Via alla mafia a manetta!

La cosca  mafiosa e piduista prosegue il suo cammino indisturbata: d’altronde hanno comprato i voti per questo. Azzerata la libertà di stampa, azzerati i diritti e i servizi, azzerata la magistratura… ora rimane solamente la guerra civile.

Soltanto Di Pietro, nell’opposizione, fa sentire la propria voce:

Roma, 17:50

DI PIETRO, PROSEGUE LAVORO SPORCO PER LA CASTA


“Un’ennesima legge incostituzionale ed immorale che dimostra, ancora una volta, il progetto piduista del governo Berlusconi: mettere il Pubblico ministero sotto il controllo del potere esecutivo”, afferma Antonio Di Pietro, “associandosi alla bocciatura della sesta Commissione del Csm alla riforma del processo penale”. “Questa volta lo strumento utilizzato e’ molto sofisticato, ma proprio per questo piu’ criminale: i Pubblici ministeri, d’ora in poi, non potranno piu’ acquisire la notizia di reato e aprire accertamenti giudiziari di propria iniziativa, ma potranno farlo – prosegue il leader Idv – solo dopo che verranno avvertiti dagli organi di polizia e nei limiti della segnalazione che riceveranno. Ma anche le pietre sanno che gli organi di polizia dipendono funzionalmente e gerarchicamente dal governo e dai rispettivi ministri, Interno, Difesa, Economia, e, quindi, per definizione possono fare e segnalare solo cio’ che i loro superiori gerarchici permettono loro di riferire. Per intenderci: l’inchiesta ‘Mani Pulite’ – conclude – non si sarebbe mai svolta perche’ a nessun organo di polizia sarebbe stato permesso di segnalare ai Pm fatti concernenti reati che riguardavano proprio molti ministri in carica all’epoca. La verita’ e’ una e una sola: il ministro della Giustizia, dopo il Lodo Alfano, sta continuando il ‘lavoro sporco’ per cui e’ stato messo a quel posto, ossia permettere alla casta di assicurarsi l’impunita’”.

b-bloccaprocessi

berlusconi-DITTATORELLO

antonio-di-pietro_infervorato_tn


Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Lascia un Commento