QuiRinale a voi studio.

Cari amici senza idee dell’ex EIAR oggi nel baratro. Questa è stata la mia chiusa per TRE MESI nel mio programma IL GUASTAFESTE, di circa 40 anni fa su Raiuno. Facevo ogni giorno gli ascolti sommati di TUTTE LE RADIO ITALIANE OGGI. Niente, al confronto delle mie mille chiuse che scrivevo e recitavo nei miei monologhi quotidiani di VIA ASIAGO TENDA, il varietà radiofonico più ascoltato degli ultimi 50 anni e in cui ero il comico-autore fisso. Lì facevo 11 milioni di ascolto medio. E da DUE mie chiuse, si sono fatti una carriera Arbore e un certo Catalano. Ma solo per colpa dei giornalettari ignoranti e venduti. Di “Meglio essere ricchi e sani che poveri e malati” ne ho scritto e registrato mille.

Ah, com’è più facile copiare che creare!

Ritaglio CorSera di oggi, pag. 8

Fatevi una cultura invece di plagiare gli autori veri. Grazie.

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

I MISTERI DELLE STRAGI

Un milione di dollari per insabbiare lo scoop di Borsellino su Berlusconi, Dell’Utri e la mafia

Un emissario Fininvest offrì soldi per censurare l’intervista a Canal Plus del magistrato, che accusava apertamente il boss Vittorio Mangano e confermava i suoi rapporti con il braccio destro del Cavaliere: filmata poco prima della morte del giudice eroe, fu tenuta segreta per due anni, fino a dopo le elezioni del 1994. A riaprire il caso sono le rivelazioni in punto di morte del giornalista francese Fabrizio Calvi: «So chi è stato il traditore»di Paolo Biondani e Leo Sisti

27 DICEMBRE 2021 

Un milione di dollari. In cambio dei nastri integrali di un video-documentario su Silvio Berlusconi e Cosa nostra: cinquanta ore di filmati, con un’intervista clamorosa a Paolo Borsellino. Uno dei tanti misteri legati all’assassinio del magistrato simbolo della lotta alla mafia riguarda uno scoop televisivo che fu tenuto segreto per due anni. Nell’intervista concessa a due giornalisti francesi nel 1992, poco prima di esser ucciso, Borsellino accusava apertamente Vittorio Mangano, il boss di Palermo che fu assunto da Berlusconi ad Arcore, e confermava i suoi rapporti con Marcello Dell’Utri, l’ex senatore e top manager del gruppo Fininvest poi condannato per mafia. (da Repubblica-Espresso)

Personalmente ne ho scritto parecchio ed ho postato numerose volte anche sui social quell’intervista che in Italia non ha mai visto nessuno. Borsellino faceva chiaramente i nomi dei mandanti delle stragi ’92/’93, che furono gli stessi del suo barbaro assassinio. E Mangano no era “stato assunto” da Berlusconi, ma piazzato in casa sua da Riina come garanzia che i 73 miliardi dati in usura a Silvio per acquistare Rete4 dalla Mondadori non facessero la stessa fine dei 33 miliardi prestatigli da Bontade per comprare Italia 1 e MAI PIÙ RESI (visto che Bontade fu assassinato dallo stesso Riina o da suo cognato Leoluca Bagarella)

SAPEVA TROPPE COSE. MOLTE ERANO ANNOTATE NELLA SUA FAMOSA “AGENDINA ROSSA” CHE I SERVIZI DEVIATI FECERO SPARIRE.

ECCOLA:

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

IL BAGAGLINO NON SI FERMA

(da Repubblica del 5/1/22)

Un gennaio in tribunale per il candidato Berlusconi tra olgettine, caso Tarantini e corruzione

di Giuliano Foschini ,  Fabio Tonacci

https://video.repubblica.it/embed/politica/natale-berlusconi-fa-gli-auguri-su-instagram-con-in-braccio-la-cagnolina-gilda/404587/405297?adref=https://www.repubblica.it/politica/2022/01/05/news/berlusconi_quirinale_tribunale_olgettine-332672702/[apertura]&responsive=true&pm=true&pl_listen=true&el=player_ex_332674057&mode=embed&wpm&dp&width=735&height=416&ver=332674057&gd-facet-webview=false&nomzvpl_ap

ROMA – L’agenda di gennaio del candidato al Quirinale Silvio Berlusconi è fitta di appuntamenti. In Tribunale. Il 19, cinque giorni prima che i Grandi Elettori si riuniscano in Parlamento, a Milano si tiene l’udienza del processo Ruby ter: il Cavaliere è alla sbarra insieme ad altre 28 persone per corruzione in atti giudiziari e induzione alla falsa testimonianza. Il 21 gennaio i suoi avvocati si devono spostare a Bari per l’udienza sul caso Tarantini dove – particolare non secondario – la presidenza del Consiglio si è costituita contro di lui. Il 26 gennaio, a urne presidenziali probabilmente ancora aperte, li vedremo tornare in fretta a Milano di nuovo per il Ruby ter. E nei mesi successivi altri procedimenti giudiziari, a Roma, a Firenze, a Siena.

Quirinale, il Popolo Viola in piazza contro Berlusconi: “Il Colle non è un Bunga Bunga”

di Gabriele Bartoloni04 Gennaio 2022


Detta altrimenti: se davvero Berlusconi venisse eletto, avremmo per la prima volta un Capo dello Stato condannato in via definitiva per frode fiscale (2013, vicenda diritti Mediaset), costretto a districarsi tra quattro processi e sotto inchiesta per le stragi di mafia del 1993.

Il calendario non lascia molto spazio all’immaginazione. Si parte con la prima delle udienze di gennaio: l’accusa è aver pagato le cosiddette “olgettine” per dire il falso quando sono state chiamate a testimoniare nel processo Ruby, il filone principale, nel quale Berlusconi è stato assolto nei tre gradi di giudizio dalle imputazioni di concussione e prostituzione minorile.

Nel 2016, dunque, l’ex premier viene mandato a processo nel Ruby ter. I procedimenti sono spacchettati in sei tribunali diversi poi tornano a Milano. Tutti, tranne due: uno rimane a Siena, uno a Roma. A ottobre è stato assolto a Siena (induzione a mentire del suo pianista di fiducia), precedente che fa ben sperare i suoi avvocati. Si attendono le motivazioni della sentenza per capire se la procura farà ricorso in appello. A cavallo delle elezioni presidenziali Berlusconi è atteso in aula a Milano, mentre a marzo (a Capo dello Stato eletto) sarà alla sbarra a Roma.

La situazione più imbarazzante per l’ex premier è probabilmente quella di Bari. Il 21 gennaio è prevista l’ennesima udienza di un processo che si trascina da quasi dieci anni: agli atti, per dire, ci sono alcune istanze di rinvio presentate dai suoi legali per l’elezione del presidente della Repubblica di sette anni fa. Berlusconi è imputato per aver pagato Gianpaolo Tarantini per mentire riguardo alle serate a casa sua. Che, ha stabilito la Corte di Cassazione, non erano cene eleganti, ma, in almeno sei casi, cene in cui delle ragazze si prostituivano. A rendere più complicata la situazione è la costituzione di parte civile della Presidenza del consiglio: si è ritenuta lesa dalla condotta dell’allora premier.

Il retroscena. Il Pd gela Berlusconi e Gianni Letta spinge Silvio a sostenere il premier

di Carmelo Lopapa03 Gennaio 2022

A impensierire Berlusconi è anche la procura di Firenze che per la terza volta ha riaperto l’inchiesta sui mandanti occulti delle stragi di mafia del 1993 e per la terza volta lo ha iscritto nel registro degli indagati insieme a Marcello Dell’Utri. Tra marzo e aprile scade l’ultima proroga delle indagini, dopodiché i pubblici ministeri procederanno alla chiusura ed, eventualmente, alla richiesta di rinvio a giudizio.

Il procuratore Giuseppe Creazzo e i pm Luca Turco e Luca Tescaroli hanno ripreso in mano il fascicolo nel 2017 in seguito alle parole di Giuseppe Graviano, intercettate nel carcere dell’Ucciardone. Il boss, interrogato a Reggio Calabria e ancora a Firenze nell’aprile 2021, sostiene di aver incontrato Berlusconi a Milano 3 nel dicembre del 1993, alla vigilia della famosa “discesa in campo”. Il mafioso palermitano, responsabile degli attentati a Falcone e Borsellino, era già latitante. Dice di aver stipulato col Cavaliere un accordo per un investimento di 20 miliardi di lire che prevedeva il ritorno del 20 per cento della somma versata. “Mio nonno ha consegnato a mio cugino Salvatore una carta, che mi ha mostrato: era firmata da Berlusconi e dalle persone che avevano fatto l’investimento”, si legge nel verbale di Graviano, riportato dall’Espresso. Gli investigatori della Dia hanno perquisito una decina di sospettati in cerca di quel documento. Al momento, non si hanno notizie che sia stato rinvenuto.

(E dei prestiti di Bontade e Riina al prode Berlusconi per l’acquisto cash delle sue tv… non se ne parla più? Erano 138 miliardi se ricordiamo bene. Nota di Salis)

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

LA RIDICOLA MELONI CHE ATTACCA IL GOVERNO SU VACCINI E GREEN-PASS dimentica i disastri veri degli anni in cui era il peggior ministro dei peggiori governicchi di tutti i tempi.

Con queste destre al potere e coi virus in circolazione, oggi l’Italia avrebbe meno abitanti VIVI di Malta.

LA FOLLIA DELL’IGNORANZA FASCISTA
SENZA FOTOSCIòP SPAVENTEREBBE ANCHE DRACULA
E’ la mafia, bellezza.
Amici amici e compagni di merende.
LA VERITÀ
MAFIA COMANDA, PICCIOTTI UBBIDISCONO. ALTRIMENTI CHI LI VOTA PIÙ?

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Nasce BONNYE MORENO

IL PERSONAGGIO FEMMINILE PIÙ POTENTE E ORIGINALE DEL TERZO MILLENNIO LETTERARIO. Comprimari di grande livello e storie che da decenni solo i grandi autori americani sanno scrivere. Colpi di scena e suspense a non finire.

I MIEI LIBRI LI TROVATE SOLAMENTE SU AMAZON, almeno fino a quando in Italia non torneranno ad esistere EDITORI VERI.

Primo volume della saga. Intrighi internazionali e colpi di scena a non finire.
Sequel, che vede Bonnye alle prese con un terribile boss della ‘ndrangheta deciso ad assassinare a tutti i costi suo padre adottivo e il più micidiale killer internazionale, pagato da un senatore Usa per eliminarla.

Sto lavorando al terzo libro, dove la nostra Bonnye si scontrerà con la camorra.

ORDINATE I MIEI LIBRI QUI:

https://www.amazon.it/s?k=lucio+salis%2C+bonnye+moreno+bisshop&i=stripbooks&__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&crid=P6OEU1DF5LXZ&sprefix=lucio+salis%2C+bonnye+moreno+bisshop%2Cstripbooks%2C132&ref=nb_sb_noss

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

ECCO IL SEQUEL DI BONNYE MORENO. STO SCRIVENDO IL TERZO VOLUME.

Una minaccia per Bonnye: Un romanzo cinematografico ambientato in Sardegna. E non solo 

Copertina flessibile – 19 dicembre 2021

di Lucio Salis (Autore)


Visualizza tutti i formati ed edizioni

Spedizione GRATUITA con consegna presso punti di ritiro.Dettagli


Promozioni attive per questo prodotto

Questo articolo è acquistabile con il Bonus Cultura e con il Bonus Carta del Docente quando venduto e spedito direttamente da Amazon. Sono esclusi prodotti di Venditori terzi sul Marketplace di Amazon. Verifica i termini e condizioni dell’ iniziativa Bonus Cultura 18app e di Carta del Docente.

Una nuova avventura per Bonnye: il personaggio nato dalla penna di Lucio Salis e protagonista del primo volume della serie: «Bonnye Moreno, il maledetto caso Bishop». Alta, snella, bruna, bellissima e temibile, Bonnye è un’esperta investigatrice che si gode la vita in un lussuoso eremo in Sardegna, circondata dall’affetto di collaboratori ed amici. Ma una nuova minaccia che profuma di ’ndrangheta verrà a turbare quella pacifica armonia. Ci penserà Bonnye a restituire al suo mondo la pace perduta, in un intrecciarsi ininterrotto di avvenimenti ed azione che con taglio squisitamente cinematografico non potrà non catturare, oltre i colpevoli, anche l’interesse del lettore.

FATEVI UN REGALO: BUONA LETTURA!

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

NAUSEATO DALLE DESTRE PEGGIORI DEL MONDO: DA SALVINI-MELONI A CONTE-LETTA.

i SONDAGGI FALSI E PROPEDEUTICI IMPOSTI DALLE MAFIE: RUSSA, VATICANA, ‘NDRANGHETA, ETC, NON SFONDANO.

Basti vedere l’abisso tra le percentuali propagandate dai ridicoli media italioti da almeno 8 anni e i miseri risultati elettorali. E non parliamo dei brogli per milioni di schede e verbali falsi fatti dentro il Viminale per le europee da “la Bestia” di #salvini: vi ricordate? Un partitino del 4% passa inopinatamente al 34%, POI SI VOTA e passa al 17%, e alle amministrative, nonostante anni di comizi televisivi h24, crolla all’11,4%. E non parliamo dei voti di mafia e di quelli comprati a 50 euro, che sarebbero circa la metà!!! Idem per Fratelli di Taglia: questi di destra hanno più carcerati che voti. Questa è la vergognosa realtà.

E QUESTO CIARPAME VORREBBE TORNARE A DEVASTARE E A DERUBARE IL PAESE, COME AVEVANO GIÀ FATTO PER 18 ANNI!!!

LOMBARDIA

Traffico di droga: in carcere Luca Lucci, capo ultrà della curva del Milan

 Lucci con Salvini
ANCHE NO.
Mafia, amore mio.
Dimenticato tutto?
E i servi sardegnoli che lo hanno votato facendosi truffare, vedi i pastori per il latte.

ECCO COME CI AVEVANO DEVASTATO E DERUBATO QUANDO ERANO AL POTERE.

TUTTO IL MONDO CI PRENDEVA PER CULO.
FALLITO
Nati al servizio della mafia russa.
Clowns professionisti
POCHETTE LA MACCHIETTA.
MERCATO DELLE VACCHE
FIGURONI NEL MONDO
MA TUTTE LE PORCATE LE HANNO AVALLATE QUESTI GIORNALETTARI
CECITÀ POLITICA
LE VEDOVE DELL’INUTILE MACCHIETTA “POCHETTE”

E, PER CHIUDERE, LA BESTIALE FAKE NEWS DI “Enrico, stai sereno.”

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

H0 APPENA FATTO LA TERZA DOSE DI VACCINO. Loro no…

Alessandria, morta operatrice sanitaria no vax, diceva: «Mi auguro di prenderlo il Covid, meglio morire in piedi»

di Floriana Rullo

Sospesa dal lavoro, la 64 enne aveva rifiutato il vaccino

TRIESTE

L’ex negazionista in carrozzina dopo 25 giorni di coma: «Ora non mi avvicino a chi non ha la mascherina»

di Benedetta Moro

Patrik Berzi, 46 anni: «Il Covid mi ha distrutto»

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

COME L’IMAIE (Istituto mutualistico per la tutela degli artisti interpreti ed esecutori)

Non mi paga i diritti di immagine di oltre 250 mila euro da almeno 30anni.

Prima c’era l’Imaie, che ricevette e verificò un mare di materiale di anni della mia produzione artistica: come interprete di film, fiction e dischi, e quantificò la somma che avevo maturato in 220 mila euro. “A breve riceverà il bonifico,abbiamo il suo IBAN”. Poche settimane dopo, scapparono con la cassa e dichiararono fallimento rubandoci centinaia di milioni di euro. Il presidente era quel simpatico fascista di Edoardo Vianello.

Il 12 luglio 2010, nasce

Peggio me sento. Questi mi palleggiano come gli pare con richieste assurde di altro materiale. Glielo mando, ma loro, sempre persone diverse, mi rispondono sempre cazzate, mentre i film cui ho partecipato vengono trasmessi dalle tv ogni settimana.

luciosalis47<luciosalis47@pec.it>04/10 10:33A: commissario

Gentili signori, io in circa 50 anni di attività ai vertici dello showbiz da voi non ho MAI ricevuto un solo centesimo. Circa 11 anni fa mi era stato annunciato un bonifico per i diritti maturati, tra musica e film, di 220.000 (duecentoventimila) euro, ma subito dopo qualcuno scappò con la cassa e io rimasi a becco asciutto. Eppure avevo spedito TUTTA la documentazione inerente alle mie attività e il vostro ufficio aveva impiegato ben quattro mesi di verifiche accuratissime per addivenire a quella cifra. Ora io non ho più tutto quel materiale; le cause sono molteplici: furti in casa, pc bruciato da un fulmine caduto sopra il traliccio Enel a 50 mt da casa mia a Sadali (CA) dove risiedevo allora, etc..Quel fulmine bruciò anche un televisore, un videoregistratore, un impianto voci nuovo, un forno a microonde in funzione, etc.Ora io vi mando di nuovo il mio IBAN che è: IT02 Z076 0117 3000 0007 1563 530CIN     ABI         CAB           n°.CONTOZ       07601      17300       000071563530
Resto in attesa di una vostra pronta rimessa..Vi auguro buon lavoro e una buona giornata.
P.S. Numerose sentenze della Cassazione attestano il fatto che è l’Ente deputato a informarsi e a controllare i lavori eseguiti, non l’Artista. Che appunto fa l’Artista e non il contabile.
Lucio Salis 

MA I CAZZARI MI SCRIVONO ROBA TIPO QUESTA: MA SE NON MI PAGATE COME FACCIO A DICHIARARE SOMME CHE voi MI AVETE RUBATO?!

info@nuovoimaie.it23/11 16:26A: meGentile Artista,
in riferimento alla domanda prot. N. 310042165 presentata attraverso la SIAE per l’accesso alle misure di cui all’oggetto, le comunichiamo quanto segue:

la sua domanda è tuttora in fase di validazione in quanto nella nostra Banca Dati NON risultano verificati al momento i seguenti requisiti:

• Incasso di almeno 100€ di diritti connessi nell’anno 2019
oppure
• 4 brani musicali (fonogrammi) pubblicati negli anni 2019-2020
oppure
• 1 opera filmica pubblicata negli anni 2019-2020
oppure
• 4 puntate di serie pubblicate negli anni 2019-2020

Al fine di consentirci di validare la sua istanza, la invitiamo a collegarsi al Portale Artisti del NUOVO IMAIE all’indirizzo https://areasoci.nuovoimaie.it ed ad accedere alla pagina dedicata ‘CURA ITALIA 2021’ dall’apposito link riportato in Home Page.

Attraverso tale pagina potrà compilare un’autodichiarazione in cui potrà comunicarci i riferimenti alle opere musicali o audiovisive utili alla validazione della sua domanda, oltre a confermare il possesso degli altri requisiti previsti dalla norma di riferimento.

TALE AUTODICHIARAZIONE DOVRA’ ESSERE COMPILATA ENTRO E NON OLTRE LE ORE 18:00 DEL 5 DICEMBRE 2021, al fine di consentire agli uffici le necessarie verifiche sui dati inseriti. In mancanza dell’inserimento delle informazioni richieste entro tale scadenza, non sarà possibile per l’Istituto validare la domanda.

Cordiali saluti.

NUOVOIMAIE
Via Parigi, 11
00185 Roma (Italy)

portale Artisti: https://areasoci.nuovoimaie.it/
sito web: www.nuovoimaie.it

CONTATTA
il punto di incontro degli artisti interpreti esecutori con il NUOVOIMAIE
Telefono: 06 46208888
Fax: 06 46208889
e-Mail: info@nuovoimaie.it

lucio<lucio@cappittomihai.com>20/04/2020 18:33A: infoBuongiorno. Faccio spettacolo ad altissimi livelli dall’età di 15 anni. Il “vecchio” Imaie mi doveva spedire un bonifico da 220.mila euro che non ho mai visto. So che i dirigenti sono scappati con 33 milioni nostri. Vi ho contattato ripetutamente negli ultimi anni, ma senza risultati. Ora ho bisogno assoluto delle mie spettanze per film che vanno in onda in varie tv nazionali a cadenza quasi settimanale e, siccome ho 73 anni e sono invalido al 100%, chiedo anche il sostegno per il #covid.
Qui alcuni dei miei lavori:https://www.imdb.com/name/nm0758425/?ref_=ttfc_fc_cl_t49

Auguri di buona salute e buon lavoro

Lucio Salis

Oltre a qualche telefilm con Bruno Corbucci: “Classe di Ferro”. replicati molte volte, ci sono questi altri film che mi vedono protagonista assoluto o co-protagonista o fra gli interpreti, e tutti vengono trasmessi in televisione da anni almeno due/tre volte al mese:https://www.imdb.com/name/nm0758425/?ref_=ttfc_fc_cl_t49

Saluti.
Da “info” info@nuovoimaie.it

A “lucio@cappittomihai.com lucio@cappittomihai.comCcData Tue, 21 Apr 2020 09:52:12 +0000Oggetto R: Re:Acquisizione Richiesta Iscrizione Artista Interprete Esecutore del 21/04/2020 da LUCIO SALIS

Egregio Sig. Salis,

In risposta alla Sua email sono ad informarLa che il nostro istituto tutela artisti interpreti esecutori pertanto solo cantanti e musicisti che hanno pubblicato su supporto fisico opere musicali e attori e doppiatori che abbiano interpretato opere filmiche quali film, fiction, corti se utilizzati in tv (RAI/MEDIASET/LA7/SKY/DIGITALE TERRESTRE), non sono tutelate le trasmissioni televisive, reality, spot pubblicitari, opere teatrali e figurazioni speciali.

Cordiali saluti.

lucio<lucio@cappittomihai.com>21/04/2020 10:29A: infoSpero che abbiate conservato le mie email di ieri coi link che attestano anche come io sia stato attore di cinema , radio e televisione. Se ho ben capito il vs format mi ha permesso di iscrivermi solo come autore  e produttore discografico. E’ così?
Da info@nuovoimaie.itA lucio@cappittomihai.comCcData 21 Apr 2020 11:25:50 +0200Oggetto Acquisizione Richiesta Iscrizione Artista Interprete Esecutore del 21/04/2020 da LUCIO SALIS

lucio<lucio@cappittomihai.com>27/05/2020 11:10A: comunicazione
Gentili signori, sono Lucio Salis, ID 166114, e non ho MAI ricevuto un solo cent né una sola lira, dai 220 mila euro che avevo maturato col vecchio Imaie. Purtroppo, quando mi venne annunciata la somma e un eventuale bonifico, saltò tutto per aria e da allora, mentre io ho continuato a produrre opere, prove e documenti, ancora non ho incassato niente, né dal vecchio e né da #NuovoImaie.Avete tutto il materiale che son riuscito a reperire, anche se ne manca parecchio e avete anche il mio IBAN.Aspetto fiducioso vostre notizie e una cospicua rimessa.Grazie e buon lavoro
Lucio Salis – via XXSettembre, 44 09016 IGLESIAS (CI)Cell. 339.6365943
Da “NUOVOIMAIE” comunicazione@nuovoimaie.itA lucio@cappittomihai.comCcData Tue, 26 May 2020 02:03:49 +0200Oggetto Residuo attivo IMAIE in liquidazione

 Caro Socio,
 
come forse avrai saputo, l’art. 185 del D.L. Rilancio prevede che i diritti gestiti da IMAIE in liquidazione e relativi all’ultimo stato passivo, cadranno in prescrizione decorsi trenta giorni dalla pubblicazione del D.L.; al contempo, sono caduti in prescrizione quelli relativi agli stati passivi precedenti.
 
Naturalmente, non sappiamo se Tu abbia riscosso tutti i diritti da Te vantati relativi all’ultimo stato passivo. Nell’incertezza, non volendo lasciare soli i nostri soci in questa delicata fase, oggi stesso abbiamo trasmesso una comunicazione ufficiale a IMAIE in liquidazione per interrompere la prescrizione e sollecitare un pronto riscontro in merito.

Pertanto, nel caso in cui dovessi ancora vantare dei diritti non prescritti sarà nostra cura assicurarci che Ti siano corrisposti in tempi brevi e aggiornarti il prima possibile sulle modalità e tempi del processo di erogazione di tali diritti. Necessitiamo di almeno 2 settimane per acquisire i dati delle singole posizioni perciò non allarmarti se non ricevi risposte immediate.

Lo stesso art. 185 prevede, inoltre, che decorsi sessanta giorni dalla pubblicazione del decreto, i commissari liquidatori depositino il bilancio finale di liquidazione e, in seguito, versino il residuo attivo presso il Mibact affinché, mediante un apposito decreto, disponga la distribuzione agli artisti, in ragione del loro stato di bisogno.
 
Anche in questo caso, intendiamo attivarci fattivamente affinché il residuo attivo venga assicurato a TUTTI gli artisti, senza intermediari e in ragione dello stato di bisogno.
 
Abbiamo quindi scritto a tutte le collecting degli artisti operanti in Italia per far fronte comune nell’interesse della categoria e portare al Ministro una medesima proposta.
 
Ti garantiamo che, nel tenerti costantemente aggiornato sugli sviluppi, vigileremo affinché tutta la procedura avvenga nel rispetto dello scopo indicato dall’art. 185 del D.L Rilancio e che più ci sta a cuore: corrispondere il dovuto agli artisti.
 
Cari saluti.
 
Andrea Miccichè
 
La informiamo che Lei ha la possibilità di chiedere, in qualsiasi momento, di non ricevere più comunicazioni via mail dall’Istituto. In questo caso il Suo indirizzo di posta elettronica potrà essere utilizzato esclusivamente per le comunicazioni di legge (art. 25 del Decreto Legislativo 15 marzo 2017 n. 35)

Grazie, ma credo di aver già inviato tutto il materiale che sono riuscito a reperire alle sezioni preposte: amministrazione@imaie.it, musica@nuovoimaie.it, e audiovisivo@nuovoimaie.it col mio codice ID 166114. Non è sufficiente questo? Ho mandato anche una pagina dedicatami da Wikipedia (sebbene rimaneggiata da qualche lavativo), il mio CV, e numerosi link di lavori fatti in 50 anni e passa di carriera. Badando a selezionare bene il grano dal loglio.Se mancasse qualcosa, vi prego di farmelo sapere tempestivamente.Grazie e buona giornata.Lucio Salis

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter