No al parlamento dei camorristi


No al parlamento
dei camorristi

A poche ore di distanza sono arrivate due conferme che il regime è più forte e più in sella che mai. A questo punto solo elezioni immediate che restituiscano al cittadino la possibilità di spazzare via questo Parlamento, ormai dichiaratamente complice della criminalità organizzata, può “salvare l’Italia”. Il referendum avrebbe consentito ai cittadini almeno di contarsi in un giudizio sulla partitocrazia più che altro simbolico (il Mattarellum infatti non è meglio delle “Porcata”), neppure questo è stato tollerato. Si vuole dunque che i cittadini tacciano, che la vita politica si contragga e immiserisca tutta nella dialettica tra il governo Napolitano-Monti-Passera e i poteri marci del berlusconismo, del marchionnismo e delle cricche e bande degli amici degli amici (il Pd, infatti, è come se non esistesse).

Ciascun cittadino deve prendere posizione, prima che sia troppo tardi. La Res Publica appartiene a ciascuno di noi, non può essere “Cosa Loro”.

No al parlamento dei camorristi! No alla Corte Costituzionale dell’inciucio! Elezioni subito! Firma anche tu!


°°° SOTTOSCRIVO TUTTO, COME BEN SAPETE.

b-dream

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Io non firmo per questo referendum inutile e vi dico perché

La Cassazione rigetterà questo inutilissimo referendum per un semplice motivo: essendo l’Italia una repubblica parlamentare – nonostante i 18 anni di devastazioni della mafia – il paese non può restare senza una legge elettorale. Dunque, se si abrogasse il porcellum e Napo sciogliesse le camere… con quale cippa di legge si andrebbe a votare? Ecco perché è una puttanata.

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Ammazziamo il porcellum,un referendum per abolire le liste bloccate. IO CI STO. VOI?

Ammazziamo il porcellum, l’idea
di un referendum per abolire le liste bloccate

La proposta è stata lanciata da Valigia e Libertà e Giustizia. L’obiettivo dei promotori è quello di stilare un database dei partiti che si impegnano a cambiare questa legge e a coinvolgere i cittadini nella compilazione delle liste elettorali

“Vi è piaciuto il quorum? Bene, ora ammazziamo il porcellum”. Non è una minaccia al ministro per la Semplificazione Roberto Calderoli, ma un invito alla mobilitazione che arriva dalla società civile. Come a dire, non adagiarsi sugli allori, che di cose da fare ce ne sono ancora tante.

E’ questa la filosofia con cui è nato www.ridatecilanostrademocrazia.it, l’”appello permanente” lanciato da Valigia Blu e da Libertà e Giustizia per cambiare la legge elettorale. “Ridateci la sovranità che ci appartiene, perché vogliamo riprenderci il diritto di scegliere chi ci rappresenta in Parlamento” si legge nelle pagine del sito internet creato in questi giorni.

Una iniziativa che si

Continue reading

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Scricchiolii

Il Senatur torna a dire no al referendum del 21 giugno
“Ci stiamo già lavorando, non ci presenteremo a mani vuote”
Referendum, Bossi insiste
“Legge elettorale con chi ci sta”

Referendum, Bossi insiste “Legge elettorale con chi ci sta”
GEMONIO – “La Lega Nord sta lavorando a una proposta di legge elettorale da far approvare con “chi ci sta”: Umberto Bossi gioca d’anticipo, vede con favore le aperture del Pd ad un lavoro comune sulla legge elettorale e torna a ripetere il no del Carroccio alla consultazione fissata per il 21 giugno.

“Stiamo già pensando a una legge elettorale, perché non ci presenteremo a mani vuote – spiega il Senatur – Il compito è stato dato a Calderoli e Maroni. Come fa la sinistra a far votare sì al referendum? Se vota sì Berlusconi vince sempre le elezioni”. Ed è per questo, secondo Bossi, che l’opposizione dovrebbe pensarci. Ed è per questo che il Carroccio offre una sponda comune.
“Noi ci pensiamo – continua Bossi – per motivi di democrazia e anche per motivi di interesse della Lega. Sono convinto che certe leggi vadano fatte democraticamente in parlamento, non inventandosi un referendum che la gente non capisce. Abbiamo deciso di iniziare a scrivere la legge la faremo girare e la faremo con chi ci sta”.

L’attivismo della Lega imbarazza il Pdl. In particolare gli uomini che vengono da An. “Del referendum ne parleremo dopo l’8 giugno. Con la Lega non ci sono problemi, stiamo facendo una campagna elettorale insieme in tutte le citta’ capoluogo”. E se Italo Bocchino chiede di evitare tensioni sulla consultazione referendaria, Fabrizio Cicchitto torna a ripetete che che in caso di vittoria del sì “la pretesa del centrosinistra secondo la quale, una volta fatto il referendum, poi si dovrebbe ulteriormente cambiare la legge elettorale in Parlamentom sarebbe destituita di fondamento. Questo sì che sarebbe il sogno di una notte di mezza estate”. Replica a stretto giro il democratico Giorgio Merlo: “Il referendum, come sappiamo, non può trasformarsi in una straordinaria occasione per confermare il potere assoluto di Berlusconi. Serve una nuova legge elettorale”.

Per Orlando dell’Idv “il referendum è uno strumento per migliorare la legge elettorale, il grimaldello per cambiare il ‘porcellum’, che è una pessima legge elettorale”. Mentre il presidente del comitato promotore Giovanni Guzzetta si dice fiducioso che “i cittadini andranno a votare in massa”.

calderoli-porco1

bossi

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

I veri fannulloni

In calo la produttività in aula. Migliore la performance
della Camera, dove c’è seduta da lunedì a giovedì
Al Senato si lavora solo 10 giorni al mese
Il record di aprile: 7 ore in una settimana

di CARMELO LOPAPA

ROMA – Tre giorni di lavoro a settimana. Non uno di più, qualche volta meno. Come nell’ultima di aprile, quando gli onorevoli senatori hanno varcato l’ingresso di Palazzo Madama martedì 28 alle 16,30 per chiudere i battenti già l’indomani, mercoledì 29, alle 20,08. Per non dire della seconda settimana di aprile, quella che ha preceduto la Pasqua, al lavoro solo il mercoledì 8, poi trolley e via, tutti a casa in vacanza per tornare 13 giorni dopo, il 21. Ad ogni modo, negli ultimi due mesi il pallottoliere ha segnato una media di 10-11 giorni lavorativi al mese, con minimi storici da 7 ore d’aula, come in quell’ultima settimana di aprile.

Sarà pure l’età media più alta, ma la questione si pone perché, a scorrere il timing delle sedute della Camera alta, si scopre che la campanella non suona mai prima del martedì pomeriggio e il giovedì mattina quasi sempre si chiude. Settimana corta, cortissima. Certo, c’è l’attività delle commissioni, ma la media di lavoro settimanale (come si riscontra nella tabella in alto) è quella che è. E, sebbene nel periodo preso in esame, marzo-aprile, siano stati approvati al Senato importanti ddl, dal testamento biologico al federalismo, i dati stridono con quelli dello stesso periodo alla Camera.

A Montecitorio, da marzo, il presidente Gianfranco Fini ha introdotto la cosiddetta “settimana bianca”, per consentire ai deputati di lavorare sui rispettivi territori. Ha compensato tuttavia allungando le restanti tre settimane: aula già dal lunedì e fino al giovedì sera. Anche lì, c’era la promessa di prolungare fino al venerdì mattina, ma finora è accaduto solo nell’ultima settimana di marzo, con pochissimi deputati presenti per interrogazioni e interpellanze. La media resta tuttavia almeno di quattro giorni a settimana e 16 al mese.

Al Senato il presidente Renato Schifani aveva provato a suonare la sveglia. “Al di là delle richieste di modifica del regolamento, si possono disciplinare meglio i lavori dell’aula in modo da lavorare qualche ora in più durante la settimana”. Era il 2 ottobre scorso e già allora – 4 mesi dopo l’inizio della legislatura – i numeri lasciavano a desiderare, sebbene non si fossero toccati picchi negativi di queste ultime settimane. La presidenza si scontra tuttavia con l’andazzo generale.

“Aumentare l’attività può essere un obiettivo condivisibile, ma smentisco che esista un caso Senato – sostiene Gaetano Quagliariello, vicecapogruppo Pdl – Anzi, in questi mesi la nostra assemblea si è ritrovata in anticipo sul lavoro, rispetto alla Camera. Andiamo più veloci e abbiamo approvato in prima lettura ddl che ancora attendono la seconda a Montecitorio. Disponibili a una razionalizzazione dei lavori, alla riforma dei regolamenti, ma anche quella deve essere bicamerale”.

E invece il problema esiste, eccome, a sentire i Democratici che sollevano il caso. “Si lavora meno del dovuto e si lavora male – sostiene Luigi Zanda, vicecapogruppo Pd – La nostra proposta di riforma del regolamento consentirebbe un salto in avanti, sia nel numero di sedute che nella qualità del lavoro. Chiediamo che si lavori almeno 4 giorni alla settimana, 3 nelle commissioni, 1 in aula, perché il problema è non trasformare l’aula in una semplice macchina approva-decreti. Purtroppo, col “porcellum”, i parlamentari di maggioranza sono esecutori della volontà dell’esecutivo e il Parlamento in questa legislatura è un ufficio “disbrigo” del governo. Unica missione, trasformare in legge i decreti. I poteri ne risultano stravolti: l’esecutivo fa le leggi, le Camere eseguono ordini”.


°°° A parte le varie zanicchi e de michelis che vanno a rubarsi 40mila euro al mese (oltre a benefit e pensioni d’oro) in Europa, ecco gli schiavetti senza spina dorsale del mafionano come vengono beneficiati in cambio del loro servilismo. E io pago!

senato

I SENATORI E I DEPUTATI DESTRONZI.

lingua

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter