Unipol, no archiviazione per il mafionano del fango.

Unipol, no archiviazione per Silvio
Dovrà spiegare la sua posizione

berlusconi rabbuiato 304

Il gup di Milano Stefania Donadeo ha respinto la richiesta di archiviazione nei confronti di Silvio Berlusconi presentata dalla procura nell’ambito del procedimento sulla pubblicazione sul quotidiano “Il giornale” della telefonata tra Giovanni Consorte e Piero Fassino. Il gup ha fissato un’udienza il 16 luglio prossimo per discutere la posizione del premier in relazione all’accusa di rivelazione in segreto d’ufficio. Il giudice aveva 3 strade di fronte alla richiesta di archiviazione: archiviare la posizione di Silvio Berlusconi, disporne l’imputazione coatta chiedendo alla procura di fare nuove indagini oppure, e questa è stata l’opzione prescelta, fissare un’udienza per chiarire la posizione del premier.

30 giugno 2011


Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Il fango inutile del killer sallusti contro Vendola.

Vendola: “La mia foto nudo e il metodo-Boffo
colpo di coda degli immoralisti di Arcore”

Il leader di Sel dopo la prima pagina del Giornale con uno scatto di 32 anni fa: “Per cacciare la corte dei ruffiani candidiamo la Bindi”. “L’obiettivo degli attacchi personali è l’equiparazione, dire che siamo tutti luridi, il loro cinismo è senza limiti”

di GOFFREDO DE MARCHIS

Vendola: "La mia foto nudo e il metodo-Boffo colpo di coda degli immoralisti di Arcore" Nichi Vendola

ROMA – La foto in sé lo ha quasi commosso. “Sono passati 32 anni. Quell’immagine è un’icona dell’innocenza adolescenziale”. Il metodo invece, lo scatto in bianco e nero del suo corpo senza vestiti in un campo nudisti sbattuto sulla prima pagina del Giornale di lunedì, lo inquieta. “C’è un elemento fondativo della narrazione berlusconiana nella scelta di mostrarmi nudo – spiega Nichi Vendola -. Una subliminale chiamata in correità per dire che siamo tutti colpevoli e quindi tutti da assolvere. E c’è una violazione della stessa privacy che il premier tanto invoca per l’inchiesta sulle feste di Arcore. Ma questa è la sua idea di libertà. La libertà del proprietario che considera la libertà altrui res nullius. Mentre la libertà dei moderni è quella dalla miseria e dall’ignoranza”. Davanti a questa offensiva Vendola conferma la strada di un’alleanza di tutte le opposizioni. “Dobbiamo cacciare una classe dirigente di amici e sodali di dittatori, mafiosi, ruffiani, una corte dei miracoli segnata dall’antropologia dei lelemora e dei fabrizicorona. Dobbiamo congedarci da un enclave di affaristi che ha calcato la scena pubblica confondendola con il Bagaglino”. E non dribbla la domanda sul nome del leader per la “coalizione democratica”: “Rosy Bindi”.

Presidente Vendola, dobbiamo davvero temere i colpi di coda del berlusconismo? Ha paura di un escalation nei suoi confronti sui giornali della destra?
“Sono

molto gratificato nel subire lo stesso trattamento riservato a Boffo, Mesiano, Marcegaglia e Boccassini. Ciclicamente tocca anche a me. Lo stesso poligono di tiro della famiglia Berlusconi aveva pubblicato una mia foto al Gay Pride priva di qualunque significato con il titolo “Può quest’uomo fare lezioni di morale?”. Certo che posso, in particolare a molti politici del centrodestra che nascondono la propria identità. Io non ho mai consentito di mentire a me stesso. La verità è la bussola della mia esistenza”.

Qual è l’obiettivo di questi attacchi personali?
“L’equiparazione. Berlusconi non è pulito ma siamo tutti luridi, tutto è contaminato. Sono paradossali nei loro salti logici: fanno contemporaneamente delle mutande la loro bandiera e vogliono mettere i braghettoni seicenteschi alle domande più difficili: sulla sessualità, sull’affettività, sulla vita e la morte. Il loro cinismo è senza limiti. E la battuta omofoba o razzista o sessista esce dal recinto privato del maschilismo berlusconiano per solleticare l’Italietta del basso ventre”.

Non c’è molto più di una mutazione semantica?
“C’è un modello culturale che potremmo chiamare: vizi privati e pubbliche virtù. Un mix di moralismo e immoralismo. Il moralismo di chi si finge neoclericale per ragioni elettorali, di chi si intruppa al Family day, di chi si scaglia contro Beppino Englaro rendendo un tema drammatico un’arena per gladiatori, di chi non esita a mandare in galera i ragazzini con lo spinello. E l’immoralismo di chi si circonda di un’epopea in cui l’ebbrezza della cocaina, la compravendita del piacere, il divertimentificio industriale gioca a cavallo del peccato, e questo non ci interessa, ma spesso gioca a cavallo del reato”.

Così scatta il siamo tutti luridi.
“Scatta la macchina del fango che cerca di mettere sullo stesso piano la rivendicazione della propria libertà e dignità con l’intangibilità e il sottrarsi al controllo di legalità. Berlusconi pensa per sé alla sacralità del corpo tipica del sovrano medievale”.

È possibile che la sua foto serva a parare il colpo di eventuali scatti di Berlusconi nudo nella villa di Arcore?
“Quando ho visto la mia foto sul Giornale ho provato molta tenerezza. Ho pensato a quegli anni, a cosa è stato scoprire poco a poco la politica, il mondo e la mia corporeità. Mi dispiace per Sallusti: la foto virtuale di Berlusconi nel suo harem di escort, stelline vogliose di carriera, adolescenti in cerca di scorciatoie non può essere comparata alla foto di un corpo nudo che passeggia sulla spiaggia durante un campeggio naturista”.

Si avverte un certo razzismo nel suo giudizio sulle ragazze di Arcore.
“Non ho retropensieri. Ho pensieri espliciti sull’ambiente che le ha partorite e le ha allevate. Ho un brivido quando leggo le parole dei genitori nelle intercettazioni, ma non dimentico che Ruby e le altre sono un pezzo della generazione definita dai sociologi quella del “lavoro mai”. Il più grande crimine sociale del berlusconismo”.

Tutto questo giustifica un’alleanza da Vendola a Fini?
“Per ridare all’Italia l’ossigeno che il berlusconismo le ha tolto urge rimuovere le macerie della Seconda repubblica. Ma se è genuino questo allarme bisogna evitare le inopinate aperture di credito a quei leghisti che sono un elemento centrale del degrado civile del Paese. Facciamo allora un coalizione di emergenza democratica, reclutiamo le migliore competenze giuridiche e occupiamoci delle cose fondamentali: legge elettorale, una buona norma sul conflitto d’interessi e sul sistema informativo. Poi, ognuno per la sua strada”.

Ha un nome per guidare questo governo?
“Rosy Bindi. Una donna che rappresenta la reazione a uno dei punti più dolenti del regresso culturale, ricopre un ruolo istituzionale-chiave come quello di vicepresidente della Camera, ha il profilo giusto per guidare una rapida transizione verso la normalità”.

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

LA MACCHINA DEL FANGO DEL RIDICOLO CAUDILLO

Chi tocca i fili muore

MASSIMO GIANNINI
Dopo un brevissimo periodo di tregua, le macchine del fango del presidente del Consiglio hanno ricominciato a fulminare chiunque si azzardi a criticare, a obiettare, a dissentire. Il caso più eclatante è quello di Emma Marcegaglia 1. Domenica sera, sulla poltrona di Fabio Fazio a “Che tempo che fa”, il presidente di Confindustria si è limitata a certificare l’ovvio: “Da sei mesi a questa parte l’azione dell’esecutivo non è sufficiente”. Un giudizio fin troppo generoso, persino paludato. L’ultimo provvedimento “qualificante” (ammesso che lo si voglia considerare tale) transitato per il Consiglio dei ministri, è stato la Legge di Stabilità. Data del varo: 28 maggio 2010. Da allora encefalogramma piatto. L’azione di governo non è stata “insufficiente”, come sostiene la Marcegaglia. È stata nulla, se si esclude il frenetico ma inutile lavorio intorno ai decreti attuativi del federalismo, che ancora non hanno ottenuto il via libera dei comuni.

Ma al leader degli industriali verrebbe da chiedere: prima degli ultimi sei mesi cos’altro ha fatto di buono il governo Berlusconi? Siamo ancora fermi al giudizio positivo sulla tremontiana “tenuta dei conti pubblici”? La tenuta c’è stata. Ma accontentarsi è davvero ridicolo per una borghesia produttiva che vuole essere l’avanguardia della modernizzazione: dalla crisi del 2007 il mondo è cambiato, e noi abbiamo
avuto l’unico merito di restare fermi, mentre i

Continue reading

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Salute e grano! Ambiente,Tagliato un miliardo di euro. E l’Italia frana e annega nel fango

Ambiente, la scure del governo
Tagliato un miliardo di euro
Rapporto Wwf: -60% in tre anni

La legge di stabilità sancisce l’agonia del ministero: la penalizzazione più pesante mentre aumenta il degrado del territorio
http://www.repubblica.it/ambiente/2010/11/05/news/ambiente_tagli-8765493/?ref=HRER2-1

°°° Ma come si fa a rubarsi e a sperperare tanti  miliardi in cazzate inutili e pericolose come vecchie centrali nucleari o un ponte fantasma e continuare a tagliare fondi a una sistemazione accettabile del territorio?  Siamo in pieno disastro idrogeologico, amici, soprattutto per colpa delle politiche malavitose di silvio berlusconi e dei suoi condoni che durano da quasi ven’anni,

SAPPIATELO!

aquila

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Quando è nata la macchina del fango del mafionano di Hardcore

La differenza tra inchieste e depistaggi. Il caso Telekom Serbia. La vicenda di Igor Marini fu così esplicita nelle sue connessioni, che Fassino disse apertamente: il suo burattinaio è a Palazzo Chigi. L’allora direttore del Giornale, Belpietro, sostiene che è stata Repubblica a creare il caso. Ma c’è un imbroglio: gli affari Telekom Serbia sono due

di GIUSEPPE D’AVANZO

MOLTO opportunamente Maurizio Belpietro, direttore del giornale della famiglia Berlusconi dal 2001 al 2007, ricorda l’affaire Telekom Serbia dalle colonne del quotidiano che dirige ora. Muove a ragion veduta perché, se la politica si fa scandalo mediatico, character assassination dell’avversario politico con dossier cucinati nella macchina del fango pilotata dal tycoon-premier, torna utile nominare quel “caso” che può essere definito il più assordante dossieraggio criminale della recente storia d’Italia.

Naturalmente, Belpietro evoca quello scandalo non per chiarire, ma per confondere. Non per

Continue reading

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter