Sardegna. Ignoranza e puzza di razzismo. Altri doni del nano maledetto.

Lo derubano e gli urlano: “Sporco negro”
Ambulante perdona i ladri da spiaggia

http://www.unionesarda.it/Articoli/Articolo/283992

Elmas, colpo di scena davanti al giudice:
“Il ladro nigeriano è innocente, ho ritrovato i soldi”

http://www.unionesarda.it/Articoli/Articolo/284004

°°° E pensare che fino a un vent’anni fa la Sardegna era una terra colta, accogliente e ospitale. La cosca berlusconiana ha fatto di tutto per portare anche da noi il razzismo e l’ignoranza diffusa. Sardi, ripigliatevi!

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

I frutti dell’odio

di Furio Colombo

I frutti dell’odio

I testimoni raccontano di un uomo bianco di mezza età che ha sparato ai senegalesi, due distinti agguati nella piazza del Mercato Centrale a Firenze. È stata usata una pistola 357 Magnum. Lo sparatore, che si è ucciso quando si è visto braccato dalla polizia, era iscritto a Casa Pound. Subito dopo a Firenze esplode la rivolta dei senegalesi, dando vita a un corteo, dal luogo dell’omicidio alla prefettura. In tanti hanno gridato “Italia razzista”. Così scrivono le agenzie del 13 dicembre e lanciano nel mondo il nome di Firenze, quello di “un uomo bianco” che ha fatto fuoco con un’arma da guerra, i nomi dei due morti e di tre feriti gravissimi. Il sindaco di Firenze ha dichiarato il lutto cittadino.

Ma tutto ciò accade due giorni dopo l’incendio di un campo nomadi a Torino, quando una spedizione notturna di uomini decisi a uccidere e bene organizzati sono andati a vendicare un falso stupro. Subito prima del rogo qualcuno ha gridato: “E se ci sono dei bambini?” e subito c’è stata la risposta, barbara e tranquilla: “Bruceranno anche loro”. E poi il

Continue reading

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

RAZZISMO BURLESQUONICO. Poste Italiane vende le sue case ma sono vietate agli immigrati

Poste Italiane vende le sue case
ma sono vietate agli immigrati

Nel bando d’asta il requisito: bisogna essere cittadini italiani. Esposto Cgil contro la norma “discriminatoria”. Anche perché dagli extracomunitari l’ente ha ricevuto finora oltre 50 milioni di euro per i rinnovi dei permessi di soggiorno.

°°°Un’ulteriore riprova di quanto il nano mafioso e il suo amico troglodita di Gemonio abbiano precipitato questa ex importante nazione giù nel baratro del razzismo mafioso. Poi ci chiediamo perché tutto il mondo da tre anni ci schifa e ci rimbalza.

DITEMELO IN FACCIA…

ya_wanna

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Il razzismo dei destronzi.

E’ il Pdl, ma sembra la Lega: a Ravenna documento contro l’assessore marocchina

In realtà la ragazza di straniero ha soltanto il cognome: vive in Romagna da quando aveva un anno. Ma i consiglieri di opposizione attaccano: “Così viene azzerata la nostra cultura”

Il Pdl di Ravenna scivola su un comunicato stampa ai limiti del razzismo e lo fa su Ouidad Bakkali, assessore alla cultura e pubblica istruzione della giunta di centrosinistra, che di straniero ha solo il cognome. Dei suoi 25 anni Bakkali ne ha passato solo uno, il primo, nel Paese di provenienza dei genitori, il Marocco. La giovane assessore ha vissuto e si è formata a Ravenna e vanta un curriculum che la rende degna del ruolo che ricopre. Ha vissuto sulla sua pelle e conosce le dinamiche degli ambiti multiculturali, che riguardano sempre più la società italiana. Il suo impegno si è profuso anche in campo europeo, dove è stata membro di commissioni di lavoro e comitati organizzativi del Parlamento dei giovani.

Lo scandalo riguardante Bakkali succede a Ravenna, la città bizantina che riuscì a essere grande integrando i barbari, che è nota oggi per le sue iniziative a favore dell’interculturalità come il Festival delle culture, di cui si è da poco conclusa la quinta edizione. La tre giorni di incontri, dibattiti e musica intende rappresentare una città che desidera aprirsi alla diversità, etnica e culturale, come valore aggiunto per costruire una cultura di convivenza pacifica.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/06/09/e-il-pdl-ma-sembra-la-lega-a-ravenna-documento-contro-lassessore-marocchina/116927/

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Chiuso il blog che denunciava il cartellone selvaggio di Alemanno

«Una censura di stampo cinese»

di Luciana Cimino
Secondo le associazioni ambientaliste gli impianti abusivi sotto la giunta di centrodestra sarebbero quadruplicati.
http://www.unita.it/italia/chiuso-il-blog-che-denunciava-br-il-cartellone-selvaggio-di-alemanno-1.261561

°°° Vogliamo parlare della cultura uccisa, della sporcizia, delle strade colabrodo, della sicurezza che è sparita completamente, del razzismo crescente?

alemagno

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Altro che sbarchi zero. (da ItaliaRazzismo.it)

Altro che sbarchi zero.

Ecco quanto è accaduto in soli 10 giorni di agosto
Ai già drammatici bollettini estivi sul traffico o a quelli che indicano il numero di persone morte per via del caldo, perché non aggiungere quello che tiene il conto del numero degli sbarchi? Le ultime settimane sono state movimentate perché hanno segnato un aumento di quanti hanno cercato, in condizioni precarie e di totale insicurezza, di approdare sulle coste italiane. Ecco i dati di questi primi giorni agostani: 10 migranti giunti all’isola di Pantelleria a bordo di un’imbarcazione di cinque metri, proveniente dalla Tunisia. Si trovano ora a Trapani. Un barcone trasportante 39 persone è stato intercettato al largo di Lampedusa. I fermati sono ora a Porto Empedocle. Viene da chiedersi come mai non siano stati trasferiti al centro di prima accoglienza dell’isola, attrezzato per le operazioni di primo soccorso. Sarà forse un modo per raccontare l’edificante favola sulla “fine degli sbarchi”? Ma continuiamo con l’aggiornamento. 50 persone, per lo più afghani, con una barca a vela (utilizzata forse dagli scafisti per non attirare l’attenzione) hanno tentato l’approdo in Puglia prima di essere intercettati. La situazione in quella zona è preoccupante: nel primo semestre del 2010 sono già stati rintracciati 600 cittadini extracomunitari, in prevalenza afghani, curdi e iracheni, rispetto ai 320 di tutto il 2009. Preoccupante a tal punto da pensare di voler riaprire il centro di accoglienza «Don Tonino Bello» di Otranto. Sembra essere arrivata l’ora, per il ministero dell’Interno, di aggiornare i propri dati su questo fenomeno e di considerare quel 96% (diminuzione degli sbarchi rispetto al 2009), una percentuale ormai fallace, dal momento che è valida solo per i primi 4 mesi del 2010. Altro che Sbarchi Zero.

maroni-gasparri

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Annozero,razzismo legaiolo e gente trista e triste

Ieri abbiamo assistito a uno spettacolino penosissimo. Mi riferisco alle sgallettate ignoranti di Adro e al minus habens che si spaccia per sindaco. Questi, amici, sono i guasti di quasi 20 anni di berlusconismo e di propaganda piduista-mafiosa-razzista e xenofoba. Queste quattro sciacquette sono cresciute a pane-nutella-vizi e pessima televisione. Non hanno mai letto un libro, non sanno cosa sia Internet, non perdono tempo a studiare né a informarsi. Sono mogli e amanti di ladri che evadono le tasse e passano la giornata a fare shopping e pompini ai marocchini o ai senegalesi, prima di tornare a casa e preparare un pessimo  pasto coi surgelati ai mariti cornuti. Sono quelle stronze impellicciate che accompagnano il figlio a scuola a bordo di Suv che hanno una capienza di otto persone e costano dieci volte più della  loro dichiarazione dei redditi, parcheggiano sui marciapiedi, si guardano compiaciute in tutte le vetrine, passano ore in palestra e nei centri estetici. Mai state a teatro e non entrano in un museo o in una libreria manco se piove.

Sono quelle che cercano “un bull” nelle riviste hard e si fanno filmare dai mariti mentre si fanno sfondare da aitanti negretti. Gli stessi negretti che i loro mariti (o i mariti delle loro amiche) sfruttano nelle loro fabrichette. Per contro, i loro mariti cornuti si spaccano di cocaina e vanno a farsi inchiappettare dai trans brasiliani superdotati. Evadono allegramente le tasse, hanno una seconda casa in Sardegna e vengono a rompere i coglioni coi loro fuoribordo inquinanti ogni estate. Piangono e odiano. Sniffano e si fanno i lifting. Poi ripiangono,odiano di nuovo, e si lamentano dei “comunisti”… che esistono solo nella mente malata del loro idolo di cartapesta e plastica.

Che gente triste, amici miei.

LA  SCIURA  ZOCCOLA

Olga

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Il razzismo incalza: MIlano

A Milano, sul web tornano i cartelli

“Non si affitta agli stranieri”

Boom di annunci razzisti. “Niente animali e immigrati”. Inserzioni per soli italiani anche per le offerte di lavoro.
Gli italiani pensano che gli stranieri siano 4 volte di più e questo a causa della propaganda xenofoba e razzista che, da anni ormai, i media controllati da Berlusconi scaricano sui cittadini italiani. E’ chiaro che le menti meno preparate caschino in questa porcheria e si sentano autorizzati a dare addosso allo straniero e più indistintamente AL DIVERSO. Tutto ciò fa vergognare e fa paura a noi umani e dobbiamo continuare a combattere e ad informare. Non possiamo permettere a una cosca malavitosa e razzista di continuare a precipitarci sempre più in basso nell’abbiezione e nella considerazione, ormai vicina allo zero,  degli osservatori stranieri.

da giovane-lavoraccio

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Razzismo? No, solo marketing

Maria Novella Oppo
(l’Unità)

Razzismo? No, solo marketing

L’idea che per Natale il comune di Boccaglio (Brescia) voglia regalare agli immigrati un rastrellamento in piena regola, si giudica da sé. In effetti, come strenna sembra un pochino anticristiana, soprattutto per quelli che si riempiono la bocca ogni giorno della difesa della nostra «civiltà millenaria». Come ha detto anche ieri mattina a “Omnibus” il leghista Dario Galli, che ha ridimensionato l’iniziativa del piccolo comune bresciano appena come dimostrazione di cattivo gusto, per quella definizione di «White Christmas» che, essendo particolarmente azzeccata, è subito passata nella comunicazione. E siccome la comunicazione è tutto, anche Bossi ha criticato la parola d’ordine, senza però criticarne il razzismo. Infatti non è per razzismo che la Lega propone norme che escludono gli immigrati dalle cure mediche, dalle scuole, dalla graduatoria per le case e figurarsi poi dalla cittadinanza. Si tratta solo di potere bianco.


DARIO  GALLI  VISTO  DALL’ALTO

testa-cazzo

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter