Scuola, si comincia a fare sul serio, dopo lo sfascio di Mafiolo e la zoccola?

Tablet, concorsi, Sud e meno tagli
la scuola del 2012 targata Profumo

Il ministro dell’istruzione ha annunciato numerosi provvedimenti, dall’utilizzo delle tecnologie nelle classi fino all’inserimento di nuovi docenti universitari. E poi settimana corta e iscrizioni online. Ecco le misure che si preparano nei prossimi mesidi SALVO INTRAVAIA

Tablet, concorsi, Sud e meno tagli la scuola del 2012 targata Profumo

ROMA - Concorsi, rilancio delle nuove tecnologie per la didattica, settimana corta, innalzamento dell’obbligo di istruzione, trasparenza e iscrizioni online, piano per il Sud e, soprattutto, stop ai tagli alla scuola. Prende forma il programma del ministro Francesco Profumo per la scuola, annunciato a spizzichi e bocconi in una serie di interviste. Anche per l’Università novità in vista: il ritorno alle vecchie regole per il reclutamento dei professori associati, bypassando la riforma Gelmini.

Nuovo concorso e giovani insegnanti. Comeanticipato da Repubblica 1, il ministro ha in mente un nuovo concorso per gli insegnanti. L’ultimo fu bandito nel 1999. Il nuovo concorso dovrebbe dare la possibilità ai 247 mila precari della scuola, inseriti o no nelle

Continue reading

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Ghedda come Mafiolo, deve morire questa merdaccia!

Ricatti, violenze e abusi sessuali
L’inferno nascosto delle amazzoni

Una psicologa infantile ha raccolto le denunce di cinque soldatesse della guardia del corpo di Gheddafi. “Violentate dal raìs e dai suoi figli” dal nostro inviato PIETRO DEL RE

Ricatti, violenze e abusi sessuali L'inferno nascosto delle amazzoni

BENGASI – Erano quattrocento le soldatesse private di Gheddafi, tutte giovanissime, avvenenti, forzute o quanto meno alte e formose. Erano le sue “amazzoni”, la sua più stretta e decorativa guardia de corpo. Da oggi, però, da quando cinque di loro hanno denunciato il Colonnello per stupro, tutto lascia pensare che più che al suo esercito personale queste ragazze facessero parte di un vasto harem degno di un emiro di altri tempi.

La denuncia è stata raccolta da una nota psicologa infantile che lavora a Bengasi, la dottoressa Seham Sergewa, alla quale le ex body guard del Raìs hanno raccontato di essere state abusate non soltanto da lui e anche dai suoi figli. La notizia è apparsa soltanto ieri, sull’edizione

Continue reading

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Come Mafiolo e i suoi zerbini hanno fagocitato e distrutto la Rai dal 1994 ad oggi.

LA STRUTTURA DELTA IN RAI

Le telefonate intercettate nel 2005, nell’ambito dell’inchiesta Hdc. Da Deborah Bergamini a Pionati a Del Noce, tanti si attivano per addolcire a Berlusconi il boccono amaro delle Regionali, ma anche per discutere con la supposta “concorrenza” i palinsesti più favorevoli al “Biscione”. Fino alla costituzione di una “task force” per controllare e disinformare. Un gruppo che funziona ancora…

la RepubblicaServizi di ALDO FONTANAROSA, WALTER GALBIATI, MASSIMO GIANNINI, EMILIO RANDACIO
A cura di  ADELE SARNO
Montaggio di MICHELE DAVIA, MATTEO DEL LUCCHESE, LEONARDO SORREGOTTI
PERCHÈ QUESTA INCHIESTA
I verbali di WALTER GALBIATI e EMILIO RANDACIO

“Organizziamoci come Forza Italia
servono programmi che portano voti”

"Organizziamoci come Forza Italia  servono programmi che portano voti"

Deborah Bergamini

I colloqui della Bergamini con Mimun, Pionati e Gorla per fare una squadra di fedelissimi

MILANO - “Dobbiamo organizzare la Rai come se fosse Forza Italia”

http://inchieste.repubblica.it/it/repubblica/rep-it/2011/07/04/news/struttura_delta_rai-18615206/?ref=HREC1-1

°°° Come vedete, amici, non mi ero inventato nulla. E’ tutto esattamente come ho raccontato in questi 17 anni. E molti di voi mi chiedono di “tornare in tv”. E COME?!

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Rubbia, voluto da Prodi, cacciato da mafiolo, inventa l’energia solare anche di notte.

Il sole è la vera alternativa al nucleare
Energia pure la notte con Enea.
Video

Un impianto che funziona anche col cielo nuvoloso e persino con il buio: all’indomani del referendum che ha bocciato il nucleare in Italia, ecco la risposta green ai bisogni di energia della società contemporanea

Non un’utopia (come sostengono molti detrattori delle celle fotovoltaiche) ma un progetto reale, ideato dal premio Nobel per la fisica Carlo Rubbia e già in fase di sperimentazione nel centro Enea (Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie) della Casaccia, a pochi chilometri da Roma.

°°° Vorrei ricordare ai distratti che Rubbia fu cacciato per due volte dal mafionano, richiamato e finanziato per due volte da Prodi. E cacciato ancora da Mafiolo…

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Paniz, una nuova marionetta del teatrino di Mafiolo

Paniz, inutilmente risorgimentale

di Maria Novella Oppo

Improvvisamente, l’onorevole Maurizio Paniz del Pdl è dappertutto. Giovedì sera, Enrico Mentana ce lo ha fatto rivedere mentre interveniva a Tg3 Linea Notte, dove, nell’intento di sminuire la gravità delle accuse rivolte da Berlusconi ai magistrati, ha detto che, alla fine, di brigatisti non ci sono stati solo quelli rossi, ma anche quelli siciliani. Insomma, i briganti. Una vera stronzata, ma non così grave come quella che ha fatto votare alla Camera dalla maggioranza. E cioè la mozione in cui si dichiarava praticamente che Ruby è davvero la nipote di Mubarak. Dopo questa prova, superata con vivo sprezzo del ridicolo, l’onorevole Paniz è diventato politicamente indispensabile; tanto da partecipare a tutti i talk show. Dove peraltro si dimostra garbato e incapace di urlare come fanno tutti i pidiellini. Infatti Paniz (quinto uomo più ricco del Parlamento), ad Annozero, ha addirittura sopportato che parlassero anche gli altri, limitandosi a dire pacatamente la sua. Come si addice a una persona rassegnata al fatto di aver ormai perso del tutto la faccia, che porta inutilmente risorgimentale.

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter