Il pianto sbagliato di Eastwood: andrebbe indirizzato alla destra che ha creato i 23 milioni di disoccupati.

«Mi ricordo quando vinse le elezioni. Non ero un grande sostenitore, ma tutti accendevano candeline e piangevano. Piangevo pure io. Non ho pianto così intensamente da quando ho scoperto che in questo paese ci sono 23 milioni di disoccupati. Questa è una cosa per cui bisognerebbe piangere, perché è una disgrazia nazionale»

°°°Ma nessuno gli ha detto che la ridicola accoppiata repubblicana uscita dalla convention fa parte della stessa combriccola ladra e affarista di Bush jr. e Cheney, ovvero i colpevoli del disastro mondiale e i creatori della disoccupazione mai vista anche negli Usa? Obama sta creando lentamente nuovi posti di lavoro e sta mettendo a posto l’economia e la civiltà degli americani. Vecchio coglione!

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Dopo la devastazione di bush, blair e burlesquoni. Tre B come BACCAGAI!

Adesso l’elemosina si fa in Rete

I nuovi clochard cercano benefattori sul Web

I clochard ora raccolgono soldi
sulle piazze virtuali con paypal

ENRICO CAPORALE (AGB)

Toglietemi tutto ma non il pc. Aumenta il numero di senzatetto web-dipendenti. Nell’era di Internet e della comunicazione di massa anche l’elemosina si fa in Rete. Niente più cappelli, tazzine o scatoloni. I soldi si raccolgono con la paypal. Dalle piazze cittadine alla piazza virtuale. Qui i nuovi clochard s’incontrano, pubblicano poesie e vanno a caccia di donatori.

Lyndon e Josè vivono in Spagna. Hanno 30 e 50 anni. Trascorrono in strada la maggior parte del tempo. «Facciamo ridere la gente, ci piace vivere così», raccontano su

Continue reading

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

La Cia sapeva degli attentati dell’11 ettembre, ma Bush non fece nulla per fermarli.

Imposimato denuncia gli Usa all’Aja: “Sapevano dell’11 settembre”

ESCLUSIVO. Il supermagistrato, già presidente della commissione Antimafia, sostiene che nei palazzi erano collocati una serie di ordigni e che l’intelligence americana non avvisò l’Fbi: “In tal modo lasciarono che gli attentati avvenissero eseguiti l’11 settembre 2001”

Lunedì, 10 ottobre 2011 – 11:19:48
Forum/ “Gli Usa sapevano dell’11 settembre”. Credi a questa ipotesi?

di Raffaele Gambari

Un avvocato italiano, l’ex giudice istruttore Ferdinando Imposimato, sta preparando una denuncia al Tribunale internazionale penale dell’Aja perché, a suo dire, pur sapendo che era in preparazione l’attentato alle Twin Towers la Cia non fece nulla per fermarlo. Oltretutto, secondo il

Continue reading

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

USA, l’odio contro Obama dei destronzi.

        °°° La tragedia di questi ultimi anni è che le destre, avendo il dominio assoluto dei media, stanno cercando di convincere i cittadini che le cose vanno male, incolpando i presidenti onesti e capaci delle devastazioni messe in atto dai loro amichetti: Bush, Aznar, Berlusconi, ecc. A pagare sono stati Prodi, Obama, Zapatero, ecc. Ma la Rete renderà giustizia e smaschera quotidianamente queste fandonie propagandistiche.

bush-criminale
Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Naso da coca. C’è chi è andato dagli amici bush e putin a farsi operare…

Attenti al «naso da coca»: campagna
choc per i clienti delle discoteche

Il chirurgo plastico Gottarelli: «Sempre più pazienti devono farsi operare per i danni ai tessuti interni»

prevenzione basata sull’aspetto fisico in oltre 100 locali

Attenti al «naso da coca»: campagna
choc per i clienti delle discoteche

Il chirurgo plastico Gottarelli: «Sempre più pazienti devono farsi operare per i danni ai tessuti interni»

Paolo Gottarelli, Elenoire Casalegno e Klaus Davi alla presentazione della campagna (Fotogramma)
Paolo Gottarelli, Elenoire Casalegno e Klaus Davi alla presentazione della campagna (Fotogramma)

MILANO – «Ragazzi, non sniffate: potrebbe venirvi il “naso da coca”». Si potrebbe condensare così il senso della campagna «Nasi puliti-Liberi di respirare la vita», lanciata da Paolo Gottarelli, chirurgo plastico specialista in chirurgia nasale, insieme con Klaus Davi e la testimonial Elenoire Casalegno. L’iniziativa, che ha l’appoggio del Sindacato Italiani Locali da Ballo, coinvolgerà gli avventori di oltre 100 discoteche in tutta Italia. L’obiettivo è quello di rendere consapevoli i ragazzi dei rischi cui può condurre l’abuso di sostanze stupefacenti; e visto che cuore, cervello e sistema nervoso non si vedono, si è deciso di puntare sull’aspetto fisico, argomento al quale il pubblico dei locali notturni è molto sensibile. Un po’ come hanno fatto negli Usa, con la campagna choc che mostra come in pochi mesi si sono «imbruttiti» 21 detenuti che facevano abuso di stupefacenti.

CADUTA DEL NASO - «Il “naso da coca” è una piaga in costante crescita», ha spiegato Gottarelli, che ha eseguito uno studio su 100 suoi pazienti milanesi, monitorizzati per 4 mesi e in seguito operati. Secondo i dati forniti dal chirurgo, 6 di questi pazienti evidenziavano danni provocati da cocaina; e in tre casi i pazienti hanno avuto «una vera e propria caduta del naso». L’utilizzo di cocaina, ha spiegato il chirurgo, compromette la circolazione sanguigna, determinando un danneggiamento progressivo dei tessuti interni, fino alla necrosi: «Si ha difficoltà a respirare e, in molti casi, l’operazione chirurgica diventa inevitabile». Inoltre, ha aggiunto Gottarelli, «soprattutto nelle metropoli, l’inquinamento ambientale costituisce un’aggravante che non deve essere trascurata e, anzi, prevenuta».

°°°Si racconta di un faccendiere italiota,  che si spaccia per leader politico, che va almeno una volta l’anno a farsi operare lontano da occhi indiscreti. Ma quanto sia schizzato lo si evince ogni volta che apre quella ciabatta che ha al posto della bocca.

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

La coglionaggine dei destronzi e uguale in tutto il mondo

“Bruceremo il Corano l’11 settembre”

Preoccupati Casa Bianca e Nato

La provocazione anti-islamica di un pastore della Florida mette in allarme le autorità Usa. Il generale Petraeus: “Pericolo per i soldati in Afghanistan”. Rasmussen (nella foto con Obama) condanna l’iniziativa.

°°° Questi stronzi di destroidi PRIMA si sono inventati la bufala delle armi di distruzione di massa di Saddam. Pochi lo sanno ma la colpa è di berlusconi e frattini che hanno fatto confezionare un falso dossier su ordine di bush. Bush, un idiota alcolizzato e ritardato (riusciva a rischiare la ghirba mangiando un salatino, come un bebè di 15 mesi…), era manovrato dal delinquente  Cheney e da tutta la mafia ebraica delle lobbies delle armi. Bagdad, grazie a Saddam, era la città multietnica più ricca, serena, colta e tranquilla del mondo intero.Molto più avanti e godibile della Milano della Roma di oggi, per intenderci, prima che l’intero Iraq  venisse messo a ferro e a fuoco da una piccola banda di teste di cazzo sanguinarie: bush, berlusconi, aznar e blair.  Hanno tutti fatto una pessima fine, fischiati e derisi dal mondo intero. Ora, la destra americana idiota e razzista come la nostra,  vuole altro sangue innocente. Ma perché non se ne vanno affanculo e ringraziano il cielo di aver trovato uno statista capace e illuminato come Barack Obama? Per inciso, proprio come un berlusconi qualunque, stanno accusando Obama per i devastanti disastri lasciati dal figlio scemo di bush…

bushitler

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter