Il “cambiamento”, di cui i cittadini avrebbero volentieri fatto a meno. Con Renzi la stima era 1,9… fate voi.

Fmi taglia stime di crescita italiane: solo +1,2%, pesa il quadro politico
Immagine

(Teleborsa) – Dopo la Commissione Europea, anche il Fondo Monetario Internazionale (FMI) rivede al ribasso le previsioni di crescita economica sull’Italia, assieme a quelle di Francia e Germania.

Secondo l’istituto di Washington, il PIL italiano nel 2018 registrerà un +1,2% e non un +1,5% come indicato in primavera (+1,5% nel 2017). La stima per il 2019 passa al +1% dal +1,1% precedente.

“In Italia ci si attende che l’allargamento degli spread e l’inasprimento delle condizioni finanziarie che si sono verificati in seguito all’incertezza politica, pesino sulla domanda interna” – spiega l’FMI.

Riviste al ribasso anche le previsioni di crescita economica dell’area euro (2018 +2,2%; 2019 +1,9), inclusa Germania (+2,2% e +2,1%) e Francia (+1,8% e +1,7%).
”L’Ue si trova ad affrontare sfide politiche fondamentali sui migranti, sulla governance di bilancio e sull’architettura istituzionale dell’area euro” – scrive il Fondo nell’aggiornamento del World Economic Outlook.

Confermata invece la crescita mondiale, al +3,9% sia per il 2018 che per il 2019.

https://economia.ilmessaggero.it/flashnews/l_fmi_taglia_le_stime_di_crescita_sull_italia-3859251.html

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

IL VENTO STA CAMBIANDO! ABBIAMO ANCHE UN GOVERNICCHIO DEL CAmbiamento… in peggio.

LA BELLEZZA SPARITA

Prati, il declino costante del quartiere tra rifiuti, buio e alberi caduti

Il racconto del degrado che si impossessa di una delle zone più belle della Capitale. Verde devastato, strade sporche, illuminazione pubblica precaria. E quell’odore di immondizia che ormai pervade non solo il quartiere, ma tutta la città ad ogni ora

(LaPresse)(LaPresse)
shadow
 Erano quasi le otto di sera di sabato 7 luglio quando uno degli eleganti platani di viale Angelico cadeva sotto il peso dell’incuria e del degrado. Un meraviglioso albero di dieci metri crollato, per fortuna senza danno. Beh, da allora viale Angelico è chiusa al traffico. Mucchi di rami e foglie raccolti qua e là e segatura sparsa su tutta la carreggiata, come un tappeto. Sembra una strada chiusa da anni. Ecco, questa è una delle vie principali del rione Prati, la strada che porta dal Vaticano allo Stadio Olimpico. Arteria importante di una importante capitale europea. Chiusa. Sine die.

Vivo in questo meraviglioso quartiere da quasi 40 anni. Un quartiere ordinato, frutto di un piano regolatore con un buon equilibrio tra verde e palazzi, strade quasi tutte delineate da alberi di ogni genere.

Un quartiere che, come il resto della città, ha vissuto un’inesorabile declino che sembra non aver fine. Ogni giorno arriva la notizia di un albero caduto o, forse ancor più triste, di una nuova incursione del Comune con il compito di radere al suolo alberi giudicati malati.

Piazza Bainsizza, sorprendentemente riorganizzata architettonicamente qualche anno fa, con bellissimi pioppi secolari, sembra oggi una landa deserta, abbandonata, brulla, con i tristi monconi dei pioppi ora senza vita. Oggi è colpa del caldo secco, in inverno del vento e della neve. Ma come mai nelle altre capitali europee questi problemi non ci sono? E sì che non abbiamo né inverni siberiani e nemmeno estati tropicali.

Non voglio neanche pensare cosa succederà agli alberi che hanno una grande x gialla sul tronco. Saranno sorvegliati speciali o per loro la sentenza è già scritta. Chissà? Davanti al portone di casa mia hanno fatto la stessa fine tre alberi, lasciando tre grandi buchi. Sotto la giunta precedente era stata lanciata la campagna “Adotta un albero”: cittadini pagavano l’amministrazione comunale per l’acquisto e la posa in opera delle piante.

Due anni fa il mio condominio ha stanziato i fondi per l’acquisto dei tre alberi, ma purtroppo era maggio, mese non adatto per piantare, così mi hanno detto. Poi il programma è finito. Ho mandato mail, chiamato ma non ho ottenuto niente. Credo che il mio condominio sarebbe ancora disposto a spendere quei soldi, ma so che senza le necessarie autorizzazioni non si può toccare nulla. In alcune zone gli abitanti hanno piantato abusivamente i loro alberi e in alcuni casi sono riusciti a farla franca. Ma è possibile che ciò che ci spetta di diritto dobbiamo farlo noi cittadini, di nascosto, con il rischio di passare guai?

Nell’area cani di viale Angelico c’è addirittura un albero crollato che non è stato rimosso e i monconi sradicati ovunque sono abbandonati lì, una specie di lapide in onore dell’albero che fu. Una signora mi raccontava che le aiuole centrali di viale Mazzini, non ricordava bene quando, forse primi anni Ottanta, erano state ristrutturate con gran cura. I sanpietrini di porfido sistemati, le zone verdi abbellite con piante di rose, prati curati e un sistema di irrigazione efficiente. Oggi i sanpietrini sono stati in parte rubati e quelli rimasti sono dissestati, delle rose non c’è più traccia e al loro posto ci sono erbacce alte oltre un metro.

E l’immondizia? Cartacce e plastica ovunque. Nessun cestino per i rifiuti, quasi un invito a gettare tutto per terra. Richiamo per torme di topi e branchi di scarafaggi. Nel quartiere Prati di notte può saltare l’illuminazione pubblica.Nelle scorse sere le strade erano al buio più pesto, cosa che succede abbastanza spesso. Troppo spesso. Ho portato il cane a passeggio con l’aiuto della torcia del telefonino, nella speranza di non cadere in qualche buca e di non calpestare cose o animali indesiderati. Una grande capitale europea? Già.

Mentre scrivo dalle finestre spalancate sulla calda notte di luglio entra un vento carico di odore immondizia portato da un triste parente del vecchio Ponentino. Muore così una città? Amen.

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

La logica delle mazzette che genera il Far West.

Sulla legittima difesa il patto d’onore tra Salvini e la lobby delle armi

Un “contratto” impone al ministro dell’Interno di coinvolgere le potenti associazioni quando si discute dei loro interessi. A partire dal ddl caro alla Lega che autorizza le vittime di reati a sparare agli aggressori

DI MARCO MENSURATI E FABIO TONACCI

Se Matteo Salvini farà ciò che, per iscritto e “sul suo onore”, si è impegnato a fare una volta eletto, l’Italia avrà presto una legge sulla legittima difesa scritta a quattro mani con la lobby delle armi. L’11 febbraio scorso, in piena campagna elettorale, il vicepremier e ministro dell’Interno ha firmato un documento, articolato in otto punti, col quale si è impegnato pubblicamente a “coinvolgere e consultare il Comitato Diretti…

https://rep.repubblica.it/pwa/generale/2018/07/15/news/salvini_lobby_armi-201871529/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P2-S1.8-T1

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter