Acqua, la Consulta “salva” il referendum. Anche l’ultima porcata del mafionano è finita male.

http://www3.lastampa.it/politica/sezioni/articolo/lstp/463137/

Acqua, stop della Corte Costituzionale:
“Non privatizzare il servizio pubblico”

«La sentenza – dicono i portavoce del movimento – esplicita chiaramente il vincolo referendario infranto con l’articolo 4 e dichiara che la legge approvata dal governo Berlusconi violava l’articolo 75 della Costituzione. Viene confermato quello che sostenemmo un anno fa, cioè come quel provvedimento reintroducesse la privatizzazione dei servizi pubblici e calpestasse la volontà dei cittadini»

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Il governo impugna il “Piano casa 2″ approvato dalla Regione

Il governo ha impugnato davanti alla Corte costituzionale il cosiddetto “Piano casa 2″ della Regione Sardegna. La legge regionale secondo l’esecutivo nazionale presenta, infatti, “diversi profili di illegittimità costituzionale”.

°°°Anche questa porcata berlusconiana per fottere l’isola è andata in fumo. Mi dispiace per gli speculatori massoni che si stavano già leccando i baffi e preparando il cemento per massacrare le coste.

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

No al parlamento dei camorristi


No al parlamento
dei camorristi

A poche ore di distanza sono arrivate due conferme che il regime è più forte e più in sella che mai. A questo punto solo elezioni immediate che restituiscano al cittadino la possibilità di spazzare via questo Parlamento, ormai dichiaratamente complice della criminalità organizzata, può “salvare l’Italia”. Il referendum avrebbe consentito ai cittadini almeno di contarsi in un giudizio sulla partitocrazia più che altro simbolico (il Mattarellum infatti non è meglio delle “Porcata”), neppure questo è stato tollerato. Si vuole dunque che i cittadini tacciano, che la vita politica si contragga e immiserisca tutta nella dialettica tra il governo Napolitano-Monti-Passera e i poteri marci del berlusconismo, del marchionnismo e delle cricche e bande degli amici degli amici (il Pd, infatti, è come se non esistesse).

Ciascun cittadino deve prendere posizione, prima che sia troppo tardi. La Res Publica appartiene a ciascuno di noi, non può essere “Cosa Loro”.

No al parlamento dei camorristi! No alla Corte Costituzionale dell’inciucio! Elezioni subito! Firma anche tu!


°°° SOTTOSCRIVO TUTTO, COME BEN SAPETE.

b-dream

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Buonanotte a tutti! Supplenti, graduatorie nel caos. La Consulta boccia la Gelmini°°°Ancora?!

http://www.repubblica.it/scuola/2011/02/09/news/supplenti_graduatorie_nel_caos_la_consulta_boccia_la_gelmini-12265484/?ref=HRER1-1

°°° Minca, ma gliene passasse UNA a questo regime mafioso e incapace di legge porcata! Manco UNA! O le boccia la Consulta o le boccia l’Europa. E mi pare il minimo. Il governo del FARD ha solo rubato e devastato, ma di serio non ha mai FATTO UN CAZZO.

bomba

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Clandestinità, la Consulta frena: “Restare per povertà non è reato”. Bocciato in parte il decreto sicurezza

Clandestinità, la Consulta frena
“Restare per povertà non è reato”
Bocciato in parte il decreto sicurezza

Clandestinità, la Consulta frena “Restare per povertà non è reato” I giudici della Corte Costituzionale: non è punibile lo straniero che in “estremo stato di indigenza” non ha reiteratamente ottemperato all’ordine di allontanamento. Cade un altro pezzo della politica del governo sull’immigrazion.

°°° Un altro pezzo dell’italietta razzista viene  smentito dalla civiltà e dalla democrazia.

LEGGI  DEL  CAVOLO

cavolocchio

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Stupri, Consulta choc: niente carcere per violenza sessuale e prostituzione minorile.

Stupri, Consulta choc:
«Carcere non obbligatorio»

La Corte Costituzionale cancella la norma che imponeva la detenzione in carcere per chi è indagato per violenza sessuale e prostituzione minorile.

°°° Quanto si vede che è infarcita di picciotti della P2 e della P3, eh?

LA  FAMIGGHIA

Famiglia-Berlusconi

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

illegittimo !!!!!!!!!!!

La pronuncia dei giudici della Consulta sulla legge che sospende

i processi per le prime quattro cariche dello Stato

La Corte Costituzionale ha deciso

il lodo Alfano è “illegittimo”

LA SEGRETARIA DI BERLUSCONI  MI DA’  UN PASSAGGIO: ANDIAMO A FESTEGGIARE. (scusate, ma la conservo da settimane)

SILVIO, FACCI UNA PIPPA!!!

scuola guida
ROMA – Il lodo Alfano è illegittimo. Lo hanno stabilito i giudici della Corte costituzionale, riuniti in seduta plenaria per deliberare sulla legittimità – rispetto ai principi della nostra Carta fondamentale – della legge che sospende i processi per le prime quattro cariche dello Stato.

E questa presa oggi dalla Consulta è forse la decisione più attesa, più importante sul piano delle ricadute politiche, degli ultimi anni. Su un provvedimento fortemente voluto da Silvio Berlusconi (unico, tra le quattro cariche istituzionali attuali, ad avere pendenza giudiziarie). I magistrati sono entrati in Camera di consiglio ieri, ma la giornata si è conclusa con una fumata nera. Da qui la seconda riunione, quella odierna: mattinata ancora con un nulla di fatto, e poi, nel pomeriggio, la pronuncia è arrivata.

Una scelta non facile, quella dei giudici. Perché, tra i membri della Corte, secondo quanto è trapelato già da ieri, si è consumato uno scontro tra i favorevoli e i contrari al lodo. Un dibattito che poi ha partorito la decisione finale.

Ancora stamattina, il ministro della Giustizia Angelino Alfano aveva difeso con forza la legge: un provvedimento – queste le sue parole – “in cui noi abbiamo confidato, ritenendo di avere applicato tutti i precetti della precedente sentenza della Consulta”. Ma ora la Corte gli ha dato torto.

Quanto a Berlusconi, ha atteso la pronuncia dei giudici costituzionali nella sua residenza di Palazzo Grazioli. In compagnia, tra gli altri, di Gianni Letta, dello stesso Alfano e di Umberto Bossi, giunto col figlio Renzo.

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter