage. Mentre Berlusconi e Dell’Utri pagano ancora le rate ai picciotti.

Qualcuno mi sa dire se un ignorante come Riina poteva mai sapere cosa fosse e dove fosse questo importante museo? Qualcuno mi sa dire se, un nome a caso di un mafioso che si stava preparando col suo padrone a saccheggiare l’Italia: Marcello Dell’Utri, noto bibliofilo, poteva sapere che quello era un ottimo bersaglio per la strategia del terrore? Grazie. 

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Il killer, Gianluca Casseri «Uomo solo e depresso»

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

«Ad Arcore anche i mafiosi»°°° Tre diversi pentiti accusano Berlusconi di mafia e delle stragi.

«Ad Arcore anche i mafiosi»

di Lirio Abbate

Non solo minorenni ed escort per le feste: a villa San Martino sono andati anche gli emissari di Cosa Nostra. Lo sostiene in un recente interrogatorio il pentito Brusca. E la procura di Palermo si prepara ad aprire una nuova indagine

(03 febbraio 2011)

L ingresso di villa San Martino ad Arcore L’ingresso di villa San Martino ad ArcoreLa procura di Milano indaga sulla presenza di minorenni nella residenza di Arcore del premier per le serate del bunga bunga, e i pm di Palermo lavorano per accertare se a villa San Martino sono stati ricevuti ambasciatori di Totò Riina dopo le stragi Falcone e Borsellino.

Se dunque i magistrati lombardi si apprestano a chiedere il rito immediato per Silvio Berlusconi, indagato di concussione e prostituzione minorile, nell’affaire Ruby, i loro colleghi siciliani starebbero preparando la strada per far cadere una nuova tegola giudiziaria sulla testa del premier riaprendo nei suoi confronti un’inchiesta di mafia archiviata, nella quale era già stato coinvolto con Marcello Dell’Utri. E sullo stesso filone d’indagine, che coinvolge Berlusconi e Dell’Utri, procede pure la procura di Firenze che vuole fare

Continue reading

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Inchiesta sui grandi eventi, negli atti spunta anche il nome della Santanchè°°° ma va?

Fusi, le ville e la Santanché

Dagli atti depositati al Riesame, emergono nuove intercettazioni sull’ex presidente della Btp che nel 2008 cercava contatti per ottenere finanziamenti dalle banche. E spunta l’onorevole

FIRENZE – Il direttore generale di Banca Mps, Antonio Vigni, è stato ascoltato in procura a Firenze come persona informata sui fatti nell’ambito dell’inchiesta sui rapporti fra l’imprenditore Riccardo Fusi, ex presidente di Btp, e Denis Verdini, l’esponente del Pdl fino a luglio scorso presidente del Credito cooperativo fiorentino di Campi Bisenzio. L’indagine è un filone di quella sui Grandi Eventi. Il 18 gennaio i carabinieri del Ros hanno svolto una serie di perquisizioni in studi legali a Firenze e Siena. Oggetto degli accertamenti era un mutuo da 150 milioni concesso nel 2008 alla Btp da un pool di banche: Mps, Unipol, Cariprato, banca Mb e Credito Cooperativo fiorentino. In giornata, in

Continue reading

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Il mafionano si vuole rubare anche le statue…

“Il David è di Firenze”, “No è dello Stato”
Scontro sull’opera di Michelangelo

Il ministero sostiene che il Comune non ha la proprietà della statua più famosa al mondo e degli 8 milioni di euro incassati ogni anno. “I documenti sonio chiari: appartiene alla nostra città”, ribatte il sindaco Matteo Renzi

°°° Mi chiedo sin dove arrivi l’arroganza di questo scherzo della natura, che è pari solo alla sua ignoranza.

bdittatore

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter