Scorte di stato a marmaglia come Fede e belpietro? Fanno cazzate e temono, che se la paghino loro!

Scorte di Stato: una spesa da 250 milioni di euro. Ecco quelle “eterne”

La vicenda delle guardie del corpo di Fini in vacanza ha consentito di riaprire la questione del costo della protezione offerta dallo Stato a circa 600 personalità italiane sotto tutela. Un reparto che impegna circa 4 mila uomini e 2mila macchine.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/08/17/scorte-di-stato-spesa-da-250-milioni-di-euro-polemica-su-quelle-eterne/327919/

macchina scorta interna nuova

°°°Il mafionano ha sempre protetto se stesso e molti della sua cosca a spese nostre. Ma perché, oltre a sopportare le minchiate dannosissime di questa marmaglia, gli devo pure pagare le scorte?

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Sentire i deliri di sallusti e belpietro è come sentire fede che si spaccia per giornalista.

L’ultima chicca: “Il governo Burlesquoni ha dovuto porre rimedio a tutte le porcate fatte dai governi di sinistra.”

Ora, posto che l’Italia non ha MAI avuto un governo di sinistra (mentre lo hanno avuto Emilia-Romagna, Toscana, Umbria e Trentino… che non a caso sono le regioni più ricche e vivibili d’Europa), ma questi cialtroni specializzati si ricordano come ha lasciato l’Italia in fallimento il loro proprietario per ben due volte? E questa terza sarà ancora peggiore, dato che siamo allo sfascio totale con le cifre taroccate loro… figuratevi quando ci daranno i numeri REALI! Ma forse dentro di loro sanno benissimo che senza i miracoli di Romano Prodi ora questi escrementi di verme sarebbero stati i primi a dover emigrare per lavare cessi in Albania.

Insomma, non saprei davvero come eliminare delle merde putride come questi elementi della feccia berlusconiana, penso che anche la fogna peggiore di Nuoca Delhi si rifiuterebbe di ospitarli.

sallusti_1

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Calderoli:l’anello mancante

“Ecco l’anello mancante tra scimmia e uomo”

Il mondo scientifico è in fermento
Uno scienziato sudafricano ha trovato in una cava lo scheletro di un ominide: la specie potrebbe essere la congiunzione tra austrolopiteco e homo abilis

°°° Somiglia in maniera impressionante a Calderoli. Ma anche a Gasparri, a Bondi, a La Russa, a Cicchitto, a Belpietro, a Minzolini…

lega.lo

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Belpietro

Ieri, ad Annozero,  ha infierito contro la signora, anzi Signora, Patrizia D’Addario, mostrando tutto il livore del doberman del padrone contro l’invasore della proprietà.

Ma la cosa davvero buffa è questa: mentre i coglionazzi come blpietro,  se vogliono trombarsi una bella gnocca come Patty,  LA DEVONO PAGARE PRIMA! (o scappare senza pagare, come ha fatto berlusconi), la D’Addario a scoparsi uno come belpietro non ci pensa nemmeno sotto Lexotan.

duro

B-via dal mondo


Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Banditi ridicoli

A poche ore dalla puntata di Annozero con la D’Addario il direttore di Libero Belpietro

che è tra gli ospiti della trasmissione incontra il premier e ne riferisce gli umori

“Berlusconi indignato per Annozero”

E sulla Rai è scontro Cicchitto-Pd
Il capigruppo Pdl in una lettera chiede l’intervento del cda contro le trasmissioni “di sinistra”
Dura replica dei democratici: “E’ cominciata la liquidazione del servizio pubblico”

VELINA  STUDIA DA MINISTRA (cliccateci sopra)

blow

COCORITO  ROMANI  COL MEGAFONO  DEL  PADRONE

b-romani-megafono-

LA  MINISTRINA MELONI  MENTRE SPARA CAZZATE DELIRANTI SENZA RIDERE

santanchè

ROMA – E’ ancora scontro intorno a Santoro e alla sua tramissione, che stasera ospita in diretta Patrizia D’Addario. E a riferire l’umore nero del premier, poche ore prima della messa in onda, è il direttore di Libero Maurizio Belpietro, convocato nel pomeriggio – insieme a

Continue reading

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Vola, Colombia…

Ma sarà difficile eseguire il provvedimento se gli scatti si trovano davvero in Colombia
Il gip di Tempio Pausania dispone
il sequestro delle foto di Zappadu

Nel fascicolo si ipotizzano i reati di violazione della privacy e tentata truffa
(Corriere)
pai-180x140

CAGLIARI – Dovranno essere sequestrate le fotografie, del fotoreporter Antonello Zappadu. L’ha disposto il giudice delle indagini preliminari di Tempio Pausania, Vincenzo Cristiano, accogliendo l’istanza del pm Elisa Calligaris, secondo la quale le immagini sono il risultato di una condotta illecita con intrusione nella vita privata di Silvio Berlusconi e dei suoi ospiti, attraverso un potente teleobiettivo che di fatto avrebbe violato privacy all’interno di Villa Certosa.

LE FOTO IN COLOMBIA – La notizia – anticipata dal quotidiano L’Unione Sarda – è stata confermata dall’avvocato Franco Luigi Satta, che affianca nella causa Nicolò Ghedini. «È stata accolta la nostra richiesta di sequestro delle oltre cinque mila foto di cui in più occasioni ha parlato Zappadu e di quelle eventualmente in suo possesso riconducibili alla medesimo comportamento – ha spiegato il penalista sardo che ha appreso mercoledì mattina in Tribunale della decisione assunta nella tarda serata di martedì dal Gip -. Se le foto si dovessero trovare realmente in Colombia sarà però difficile eseguire il provvedimento». Il fotoreporter – che ha detto al telefono di non essere stato ancora informato della decisione del Gip – aveva, infatti, reso noto nei giorni scorsi che tutti gli scatti erano stati ceduti a un’agenzia con sede in Colombia. Il 18 giugno gli atti dalla Procura di Roma sono stati trasferiti a quella tempiese e nel fascicolo si ipotizzano i reati di violazione della privacy e tentata truffa. A questi i legali del premier hanno aggiunto il provvedimento del garante per il trattamento dei dati personali.

°°° Ormai abbiamo i Pm e i Gip formato vespa-fede-minzolini-belpietro-giordano-rossella e via vomitando… MA COSA CI SAREBBE DA SEQUESTRARE? Zappadu non ha fatto altro che il suo mestiere: scattare foto da vendere ai giornali. Da quando esiste la privacy di un politico che ricopre cariche così importanti?! Nel mondo, ai loro rappresentanti politici, i giornalisti e i cittadini CONTANO ANCHE I PELI DEL CULO. Giustamente! Ma poi… invoca la privacy proprio silvio burlesquoni: un soggetto che mette in piazza persino gli amanti della moglie e che pippa cocaina davanti a decine di ospiti delle sue ville rubate?! Ma per piacere!!!

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter