Non tutti possono essere uomini, ma da qui a essere bestie ce ne corre!

Sassari, picchia e violenta per ore la ex: arrestato

Protagonista dell’episodio un sassarese di 30 anni che la vittima aveva conosciuto mesi fa su Facebook. Il giovane è finito in carcere, la ragazza in ospedale.

http://lanuovasardegna.gelocal.it/sassari/cronaca/2012/09/15/news/sassari-picchia-e-violenta-per-ore-la-ex-arrestato-1.5700463

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Tradimento, 2 cause che non sapevi

All’origine delle scappatelle non c’è solo noia o voglia di sesso…

Il traditore seriale? Non è né uno sciupafemmine incallito per il puro gusto della seduzione né un maniaco sessuale. All’origine della sua propensione al tradimento c’è qualcosa di molto meno prevedibile: l’insicurezza, la scarsa autostima e, tenetevi forte, problemi sessuali. Non ci credete? Rivolgetevi al ricercatore americano dell’Indiana University: al termine di uno studio, pubblicato sulla rivista scientifica “Archives of Sexual Behavior”, ha dimostrato che la tendenza a tradire il partner dipende soprattutto dalla paura di fare brutta figura sotto le lenzuola e dalla scarsa fiducia nelle sue capacità amatorie.

Ansia da prestazione
Insomma: sono l’ansia da prestazione e l’insicurezza a costituire il primo passo verso l’infedeltà per un uomo. Perché per chi non ha fiducia nei propri mezzi diventa molto più facile relazionarsi con una persona sconosciuta, che non sa nulla dei propri precedenti sessuali, piuttosto che con la partner ufficiale, che ormai sa tutto di noi.
Per quanto riguarda la donna, invece, il discorso è parzialmente diverso: c’è pur sempre una forma di insicurezza e ansia, ma riguarda soprattutto l’eventualità di non riuscire araggiungere l’orgasmo. In questo caso, fallire con uno sconosciuto viene avvertito meno insidioso per la propria autostima, piuttosto che se e quando avviene con il proprio compagno.

Disfunzioni sessuali
Lo studio ha preso in esame un campione di 506 uomini e 416 donne, tutti monogami, metà sposati e metà comunque impegnati, con un’età media di 31 anni. Sono stati tutti interrogati sul loro comportamento sessuale, la qualità della loro relazione e sull’eventuale tradimento del partner attuale: il 23% degli uomini e il 19% delle donne aveva effettivamente una relazione extraconiugale.
Un altro risultato sorprendente dell’indagine, riguardo agli uomini, è stato che chi soffre di eiaculazione precoce ha il 4% di probabilità in più di tradire la propria partner. Tra le donne, quelle che si preoccupano di non raggiungere l’orgasmo o non lo raggiungono proprio, tradiscono l’8% in più.

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Cani, spesso migliori degli uomini.

Gli anziani proprietari non potevano più accudirle, ora attendono una nuova famiglia

Lily è cieca, Maddison la guida ovunque
I due alani che commuovono gli inglesi

La storia di due cagnolone dal cuore tenero. Sempre insieme, da qualche tempo sono rimaste senza un tetto

Lily, la cagnolona cieca, e Maddison, il suo «angelo custode»
Lily, la cagnolona cieca, e Maddison, il suo «angelo custode»

MILANO – Sono un duo fuori dal comune e la loro è una di quelle storie che appassionano non soltanto gli amanti degli animali. Due grossi alani, entrambi esemplari femmina, dei quali uno è cieco e l’altro è la fedele compagna e guida, commuovono il Regno Unito. All’età di 18 mesi Lily perde la vista. I suoi occhi da quel giorno diventano quelli di Maddison. Le due non si separano un attimo. Ora aspettano in un canile inglese l’arrivo di una nuova famiglia.

GIGANTI BUONI - È anche una storia d’amore, la loro. Se Walt Disney ci ha regalato con Lilli e il vagabondo la più bella storia d’amore tra cani del grande schermo, quella di Lily e Maddison è ancora più toccante e reale della finzione. Lily, di sei anni, e la sua inseparabile aiutante Maddison, di sette, cercano un nuovo proprietario, un padrone che sia amorevole e che abbia

Continue reading

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter