Regioni, per il Partito dei Ladri arriva la piena (Peter Gomez)

Non è che l’inizio. Le dimissioni di Renata Polverini segnano solo un primo giro di boa nello scandalo dei fondi milionari incassati, spesi senza controllo, e spesso rapinati dal Pdl e da altri movimenti politici. Non servono particolari capacità divinatorie per capire che il sistema Lazio, ben  incarnato dalla pantagruelica figura Franco Fiorito, è patrimonio comune di molti consigli regionali. Ovunque l’opacità regna sovrana. Ovunque, appena si tenta di fare qualche domanda, si scopre l’imbarazzo.

Regioni, per il Partito dei Ladri arriva la piena

In Lombardia Pd, Pdl e Lega, non vogliono mostrare ai giornalisti gli scontrini. “Sono cose nostre, c’è la privacy”, dicono all’unisono, sorvolando sul fatto che pranzi e riunioni saranno pure loro, ma i soldi, almeno quelli, sono dei contribuenti. In Emilia Romagna, quando è stata avviata un’indagine interna, è saltato fuori che quattro partiti non avevano depositato le fatture. I documenti sono comparsi dopo un mese e, da un primo esame, la Guardia di Finanza si è resa conto che un ex consigliere dell’Idv (subito cacciato) risultava aver cenato in quattro diversi ristoranti la stessa  sera. Un record. In Campania si trattiene il fiato per un blitz delle Fiamme Gialle: in ballo ci sono un paio di milioni di euro di uscite sospette. In Veneto,  i 60 consiglieri percepiscono ogni  trenta giorni 2100 euro in nero a titolo di rimborso, senza presentare alcun giustificativo.
Insomma, i mattoni della politica italiana cadono uno dopo l’altro. E tra le macerie non finiscono sepolti solo questi partiti (cosa che non è un gran guaio). Ad andarci di mezzo sono le istituzioni – o quello che ne resta – e i cittadini. Servono atti immediati. Almeno tre.
Il primo: Polverini e gli altri consiglieri devono rendere tutto quello che, a vario titolo, hanno incassato. Non perché sia più tempo di gesti simbolici, ma perché con quei soldi si potrà molto più concretamente restituire ai disabili i servizi sociali tagliati dalle Asl del Lazio ed evitare di far pagare loro il ticket.
Il secondo: a Roma, nelle segreterie dei partiti, è saggio che quei politici capaci di conservare ancora la testa sulle sulle spalle comincino finalmente a fare dei calcoli. Attendere che il disastro arrivi dalla periferia al centro – ancora oggi i gruppi del Senato non vogliono controlli su 22 milioni di euro – non conviene. Più furbo e utile, anche per loro, è anticipare la piena. Senza parole, leggi o riforme, a cui a questo punto non crede più nessuno. Ma solo con i comportamenti. Con cose semplici del tipo: rendere pubblica in Rete tutta la contabilità, vietare ai propri eletti di accedere ai rimborsi regionali e magari obbligarli a dirottare parte dei loro super stipendi ai disoccupati.
Il terzo: ci vuole un intervento del governo. Sappiamo infatti bene che, tra i nostri sedicenti rappresentanti, saranno in pochi quelli disposti, solo su base volontaria, ad autoridursi le prebende o a scegliere la via dell’assoluta trasparenza. Tutti, o quasi, diranno: “Queste proposte non sono politica, ma populismo”. E allora bisogna intervenire per decreto. C’è la necessità e ce n’è l’urgenza. La riforma del titolo quinto della costituzione, quello sull’autonomia delle Regioni, lo impedisce solo in parte. Come ha spiegato su questo giornale web il presidente emerito della Consulta, Valerio Onida, l’esecutivo può fissare “un tetto di spesa per i consiglieri regionali”.
Monti, se non vuole passare alla storia come il liquidatore fallimentare della Repubblica Italiana (cosa che cominciamo sempre più a sospettare) il decreto lo faccia adesso. E che il limite stabilito sia bassissimo. Altrimenti, domani, nella disgregazione dello Stato, non lo potrà fare più nessuno.
Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Formigoni ricorre contro la satira Idv. Perde e deve pagare°°° Ma quando impareranno a subire la satira?


“Formigaio”, il manifesto Idv non era diffamatorio: “E Formigoni paghi le spese”

Il presidente di Regione Lombardia aveva fatto ricorso contro l’Italia dei valori per un cartellone che lo raffigurava come una formica accanto a Nicole Minetti, Nicoli Cristiani e don Verzè. Il tribunale di Milano: “Satira continente”. E lo condanna a pagare 3mila euro

L’immagine del manifesto “Formigaio”, firmato dall’Idv

Il manifesto ironico dell’Idv su Roberto Formigoninon era diffamatorio. E il presidente, che vede il suo ricorso respinto, deve pagare le spese processuali. Il Tribunale di Milano ha condannato il presidente della Regione Lombardia a pagare 3mila euro di spese processuali per aver
Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Il putridume di Berlusconi

LA DENUNCIA DELL’IDV: la magistratura indaghi
Intercettazioni di Berlusconi,

Guzzanti: «Pronto a testimoniare»

L’ex esponente del Pdl: «Fatte distruggere a Roma: il premier parla della sua attività sessuale»

ROMA – L’ex esponente del Pdl Paolo Guzzanti – ora deputato iscritto al

Continue reading

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Via alla mafia a manetta!

La cosca  mafiosa e piduista prosegue il suo cammino indisturbata: d’altronde hanno comprato i voti per questo. Azzerata la libertà di stampa, azzerati i diritti e i servizi, azzerata la magistratura… ora rimane solamente la guerra civile.

Soltanto Di Pietro, nell’opposizione, fa sentire la propria voce:

Roma, 17:50

DI PIETRO, PROSEGUE LAVORO SPORCO PER LA CASTA


“Un’ennesima legge incostituzionale ed immorale che dimostra, ancora una volta, il progetto piduista del governo Berlusconi: mettere il Pubblico ministero sotto il controllo del potere esecutivo”, afferma Antonio Di Pietro, “associandosi alla bocciatura della sesta Commissione del Csm alla riforma del processo penale”. “Questa volta lo strumento utilizzato e’ molto sofisticato, ma proprio per questo piu’ criminale: i Pubblici ministeri, d’ora in poi, non potranno piu’ acquisire la notizia di reato e aprire accertamenti giudiziari di propria iniziativa, ma potranno farlo – prosegue il leader Idv – solo dopo che verranno avvertiti dagli organi di polizia e nei limiti della segnalazione che riceveranno. Ma anche le pietre sanno che gli organi di polizia dipendono funzionalmente e gerarchicamente dal governo e dai rispettivi ministri, Interno, Difesa, Economia, e, quindi, per definizione possono fare e segnalare solo cio’ che i loro superiori gerarchici permettono loro di riferire. Per intenderci: l’inchiesta ‘Mani Pulite’ – conclude – non si sarebbe mai svolta perche’ a nessun organo di polizia sarebbe stato permesso di segnalare ai Pm fatti concernenti reati che riguardavano proprio molti ministri in carica all’epoca. La verita’ e’ una e una sola: il ministro della Giustizia, dopo il Lodo Alfano, sta continuando il ‘lavoro sporco’ per cui e’ stato messo a quel posto, ossia permettere alla casta di assicurarsi l’impunita’”.

b-bloccaprocessi

berlusconi-DITTATORELLO

antonio-di-pietro_infervorato_tn


Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Torniamo nella merda

Scontro sullo scudo fiscale

“Un condono incivile”

Dopo le anticipazioni della bozza per il rientro dei capitali Pd e Idv all’attacco. “Inconcepibile in nessun Paese europeo”. “Riciclaggio di Stato”.

°°° Ecco pronto l’ennesimo regalo alla mafia, e quindi a se stesso, del vostro amato ducetto malavitoso. Questo scarto di verme continua imperterrito a commettere reati su reati, infischiandosene allegramente della distruzione in cui ci sta precipitando sempre di più e fottendosene anche dello schifo che suscita in tutto il mondo civile…

mafia1

berlusconi-clown

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter