Berlusconi candida delinquenti e dice che c’è la “giustizia a orologeria”, frase mai sentita. Lo condannano, si fa per dire, per uno SOLO dei suoi centomila reati e dice che la sua è una “condanna criminale”. Che dirà Beppe per le manette in arrivo per i suoi sindachetti?

O qualcuno crede che i morti di Livorno e Torino passino inosservati o i reati della povera incompetente Raggi a Roma? Siamo seri!

 

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Dovrete ringraziare il coraggio e l’onestà VERA di @matteorenzi anche per questa luce proiettata finalmente sulle porcate delle banche. Altro che la finta onestà dei grillini!

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Brunetta il comico ridicolo “tempistica giudiziaria a poche settimane dal voto”. MA SE VOI SIETE UNA COSCA CRIMINALE NON SARA’ MICA COLPA DEI MAGISTRATI! Renati’, fai pace col cervello. E basta col vecchio repertotio che non fa ridere!

Indagato Cesaro per voto di scambio, Forza Italia insorge

Luigi Cesaro

Favori in cambio di voti alle elezioni regionali del 2015. Per questa ipotesi di reato la procura di Napoli nord indaga 29 persone, tra cui tre esponenti di Forza Italia: Armando Cesaro, attuale capogruppo in Consiglio regionale, il padre Luigi, parlamentare ed ex presidente della Provincia di Napoli e la consigliera regionale Flora Beneduce.

Oggi i carabinieri hanno notificato gli avvisi di conclusione indagini e il partito insorge gridando all’ennesimo caso di giustizia a orologeria. A scendere in campo in difesa dei Cesaro sono gli esponenti locali del partito, ma anche dirigenti nazionali come il capogruppo alla Camera Renato Brunetta: «Si avvicina l’appuntamento con il voto, con il centrodestra favorito e pronto al ritorno alla guida del Paese, e si ripetono fatti ai quali ormai siamo tristemente abituati. Sorprende, e non poco, questa assurda tempistica giudiziaria a poche settimane dal voto». Dello stesso avviso la vicepresidente dei senatori Paola Pelino: «Una nuova pagina di magistrocrazia. Un modo, neppure tanto larvato, di tentare di condizionare le scelte di una forza politica e di conseguenza il voto».

Pelino parla di scelte, e infatti il totocandidature indica come praticamente sicura la presenza di Cesaro senior in lista al Senato, mentre il giovane Armando – astro in ascesa, tra i pochi azzurri visti al fianco di Berlusconi nella recente kermesse di Ischia – tenterebbe l’elezione alla Camera. Un’accoppiata sulla quale piomba ora l’inchiesta della Procura di Napoli nord, costola di quella già in corso sugli investimenti nel comune di Marano che ha portato in carcere gli imprenditori Aniello e Raffaele Cesaro, fratelli del deputato Luigi. Arrestati a maggio, i due Cesaro hanno dovuto incassare tre giorni fa la conferma della custodia cautelare da parte della Cassazione.

Armando Cesaro, recordman di preferenze alle regionali 2015 con oltre 20mila voti, si dice sereno e pubblica su Fb la notizia dell’inchiesta. «Oggi – scrive – ho ricevuto un avviso di garanzia per vicende relative alle elezioni regionali del 2015. Preferisco darvi io la notizia, perché non ho nulla da temere. Quando si ha la coscienza pulita si affronta tutto con serenità. Io ho fiducia nella verità, che presto o tardi arriva. Per tutti». Ma contro una giustizia che si sveglia a «una settimana dalla chiusura delle liste» puntano il dito anche Mara Carfagna e l’eurodeputato Fulvio Martusciello che però si dice sicuro che «gli amici ne usciranno a testa alta».

http://www.ilmessaggero.it/primopiano/politica/cesaro_indagato_polemica-3496702.html

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

E mentre in tv e sui giornali i grillini continuano a mistificare la realtà, i cittadini romani vedono ogni giorno che fogna è diventata Roma con loro.

Bilancio, allarme fondi per buche, scuole e tram: saltano 4 interventi su 5.

(Foto di Davide Fracassi/Ag.Toiati)

di Fabio Rossi
A dover tirare maggiormente la cinghia, anche quest’anno, è il dipartimento Simu, che si occupa di sviluppo delle infrastrutture e manutenzione urbana: dalla lotta alle buche alla sviluppo delle nuove opere pubbliche fondamentali per il rilancio della Capitale. Dagli uffici del Simu erano partite, in direzione dell’assessorato capitolino al bilancio, richieste di finanziamenti per 450 milioni di euro, necessari a mettere in campo 230 interventi, dalla manutenzione straordinaria delle grandi arterie romane alla costruzione di…

 

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter