Notizie poco note di Enrico Berlinguer e di suo fratello Giovanni.

Risultati immagini per enrico berlinguer

Vi racconto una cosa che non sa quasi nessuno: lui era marchese e aveva ereditato l’Isola Piana al nord Sardegna, vicina all’Asinara, per la quale gli offrirono molti miliardi, ma lui non la vendette mai: la continuò ad affittare alla solita famiglia di pastori per 90 mila LIRE l’anno. Avete letto bene. Poi la sua famiglia, dietro suo desiderio la cedette gratuitamente allo Stato a patto che la lasciasse nelle medesime condizioni, senza speculazioni. Suo fratello Giovanni, medico, per anni ha girato le campagne del Lazio per curare le persone povere e anziane delle fattorie: GRATIS.

https://it.wikipedia.org/wiki/Isola_Piana_(Asinara)

Isola dell'Asinara - vista da Torre del Falcone.JPG

http://www.cittadellascienza.it/centrostudi/2016/05/giovanni-berlinguer-un-medico-uno-scienziato-un-politico/

Addio a Giovanni Berlinguer, fratello di Enrico, medico ed ex deputato È morto a Roma il fratello del leader comunista Enrico. Allestita in Campidoglio la camera ardente, aperta fino alle 20 di stasera. Deputato per tre legislature con il Pci lasciò il partito dopo scioglimento Ds – See more at: http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Addio-a-Giovanni-Berlinguer-medico-ed-ex-deputato-e59c4ddd-c66a-45ba-80af-9203f20e3262.html

 

 

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Volevo avvisare la bestia razzista salvini e i fasciogrilli che le leggi razziste in Itali NON PASSANO!

Bambini all’asilo: incostituzionale la legge veneta

Prevede accesso prioritario ai figli di chi risiede in regione da almeno 15 anni. La Consulta ha bocciato la norma perchè contrasta “con il principio di uguaglianza”. “Non c’è alcuna ragionevole correlazione tra la residenza prolungata e le situazioni di bisogno o di disagio”. Il governatore Zaia: “Nessun razzismo, era solo buonsenso”

Bambini all'asilo: incostituzionale la legge veneta

Roma.  Per i bambini all’asilo, via di  accesso preferenziale se i genitori vivono in Veneto  da 15 anni, aveva stabilito la Regione. Ma la legge è stata bocciata come incostituzionale dalla Consulta. Un segnale per il nuovo governo che, tra i punti dell’accordo Movi,ento Cinque stelle e Lega, prevede asilo nido gratuito solo per gli italiani.

La sentenza della Corte Costituzionale spiega che la norma contrasta “con il principio di uguaglianza, poiché introduce un criterio irragionevole per l’attribuzione del beneficio, non essendovi alcuna ragionevole correlazione tra la residenza prolungata in Veneto e le situazioni di bisogno o di disagio. La norma contrasta inoltre con la funzione educativa a vantaggio dei bambini dell’asilo nido e con quella socio-assistenziale a vantaggio dei genitori privi dei mezzi economici per pagare l’asilo privato.

Nella sentenza si legge, tra l’altro, che “la configurazione della residenza protratta come titolo di precedenza, anche rispetto alle famiglie economicamente deboli, si pone in frontale contrasto con la vocazione sociale degli asili nido”, servizio che “risponde direttamente alla finalità di uguaglianza sostanziale fissata dall’articolo 3, secondo comma, della Costituzione, in quanto consente ai genitori (in particolare alle madri) privi di adeguati mezzi economici di svolgere un’attività lavorativa”.

Quanto poi alla funzione educativa del nido, la Corte ha osservato che è “ovviamente irragionevole ritenere che i figli di genitori radicati in Veneto da lungo tempo presentino un bisogno educativo maggiore degli altri”.

“Prendiamo atto con rispetto della sentenza della Consulta, però nella nostra legge non vedo nulla di oltraggioso, ma contenuti di buon senso. Mi dispiace che, troppo spesso, quando si fa qualcosa per la gente che risiede nei territori scatti, quasi in automatico, un’ingiusta accusa di razzismo, perché così non è”. Lo afferma il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, commentando la sentenza della Consulta. “Mettiamo che ci si trovi in una situazione di posti in esaurimento in un asilo, una sorta di overbooking – argomenta il governatore – A parità di reddito Isee, e quindi di fronte a una uguale situazione di difficoltà cosa è più equo fare? Scegliere un residente da anni o uno appena arrivato?”.  “Secondo la Consulta – aggiunge il presidente del Veneto – la nostra legge contrasterebbe con il principio di uguaglianza. Ma allora pongo una questione: la residenza è un elemento concreto, e a nostro parere equo, per poter fare una scelta giusta, anche per tutti gli immigrati regolari, esclusivamente se non c’è posto per tutti. Ci troviamo in una regione dove sono ospitati e perfettamente integrati oltre 500mila immigrati e ormai abbiamo a che fare con i figli dei figli di coloro che sono arrivati negli anni”. Si tratta, spiega Zaia, “di cittadini a tutti gli effetti, nuovi veneti, che si sono sforzati di integrarsi sul territorio, hanno investito risorse umane ed economiche, pagano le tasse. I diritti di queste migliaia e migliaia di persone, al pari di tutti i veneti, non sono un problema? Non devono essere una priorità? Siamo di fronte a una ghettizzazione al contrario, dove l’ultimo arrivato può superare la fila senza colpo ferire. Ipotesi che non esito a definire come profondamente ingiusta”.

http://www.repubblica.it/cronaca/2018/05/25/news/bambini_all_asilo_incostituzionale_la_legge_veneta-197326609/
Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter