Le donne in piazza: diritti, equità, welfare. Oggi alle 14 a Roma e in decine di altre città.

Le donne in piazza: diritti, equità, welfare
Oggi alle 14 a Roma e in decine di altre città. Se non ora quando: (VIDEO). Tante, determinate, compatte: le donne si riprendono le piazze d’Italia per dire al governo la loro sulle pensioni, sul welfare, sul lavoro precario. Cristina Comencini: «Mai più senza di noi, mai più contro di noi».
°°°Sono presente ovunque si lotta per i diritti civili.concia

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

AUGURI! Secondo il testimone, infine, il vero gestore del mercato dei diritti Mediaset, è e resta “Silvio Berlusconi”

Mediatrade, da un nuovo teste
accuse nei confronti del Cavaliere

Il produttore Sardi ai pm: “Diritti tv, prezzi gonfiati senza giustificazioni”. E Berlusconi anche dopo essere approdato a Palazzo Chigi “mantiene il controllo e rapporti diretti coi venditori americani”

di EMILIO RANDACIO

Mediatrade, da un nuovo teste accuse nei confronti del Cavaliere Silvio Berlusconi

MILANO – Format televisivi americani acquistati a prezzi quasi cinque volte superiori al loro valore. Una gestione economica da parte dei vertici Mediaset “senza giustificazioni plausibili”, e in cui Silvio Berlusconi, anche dopo essere approdato a Palazzo Chigi, continua a mantenere il controllo e i “rapporti diretti con i venditori americani”.

Lo spaccato che il produttore cinematografico Silvio Sardi tratteggia del mondo della televisione italiana, sembra essere in contrasto con le più banali regole del mercato. Il 24 marzo scorso il nuovo teste è stato convocato dalla procura di Roma per fornire la sua versione nell’inchiesta sulla presunta “frode fiscale” sui diritti tv Mediaset, in cui dall’ottobre scorso Silvio Berlusconi, il figlio Pier Silvio e una manciata di manager del gruppo, sono indagati dal pm Barbara Sargenti. Tre giorni fa, il produttore è stato ascoltato per quattro ore anche dai pm milanesi Fabio De Pasquale e Sergio Spadaro, che hanno ora incluso il suo verbale nel fascicolo Mediatrade, la cui udienza preliminare è in corso davanti al gup Maria Vicidomini. Un ulteriore tassello, per la procura, per rafforzare la tesi secondo cui proprio attraverso l’acquisto dei diritti tv, i vertici Mediaset avrebbero costituito fondi neri all’estero. Tra gli imputati in questo procedimento c’è ancora il premier, accusato di appropriazione indebita e frode fiscale.

Nel racconto di Sardi, “Mediaset corrispondeva prezzi fuori mercato per i film tv destinati all’Italia”.

Un esempio? Nel ’97 “mi accorsi che film che avevo ceduto a 50 mila dollari, venivano acquistati da Rai e Mediaset a 400 milioni di lire”. Anche “dal punto di vista imprenditoriale tale comportamento non ha alcuna giustificazione”. Pur potendo discutere dei diritti tv direttamente con le major, le aziende operano con broker stranieri. Il testimone ricorda poi come tra il 2000 e il 2001, ha incontrato anche i vertici di Mediaset, per cercare di sostituirsi ai broker. Secondo il suo racconto, “il 3 novembre 2000″, è ricevuto da Pier Silvio Berlusconi negli uffici Mediaset, “e gli chiesi i motivi per cui Mediaset acquistasse i prodotti da intermediari e fuori mercato”. Ma nonostante un apparente interesse, il figlio del premier “non si fece più sentire, facendosi anche negare dalla sua assistente”.
Agli inizi del 2001, il produttore insiste nel suo progetto e passa direttamente negli uffici di Fedele Confalonieri.

E dopo avergli proposto la soluzione per ridurre i costi, anche “in questa circostanza non ricevetti alcuna risposta”. Secondo il testimone, infine, il vero gestore del mercato dei diritti Mediaset, è e resta “Silvio Berlusconi”. “Peraltro la sua presenza nelle attività delle sue televisioni – rammenta Sardi – è sempre stata molto forte, sia per quanto riguarda il controllo dei programmi sia per gli aspetti commerciali. Si tratta di fatti sostanzialmente notori nell’ambiente, ma in ogni caso posso far riferimento a conversazioni intrattenute con i direttori di rete Mediaset”.

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Spiagge: i diritti del bagnante

Spiagge: i diritti del bagnante

Accesso e “vista mare”. I Verdi lanciano il manuale di difesa dei diritti del turista. Un esposto contro “chi non consente di avvicinarsi alla battigia”

°°°Prodi fece una buona legge anche per questo  nel 2006, ma i berlusconidi hanno murato di nuovo quasi tutte le spiagge. CHE SONO DI TUTTI! Fatevi sentire se vi capita qualche prepotente: immediatamente un esposto ai carabinieri.

TANGA  STRIMINZITI PER LA CRISI E IL CALDO

basca

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Via i crocefissi dalle aule scolastiche!

L’Ue: “Via i crocefissi dalle aule”

Stop di Strasburgo: «Il simbolo viola i diritti dei genitori
a educare i figli in piena libertà»

°°° Ora voglio vedere le reazioni di Beata Ignoranza Gelmini e del suo boss! Questi affaristi chiesastici non si acconenteranno dei doni di Màfiolo: miliardi di Ici, miliardi alle loro scuole del cazzo, miliardi dell’8×1000… vorranno tutto il cucuzzaro! Prosit!

jesus

bondi

corcovado

papa2

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Via alla mafia a manetta!

La cosca  mafiosa e piduista prosegue il suo cammino indisturbata: d’altronde hanno comprato i voti per questo. Azzerata la libertà di stampa, azzerati i diritti e i servizi, azzerata la magistratura… ora rimane solamente la guerra civile.

Soltanto Di Pietro, nell’opposizione, fa sentire la propria voce:

Roma, 17:50

DI PIETRO, PROSEGUE LAVORO SPORCO PER LA CASTA


“Un’ennesima legge incostituzionale ed immorale che dimostra, ancora una volta, il progetto piduista del governo Berlusconi: mettere il Pubblico ministero sotto il controllo del potere esecutivo”, afferma Antonio Di Pietro, “associandosi alla bocciatura della sesta Commissione del Csm alla riforma del processo penale”. “Questa volta lo strumento utilizzato e’ molto sofisticato, ma proprio per questo piu’ criminale: i Pubblici ministeri, d’ora in poi, non potranno piu’ acquisire la notizia di reato e aprire accertamenti giudiziari di propria iniziativa, ma potranno farlo – prosegue il leader Idv – solo dopo che verranno avvertiti dagli organi di polizia e nei limiti della segnalazione che riceveranno. Ma anche le pietre sanno che gli organi di polizia dipendono funzionalmente e gerarchicamente dal governo e dai rispettivi ministri, Interno, Difesa, Economia, e, quindi, per definizione possono fare e segnalare solo cio’ che i loro superiori gerarchici permettono loro di riferire. Per intenderci: l’inchiesta ‘Mani Pulite’ – conclude – non si sarebbe mai svolta perche’ a nessun organo di polizia sarebbe stato permesso di segnalare ai Pm fatti concernenti reati che riguardavano proprio molti ministri in carica all’epoca. La verita’ e’ una e una sola: il ministro della Giustizia, dopo il Lodo Alfano, sta continuando il ‘lavoro sporco’ per cui e’ stato messo a quel posto, ossia permettere alla casta di assicurarsi l’impunita’”.

b-bloccaprocessi

berlusconi-DITTATORELLO

antonio-di-pietro_infervorato_tn


Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter