Violenze su una bambina, arrestato sindaco leghista del Riminese

Violenze su una bambina,
arrestato sindaco del Riminese

L’indagine parte ad agosto, un mese dopo le perquisizioni in municipio e a casa del primo cittadino di Casteldelci: sequestrati cellulari, computer, supporti di memoria. Secondo gli inquirenti i primi episodi di abusi iniziarono dieci anni fa, quando la piccola aveva 4-5 anni. L’uomo, 61 anni, si trova ora ai domiciliari.

Violenze su una bambina, arrestato sindaco del Riminese

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Capoterra, arrestato piromane: è un volontario dell’antincendio

Come tutti i sedicenti giornalisti, anche questo chiama !piromane” un volgare incendiario. Non è il primo volontario che beccano, gli altri, in massima parte, sono lavoratori stagionali che vogliono prolungare il contratto ALLE SPALLE NOSTRE, DEL TERRITORIO E DEL NOSTRO FUTURO.

Sono dei delinquenti che dovrebbero andare in galera per 30 anni, insieme a questi imbrattacarte che rubano uno stipendio da giornalista.

http://lanuovasardegna.gelocal.it/cagliari/cronaca/2012/08/17/news/capoterra-arrestato-piromane-e-un-volontario-dell-antincendio-1.5554307

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Arrestato sindaco di Portoscuso: corruzione e concussione per gli impianti eolici

Arrestato il sindaco di Portoscuso: corruzione e concussione

Arrestato sindaco di Portoscuso: corruzione e concussione per gli impianti eolici

PORTOSCUSO. Il sindaco di Portoscuso Adriano Puddu,  65 anni, è stato arrestato da agenti del Nucleo Investigativo del Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale della Regione Autonoma della Sardegna per ordine della magistratura cagliaritana. A Puddu, che era indagato per una vicenda legata agli impianti eolici che la Portovesme srl vorrebbe realizzare nei 540 ettari gravati da usi civici, sarebbero stati contestati i reati di corruzione e concussione.

Le indagini del pubblico ministero Daniele Caria della Procura di Cagliari erano cominciate più di un anno fa ed erano culminate, il 31 marzo 2011, con una serie di perquisizioni nel municipio e in casa del sindaco Adriano Puddu, eletto nel 2007 alla guida di una lista civica noto per le sue posizioni proeolico. Nella cassaforte del primo cittadino gli investigatori del Corpo Forestale regionale avevano trovato 10 mila euro in banconote da 500 che secondo Puddu sarebbero dovuti servire per fare una serie di regali.

La magistratura, che nei giorni scorsi ha chiesto al giudice delle indagini preliminari la proroga di sei mesi per completare le indagini, indagava in particolare sui passaggi di proprietà di terreni in origine comunali, venduti nel 1962 per creare una Cinecittà sarda e poi passati ad altri proprietari, fino all’ultima transazione alla Sarda Invest, e ai successivi passaggi per la creazione di un parco eolico. Subito dopo l’arresto del sindaco, a Portoscuso sono scattate una serie di perquisizioni in varie abitazioni sulle quali gli inquirenti mantengono uno stretto riserbo.

°°° Ogni tanto lo beccano qualcuno di questi sindachetti inutili e dannosi.

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Giglio, affonda nave. Arrestato il comandante. Perché lui sì e Burlesquoni no? Ha ucciso migliaia di persone!

La rabbia dei naufraghi: «Incompetenti…»

Naufraghi, coperte

«È stata un’esperienza tremenda. Sono ancora scosso, ma anche furioso perchè non si può gestire una situazione di emergenza come hanno fatto il comandante e l’equipaggio della nave. Sono stati degli incompetenti». A lanciare queste accuse  non è un passeggero qualunque: Giuseppe Lanzafame, 42 anni, messinese, che insieme alla moglie e alle due figlie di 7 e 14 anni era in crociera sulla Costa Concordia, è infatti stato imbarcato per diversi anni su alcune petroliere come marittimo per un compagnia genovese. Oggi Lanzafame non fa più che questo lavoro e dirige un grande supermercato a Messina, ma la sua esperienza di uomo di mare lo porta a mettere sul banco degli imputati chi ha gestito le operazioni di evacuazione della nave subito dopo l’incidente.

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

“Lavitola deve essere arrestato Inquina le prove”°°°iO LO ARRESTEREI SOLO PER COME STORPIA L’ITALIANO!

“Lavitola deve
essere arrestato
Inquina le prove”

Nell’ordinanza del gip di Bari, il faccendiere viene descritto come un personaggio ‘processualmente arrogante’: sotto accusa il suo utilizzo dei mezzi mediatici, attraverso i quali trasmette comunicazioni con altri indagati

°°° E QUESTO SAREBBE IL DIRETTORE DEL QUOTIDIANO DI NENNI E PERTINI?! PARLA E SCRIVE COME SCILIPOTI LAQUALUNQUE!

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Arrestato preside: ruba alla scuola per viaggi di studio? No, HARD!

Ruba 300mila euro alla scuola
per viaggi hard: arrestato preside

IMG
Hanno falsificato il bilancio della scuola per dieci anni, rubando dalle casse dell’istituto circa 300.000 euro e utilizzandoli per fini personali, per soddisfare esigenze della famiglia o per effettuare viaggi di piacere all’estero. In più occasioni, tra l’altro, i soldi erano serviti per andare in Romania, dove avrebbero avuto anche degli incontri a sfondo sessuale con delle prostitute, anche se questi non erano la finalità principale di quei viaggi. A Piazza Armerina, vicino Enna, sono finiti in manette il dirigente scolastico e l’ex direttore amministrativo del
Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Stoccolma, schiaffeggia il figlio per strada arrestato consigliere comunale pugliese

Protagonista della vicenda un politico di Canosa in vacanza in Svezia accusato di maltrattamenti. Ha passato tre giorni in carcere, martedì prossimo la sentenza del giudice. Il legale: “Siamo fiduciosi, si è trattato solo di un forte rimprovero di un padre a un figlio”

Schiaffeggia il figlio per strada consigliere arrestato a Stoccolma

Uno schiaffo al figlio 12enne per un capriccio davanti a un ristorante di Stoccolma e il consigliere comunale di Canosa finisce in carcere per tre giorni in Svezia. Ora, in attesa della sentenza del giudice che si pronuncerà martedì prossimo, ha obbligo di firma nel paese dove era in vacanza con la famiglia e un gruppo di amici. Brutta avventura per il politico pugliese Giovanni Colasante, 46 anni, dirigente di una società eletto con una lista civica poi confluito nel centrodestra della ‘Puglia prima di tutto’ di Fitto.

La vicenda è stata riportata dalla stampa locale. Non è chiaro se

Continue reading

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter