Morta Franca, Dario si è rincoglionito: ora è contro Sala, prima era contro Pisapia. Ma l’immaginate Milano devastata dai grullini che ama?

Vi ricordo che Milano, dopo 30 anni di devastazione berlusconiuco legaiola, con Pisapia è di nuovo una capitale mondiale della qualità della vita e della cultura.

DARIO FO CONTRO PISAPIA: “MILANO? CI SI SOPRAVVIVE”

La medaglia sarà pure d’argento ma non brilla. Milano si piazza a sorpresa al secondo posto nella classifica delle città che offrono la migliore qualità della vita. Ma sono in molti a non essere d’accordo con la ricerca del Sole 24 Ore che vede in testa, ancora una volta, Bolzano.

Dario Fo

Milano, Dario Fo contro i candidati del Pd: “Sala, Balzani e Majorino indegni”

Più rincoglionito di così… Povero Dario, che brutta fine!

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Con l’assoluzione PER NON AVER COMMESSO IL FATTO del grande De Luca sono spariti i grullini.La legge ha tirato lo sciacquone e la merda VIA!

Esattamente come fanno le lumache quando esce il sole. Il sole rischiara tutto, riscalda, e le lumache si nascondono all’ombra delle loro fogne.

QUALCHE IMMAGINE DELLA LORO VERGOGNA!

Risultati immagini per grillo, di battista contro de luca condannato

Risultati immagini per grillo, di battista contro de luca condannato

ECCO, BRAVO, FICCATEVI DUE DITA NEL CULO!

Risultati immagini per grillo, di battista contro de luca condannato

 

Risultati immagini per grillo, di battista contro de luca condannato

idioti miracolati da 19 mila euro al mese per non fare un cazzo, anche perché sono INETTI!

Risultati immagini per grillo, di battista contro de luca condannato

Risultati immagini per grillo, di battista contro de luca condannato

ASSOLTO, STRONZI!

Risultati immagini per grillo, di battista contro de luca condannato

ASSOLTISSIMO, STRONZI!

Risultati immagini per de luca ASSOLTO IN APPELLO

 

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

dibba “Per Roma chiediamo ai cittadini di votare il nostro programma” Quale? Pigliare i soldi e scappare? Fossi in Renzi li farei vincere.

@matteorenzi , ti prego! A Roma fai vincere i bimbiminkia! Sai le risate quando i cittadini li inseguiranno coi forconi, dopo un mese o due di bla bla bla e scuse ridicole!

Ma solo un malato di mente può pensare di votare questi devastati mentali senza arte né parte in una realtà complessa e corrotta come la Roma che ha lasciato la gang alemagno!!! Però, amichi mia, cazzi vostra.

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Sono povere creaturine maltrattate duramente da Madre Natura. Tutti insieme non valgono un’unghia di De Luca.

Per non dimenticare

Collegamento permanente dell'immagine integrata

Abuso d’ufficio, De Luca assolto in appello
Per il governatore svanisce lo spettro Severino

de luca pp

 

Il presidente della Campania era stato condannato a un anno in primo grado, così era scattata la
sospensione, poi bloccata in attesa della Consulta. “Anni di calvario, aggressione politica e mediatica”

Per chi lo ignorasse, era stato condannato per aver fatto un contratto a un PROJECT MANAGER” – figura che nel capitolato del comune non esisteva – anziché DIRETTORE DEL PROGETTO. Una minchiata colossale e comica, se non fosse tragica.

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

“523 primari di troppo Così la Campania aggira la spending review” Mi sbaglio o si decideva tutto a casa della de girolamo, da lei e soci?

Caso De Girolamo. Le intercettazioni sulla gestione della sanità beneventana inguaiano il ministro

I fatti risalgono al 2012, quando l’attuale ministro delle Politiche agricole era referente per il Pdl in quei territori. La gara d’appalto sul 118, le consulenze sul territorio, la proprietà di un bar all’interno del Fatebenefratelli di Benevento. Su queste vicende emergerebbe il coinvolgimento sospetto del ministro per la quale il M5S pensa a una mozione di sfiducia

10 GEN - Il ministro delle Politiche agricola, Nunzia De Girolamo, è coinvolta in alcune intercettazioni illegali, risalenti al 2012, quando l’attuale ministro era referente per il Pdl in Campania. Al centro della bagarre sollevata dalle telefonate pubblicate da Il Fatto Quotidiano, la gestione dell’Asl di Benevento, i suoi appalti, le consulenze, la scelta dei dirigenti locali e anche la gestione di un bar interno all’ospedale Fatebenefratelli che ha visto andare in scena uno scontro tra fratelli conclusosi con un passaggio di proprietà che sembrerebbe voluto dallo stesso ministro.

L’accusatore, nonché intercettatore delle telefonate è Felice Pisapia, ex direttore amministrativo dell’Asl di Benevento, Felice Pisapia, attualmente indagato – con obbligo di dimora – perché, secondo quanto sospettato dalla Procura, persona al centro di un sistema di fatture gonfiate, appalti truccati e appropriazioni indebite costati finora il carcere a quattro imprenditori. Il ministro De Girolamo, invece, attualmente non è indagata.

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

“L’operazione #Sbloccascuole libera 480 milioni per l’edilizia scolastica. Ecco come si partecipa” Si chiamano TEMPI TECNICI, non annuncite, come ragliano gli imbecilli.

L’operazione #Sbloccascuole libera 480 milioni per l’edilizia scolastica. Ecco come si partecipa

L’operazione libera risorse destinate a interventi di edilizia scolastica e alla realizzazione di nuove scuole

Oggi con una lettera del premier Matteo Renzi a oltre 8mila sindaci e amministratori ha preso il vial’operazione #Sbloccascuole, prevista dalla Legge di Stabilità 2016. Si tratta di 480 milioni di euro liberati dai vincoli di bilancio per Comuni, Province e Città metropolitane per interventi di edilizia scolastica e per la realizzazione di nuove scuole.

“La salute della scuola – ha scritto il presidente Renzi nella lettera inviata ai sindaci – è un tema scritto ai primi punti dell’agenda politica. In tutto abbiamo già aperto 3.766 cantieri, di cui 2.435 già chiusi. Vuol dire 20.875 posti di lavoro, che diventeranno 46.882 con i cantieri in partenza nel 2016. Sulla scuola non si scherza”.

L’operazione segue quella attuata già nel 2014 quando, grazie a 344 milioni di sblocco del patto di stabilità, 454 Comuni e 107 Province e Città Metropolitane hanno potuto finanziare la ristrutturazione totale degli istituti. Le attività finanziate si sono particolarmente concentrare sugli interventi di bonifica dell’amianto e di adeguamento alle normative per la sicurezza antisismica e antincendio.

Ecco in pochi punti cosa prevede l’operazione:

1) Che cos’è l’operazione #Sbloccascuole?

L’operazione #Sbloccascuole libera la spesa di risorse a valere sull’avanzo di amministrazione e sul ricorso al debito, andando a completare, per l’edilizia scolastica, lo sblocco delle somme per investimenti pluriennali attuato con la Legge di stabilità 2016.

2) Come si partecipa?

Gli Enti locali possono trasmettere la domanda alla Struttura di Missione per l’Edilizia Scolastica della Presidenza del Consiglio dei Ministri attraverso il sito www.sbloccabilancio.it.

3) Chi può partecipare?

In linea generale possono fare richiesta di spazi finanziari per interventi di edilizia scolastica nel 2016 tutti gli Enti locali proprietari di edifici scolastici. Per ulteriori informazioni visita il sito www.sbloccabilancio.it.

4) Fino a quando è possibile partecipare?

Le domande devono essere trasmesse entro il primo marzo 2016.

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

“De Luca assolto in appello, ora non rischia più la sospensione” CHE VI DICEVO DA MOLTI MESI? Ora prendere a calci in culo i servi di grullo!

De Luca, galantuomo e grande amministratore. Tutto il contrario dei fancazzisti ladroni della setta padronale, insomma.

De Luca assolto in appello, ora non rischia più la sospensione

Era accusato di peculato e abuso d’ufficio. Per i magistrati “il fatto non sussiste”. Lui: “Finalmente”

Assolto perché il fatto non sussiste. Il governatore della Campania Vincenzo De Luca è stato assolto nel processo d’appello per la nomina di un project manager nell’ambito di un progetto per la costruzione di un  termovalorizzatore a Salerno.

L’accusa era di di abuso in atti di ufficio e peculato. In primo grado era stato condannato a un anno, pena sospesa, condanna che aveva determinato nei confronti di De Luca la sospensione dall’ incarico di presidente della Giunta regionale per effetto della Legge Severino, provvedimento poi sospeso dal tribunale.

Ovviamente soddisfatissimo il Governatore: “‘Finalmente”.  ”Ci abbiamo messo un po’ ma ce l’abbiamo fatta” ha detto  l’avvocato Carbone che ha comunicato la notizia a De Luca.
Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter