Patrizia e le altre

Patrizia e le agendine sui viaggi a Roma
“Sono stata da lui con un’amica modella”

di CARLO BONINI (Repubblica)

Patrizia D’Addario
e Silvio Berlusconi

patri

BARI – Chi è Patrizia D’Addario? E racconta il vero sulle due serate che nell’ottobre e nel novembre del 2008 l’avrebbero vista professionista pagata nei saloni di Palazzo Grazioli? Un racconto, si scopre ora, che aveva cominciato a condividere con un amico due mesi fa. Con parole – ricorda lui, chiedendo l’anonimato – che suonavano così: “Lo sai che sono stata a casa di Berlusconi con un’amica modella?”.

In attesa del riscontro investigativo di un’istruttoria ai suoi primi passi che di ragazze, con Patrizia, ne conta cinque, c’è una sola strada. Incrociare il suo racconto di oggi con la parabola di una vita complicata che, nel tempo, ha lasciato tracce nelle stanze della questura, negli uffici della Procura della Repubblica, nei salottini del “Gorgeous”, negli studi di posa fotografica, nelle strade delle periferie di san Girolamo e Carbonara.

Perché c’è un prima che forse spiega il dopo: i 2000 euro pattuiti a Roma all’hotel de Russie con l’imprenditore Gianpaolo Tarantini “per una notte con il premier”; la improbabile candidatura proposta da Tato Greco nella lista “La Puglia prima di tutto” di Raffaele Fitto; la decisione di “registrare tutto” di quei due viaggi a Roma prima di rovesciare il tavolo per non aver ottenuto quel che aveva chiesto. “Lo sblocco di una licenza per edificare un residence” sui terreni di proprietà della famiglia.

Raccontano dunque che quando, a 14 anni, Patrizia, nata il 17 febbraio del 1967 a Bari, lascia la casa dei suoi genitori e dei suoi due fratelli (ne perderà uno), in testa ha due passioni. L’uomo che ha deciso di seguire e la magia. Del primo si libera presto. Della seconda, a quanto pare, no. Ai suoi amici, nel tempo, racconta di aver lavorato con David Copperfield (famoso illusionista) e il mago Alexander. I suoi abiti virano regolarmente sul nero. E il suo modo di misurare gli altri e quel che le accade ha sempre un fondo di misterico.

Qualcuno la prende per una sbandata. Anche perché la sua vita, quando di anni ne ha 31, si complica. Ha una figlia da un imprenditore da cui presto si separa. Una bimba che oggi ha 11 anni e vive con lei e la nonna. E che con lei condivide il momento forse più doloroso della sua esistenza. Patrizia è diventata infatti la compagna di un tipo che, al quartiere san Girolamo, conoscono come “Spaghetto”. Fa il movimento terra nei cantieri edili. E fa dell’altro. Patrizia ha la forza di denunciarlo, farlo arrestare e condannare per sfruttamento della prostituzione (l’uomo sarà rimesso in libertà con l’indulto). Ed è qui – raccontano oggi nelle stanze della Questura e negli uffici della Procura – che qualcosa o, forse, molto, cambia.

Patrizia comincia a frequentare la “Bari che conta”. “Escort” senza mistero di esserlo, dicono di lei in modo spiccio. La si vede spesso al “Gorgeous”, il locale notturno il cui proprietario, Roberto Trione, è amico personale di Raffaele Fitto. Fa qualche apparizione su “Telenorba”. Si propone a “Tele Bari”. Racconta agli amici di aver girato degli spot per la “Coca Cola”, tanto che, per un periodo, si fa chiamare “Coca”. Di fatto si sceglie anche un nome d’arte: Patrizia Brummel e con questo appare in un calendario e nei book che mette insieme negli studi di alcune agenzie fotografiche in città.

E’ un glamour di provincia il suo, che sogna altri palcoscenici. Appare come presentatrice in una serata benefica del 2006 sul palco di villa Romanizzi Carducci. E, per un periodo, risulta socia amministratrice della “Stadium Pictures”, società in nome collettivo che ha come ragione sociale “Produzioni cinematografiche e video” e che verrà messa in liquidazione e cancellata dal registro delle imprese il 28 aprile del 2000.

Ma è anche un glamour che si sposa a un’ossessione personale, coltivata – a quel che raccontano magistrati e poliziotti che con lei hanno avuto a che fare prima di questa vicenda – con precisione maniacale: annotare quotidianamente ogni dettaglio della sua giornata, dei suoi incontri, dei suoi colloqui. La prova se ne ha due anni fa, 2007. Viene trovato il cadavere di Marisa Scopece, una giovane prostituta di cui Patrizia è amica. Lei si presenterà al magistrato con quattro pagine di appunti manoscritti in cui sono ricostruiti gli ultimi giorni della ragazza.

Non deve sorprendere, allora, che Patrizia, oggi, conservi le ricevute dei biglietti aerei dei due voli per Roma che, ad ottobre e novembre dello scorso anno, l’avrebbero portata a Roma per il “lavoro” a Palazzo Grazioli. Né che annoti i nomi delle ragazze che con lei avrebbero condiviso quell’esperienza (una sarebbe un’”amica modella”). O quelli dei due hotel dove soggiorna per l’occasione: il “Valadier” e un albergo in via Margutta.

Né dovrebbe sorprendere lì dove racconta di “avere la registrazione dei due incontri” con il presidente del Consiglio (audio o video, non è chiaro). “Perché – riferisce una fonte in Questura – quello era il sistema che usava. Documentava tutto. Sempre. Qualcuno sostiene girasse con una piccola telecamera nella borsa. Anche quando, e accadeva spesso, veniva per denunciare soprusi di cui sarebbe stata vittima”. L’ultima volta, il 15 maggio, per “uno strano furto in casa”. Dopo aver accettato la candidatura alle comunali con la lista “La Puglia prima di tutto”.

°°° Lo squallore di burlesquoni, sedicente uomo più potente d’Europa, non ha limiti. Pagare per avere a disposizione delle escort… lui che ha fatto un puttanaio di zoccole pronte a tutto delle televisioni e del parlamento.

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

gasparri

Gasparri, da giovane, era poliziotto della stradale. Un pomeriggio, ferma un uomo per eccesso di velocità: “Posso vedere la sua patente?”.
L’uomo: “Non ce l’ho, me l’hanno sospesa per eccesso di velocità”.
G: “Mi fa vedere il libretto della macchina?”.
U: “Non è mia l’ho rubata”.
G: “La macchina è rubata?”.
U: “Esatto. Ma aspetti un attimo, mi pare di aver visto il libretto mentre mettevo la pistola nel portaoggetti”.
G: “C’è una pistola nel vano portaoggetti?”.
U: “Certo. E’ li che l’ho messa dopo aver sparato alla donna che era su questa macchina e averla messa nel bagagliaio”.
G: “C’è un CADAVERE nel BAGAGLIAIO?!”.
U: “Si’, signore”.
Dopo aver sentito queste confessioni, abbastanza stordito, Gasparri chiama immediatamente il proprio capitano in centrale. La macchina viene rapidamente circondata dalla polizia e il capitano (C) si avvicina all’auto per risolvere la grave questione: ” Signore, posso vedere la sua patente?”.
U: “Certamente. Eccola qui, come può vedere è valida”.
C: “A chi appartiene la macchina?”.
U: “E’ mia signore. Ecco il libretto. E’ intestato a me vede?”.
C: “Può aprire, lentamente, il vano portaoggetti e farmi vedere se contiene armi?”.
U: “ARMI?!… Mah… Certo signore, guardi, non c’è nulla, vede?”.
In effetti nel vano portaoggetti non c’è nessuna arma.
C: “Può aprire, lentamente, il bagagliaio? Mi è stato riferito che contiene un cadavere”.
U: “CADAVERE?! Ma sta scherzando? Comunque… guardi da sé, senzagasparri21 il minimo problema”.
Il bagagliaio viene aperto e non contiene nessun cadavere.
C: “Non capisco. Il poliziotto che l’ha fermata mi ha riferito che lei gli ha detto che non aveva la patente, che aveva rubato la macchina, che aveva una pistola nel vano portaoggetti e che c’era un cadavere nel bagagliaio”.
U: “Davvero!?! E scommetto che quel bugiardo figlio di puttana le ha anche detto che stavo passando il limite di velocità”.

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Tutte brave persone

Perugia, asta per la casa dell’orrore
La casa in cui venne ritrovato il cadavere di Meredith

La proprietaria dell’immobile
pensa ad un ingresso a pagamento

PERUGIA
La casa degli orrori di via della Pergola non diventerà un piccolo casale abbandonato a pochi passi dal centro storico. Per la villetta a due piani dove venne uccisa Meredith Kercher – la sera del’1 novembre -, secondo il quotidiano La Nazione, si è scatenata un’asta per potere “riprendere” dall’interno la casa. E ce ne è anche un’altra per poterla acquistare dopo un accurato restauro. La richiesta per entrare nella casa è stata fatta sia da televisioni italiane che straniere.

Ovviamente gli obiettivi non potranno immortalare la scena del delitto, dato che è stato tutto ripulito e riconsegnato ieri. Restano le stanze, qualche vestito, i turni per la polizia dei luoghi comuni degli inquilini, la finestra rotta e piccoli frammenti di vita vissuta.

La proprietaria dell’immobile, dissequestrato meno di 24 ore fa, sarebbe interessa a permettere un ingresso a pagamento. I denari – sempre secondo la Nazione – servirebbero sia per il restauro dell’immobile sia per ammortizzare i mancati introiti derivanti dalla pigione non pagata dopo quasi due anni di sequestro.

°°° Italiani, brava gente. Pure dei poveri cadaveri, come del maiale, non si butta via niente. Questa è l’italietta di berlusconi, amici!

casa_perugia01g

meredith01p

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Ari-maroni, bossi, hitler, berlusconi, hider, borghezio

Diversamente umani
di Marco Travaglio

L’altra sera, mentre Sandro Ruotolo da Lampedusa e altri due rari giornalisti veri, Franco Viviano e Karl Hoffman, mostravano le immagini censurate della nave dei disperati respinta dall’Italia con sopra il cadavere di una diciottenne incinta, i mejo direttori del bigoncio sostenevano che l’informazione scoppia di salute. Chi avrebbe dovuto impedire la vergogna di quell’omissione di soccorso dormiva: i diversamente concordi della presunta opposizione dormivano, anzi votavano il pacchetto sicurezza col governo; la Procura di Agrigento apriva un’inchiesta sulla morte della ragazza, anziché su chi ha negato l’assistenza ai disperati. Sulle mailing list dei magistrati circola una notizia che completa il quadro a proposito di certa avvocatura. Udienza in Cassazione sul ricorso contro l’arresto di due balordi padani che, fingendosi carabinieri, han picchiato e rapinato un viado brasiliano urlandogli «straniero di merda». Chiedendo la scarcerazione di uno dei due, l’avvocato cassazionista scrive che l’espressione «straniera di merda», lungi dal provare un intento ostile contro il viado, «conferma la volontà del D.G. di svolgere una funzione surrogatoria della Pubblica autorità di controllo dei flussi migratori», indagando sul possesso delle «necessarie autorizzazioni amministrative in capo allo straniero». Dal che si deduce che anche le forze dell’ordine si comporterebbero così. E che ogni bravo cittadino dovrebbe fare altrettanto. Una volta il tizio sarebbe passato per razzista. Ora, alla peggio, per un rondista padano. Pardon, per un «surrogatore della pubblica autorità».


°°° Mi vergogno come un berlusconi di appartenere a quest’italietta di merda. Siamo sempre più la vergogna del mondo. Ora anche la magistratura è infarcita di servi e culi venduti alla P2 e alla mafia…

vergogna-48

vergogna23

vergogna14

vergogna6

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Hai visto mai?

NAPOLI
Spunta una mano dalla sabbia:
è il cadavere di un ex assessore

08:39 CRONACHESi tratta di Roberto Landi ex responsabile all’infrastrutture del comune di Villaricca. In passato è stato
vicino al consigliere regionale Roberto Conte, più volte arrestato.

°°° Con tutto il rispetto per i morti… ma, amici, certi assessori il vizio di allungare le mani non lo perdono nemmeno dopo il trapasso! Questo aveva lasciato fuori la manina vaga… hai visto mai che qualcuno lascia un borlello nei paraggi.

mano

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter