Caso Dell’Utri, Burlesquoni pone condizioni ai PM. CONDIZIONI?! Ma chi cazzo è?!!!

Caso Dell’Utri, i pm chiamano
Le condizioni di Berlusconi

http://www.corriere.it/politica/12_agosto_18/caso-dell-utri-i-pm-chiamano-le-condizioni-di-berlusconi-paola-di-caro_c1297a42-e8ff-11e1-b806-99ce9fc5f07d.shtml

°°° Ma che paese è questo, dove i capi della mafia vanno al governo, derubano la Nazione, delinquono da una vita, si fanno leggi su misura per sottrarsi alla legge, e poi… pongono addirittura condizioni a uno dei poteri dello Stato, senza avere più nessun potere ma solo privilegi? Mi vergogno della finta opposizione e mi vergogno molto di essere italiano oggi.

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Pentito a pm, la “ndrangheta tiene in mano la Lega”

“Il partito che odia i terroni ce l’abbiamo in mano”. E’ la frase che, stando al racconto di un pentito di ‘ndrangheta, avrebbe pronunciato, circa 6 anni fa, un boss della mafia calabrese nel corso di un summit con i rappresentanti di altre ‘famiglie’. E l”anello di congiunzione’ tra gli interessi delle cosche e persone vicine al Carroccio,

http://www.rainews24.rai.it/it/news.php?newsid=165067

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Gasparri, sì proprio lui: lo scemo del villaggio, raglia delle dichiarazioni da scompiscio, leggete qui.

Chiappette d’oro (questo il suo nomignolo tra i trans romani: “Il  pm Fabio De Pasquale si è dimostrato inattendibile, non può continuare a fare il magistrato”.

°°° Lui invece può continuare a fare il servo colluso? E annuncia “una crociata” secondo lui, partendo dal 16 orizzontale.

CHIAPPETTE D'ORO

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Compravendita voti: al sindaco di Cento 2 anni di condanna… e al mafionano?

L’ex sindaco di Cento comprò i voti in consiglio comunale: condannato a due anni

Il giudice gli ha inflitto una pena più elevata rispetto a quanto aveva chiesto il pubblico ministero. La reazioni del Berlusconi di provincia: “Ho voluto combattere i poteri forti, questa è stata la mia colpa”

L’ex sindaco di Cento Flavio Tuzet è stato condannato a due anni e un mese per istigazione alla corruzione e minacce. Al termine della requisitoria del pm Nicola proto e delle arringhe di parte civile e difese, il tribunale ha emesso la sua sentenza. Una pena ancor più dura di quella richiesta dall’accusa, che ipotizzava un anno e sei mesi per Tuzet e un anno e quattro mesi per gli altri due imputati, il consigliere della lista di centrodestra di

Continue reading

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter