Le telefonate che accusano il ministro Romano “Era al servizio di una lobby d’affari mafiosa” L’ordinanza del gip che invia alle Camere, per autorizzarne l’utilizzo, 25 telefonate che riguardano il titolare dell’Agricoltura. C’era un “rapporto di stabile disponibilità” con il prestanome di Ciancimino. Che gli ordinava: “Devi far cambiare quella legge” di SALVO PALAZZOLO Le telefonate che accusano il ministro Romano “Era al servizio di una lobby d’affari mafiosa”

Le telefonate che accusano il ministro Romano
“Era al servizio di una lobby d’affari mafiosa”

L’ordinanza del gip che invia alle Camere, per autorizzarne l’utilizzo, 25 telefonate che riguardano il titolare dell’Agricoltura. C’era un “rapporto di stabile disponibilità” con il prestanome di Ciancimino. Che gli ordinava: “Devi far cambiare quella legge” di SALVO PALAZZOLO

Le telefonate che accusano il ministro Romano  "Era al servizio di una lobby d'affari mafiosa" Saverio Romano (ansa)

PALERMO – C’era un “sistema affaristico-politico-mafioso” attorno alla società Gas, il gioiello di famiglia di don Vito Ciancimino, l’ex sindaco boss di Palermo. Questo ha scritto il gip Piergiorgio Morosini dopo aver letto le intercettazioni fra il principale prestanome dei Ciancimino, l’avvocato Gianni Lapis, e Saverio Romano, oggi ministro dell’Agricoltura.

“Quei colloqui del settembre 2003-marzo 2004 sono rilevanti”, ha deciso il giudice, dunque devono essere trasmessi alla Camera dei deputati, che dovrà autorizzarne l’utilizzazione. Era quanto chiedevano i pm Nino Di Matteo, Sergio Demontis e Paolo Guido, che da due anni ormai indagano su Saverio Romano per corruzione aggravata dall’aver favorito Cosa nostra. “Secondo l’accusa – ricorda il gip – Romano, nello svolgimento delle sue funzioni pubbliche, si sarebbe messo al

Continue reading

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter