LE TESTE DI CAZZO DEL PD. Ma si può combattere i naturisti?

I naturisti cacciati dal Pd e accolti dalla Lega. Lasciano la Romagna per Jesolo

Liti infinite con il sindaco di Ravenna Matteucci: così il popolo dell’abbronzatura integrale molla la storica spiaggia della Bassona a Lido di Dante. L’avvocato Marcacci: “Gli ultimi anni l’amministrazione comunale si è dimostrata bacchettona e intollerante. Senza di noi le presenze caleranno del 20 per cento”

I naturisti fanno i bagagli (pochi) e dicono addio alla Bassona, la loro storica spiaggia a Lido di Dante. Dopo anni di liti e scontri con il sindaco di Ravenna Fabrizio Matteucci, l’Aner, l’associazione dei naturisti dell’Emilia Romagna, ha deciso di abbandonare una delle sue mete storiche. Nuova destinazione: un comune leghista a due passi da Jesolo. “Ravenna ha chiuso con noi”, fanno sapere dall’associazione. “Questo vorrà dire un 20 per cento di presenze in meno. Chi ci ospita, e più che volentieri, lo abbiamo trovato nel Veneto remoto, quello più leghista che mai”.

Ecco l’epilogo, salvo ripensamenti, di una battaglia che da

Continue reading

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Due monumentali teste di cazzo: fassino e la russa. Scoprite perché…

La Russa: bombe sui nostri aerei in Afghanistan
Fassino: è giusto che il Parlamento valuti la cosa

http://www.unita.it/news/mondo/104484/fassino_giusto_che_il_parlamento_valuti_la_cosa

°°° Dunque, quel poltronista di fassino, con moglie annessa, dice che va bene: purché se ne parli in aula. Capito? Ivece di mandare affanculo il cocainomane pazzo e tangentaro… dice che se ne può discutere!!!

Primo: chi cazzo sei tu, fassino, per parlare  a nome del maggior partito di sinistra – PACIFISTA – d’Europa? Secondo: avete presente quel buchino da cui sono nati questi due esseri spregevoli e che si trova situato in mezzo alle gambe verso il retro? Si chiama sfintere o buco del culo? Non lo so, ho solo la terza media e mi mancavano 18 anni per diventare ginecologo. Comunque ci siamo capiti. Ecco, lì vi dovete infilare le vostre bombe del cazzo, STRONZI!

b.BASTA

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Presidi e professori teste di cazzo e violenze nelle scuole

Stupro in classe davanti al prof
in manette due minorenni

Un 14enne e un 15enne arrestati a Salò, nel Bresciano. Coinvolto anche un 13enne. Altri compagni avrebbero fatto “muro” affinché il professore non vedesse la violenza, durante la lezione, ai danni di una 12enne

°°° Scusate, amiche e amici, ma sono abituato a parlare chiaro, non come certi pseudogiornalisti. Si tratta di questo:mentre un sedicente professore, dice, interrogava un alunno, tre ragazzini hanno trascinatoin un angolodell’aula una bambina e fatto schierare un muro di compagni a coprirli, quindi  hanno costretto questa bambina di 12 anni a inginocchiarsi e a fare a tutti e tre  un pompino. Questi i fatti. Il preside, emerita testa di cazzo, ha sospeso i tre violentatori e anche la piccola vittima. Sembra la scuola elementare di Sadali! Ma dove? Ma quando! Un preside vero, e non un coglione piazzato lì dal regime, avrebbe immediatamente licenziato un professore così coglione, incapace e connivente; avrebbe denunciato immediatamente ai carabinieri i genitori di questi piccoli depravati e  sospeso i tre, non la bambina. Pensate lo chock di questa poveretta e i danni permanenti che le hanno provocato una testa di cazzo di preside incapace e il suo pari  rubastipendi di prof. O no?

LA   SEDIA  CHE  HO  REGALATO AL PRESIDE

sedia spremiagrumi

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

OKKIO al regime!

da Dagospia:
MASI STRATEGY SU SANTORO: NON CADERE NELLA TRAPPOLA DEL MARTIRIO – PIÙ VA IN ONDA PIÙ SILVIO GODE: CHE SIA IL PD A MOZZARE LA TESTA DI MICHELE – IL FUTURO DI SANTORO: STOP AD ANNOZERO E DOCU-FICTION D’ASSALTO CON PARENZO?

1 – Il neo direttore generale Mauro Masi ha allertato i dirigenti di viale Mazzini di stare “attentissimi ad evitare una battaglia sulla libertà d’informazione” sul sempiterno caso Santoro. “Libertà d’informazione che non è minimamente in discussione”.
Masi ha poi aggiunto di non cadere nella “trappola del martirio”, quando in realtà potrebbero esserci violazioni di norme contrattuali (ad esempio l’equilibrio dell’informazione Rai).
Silvio Berlusconi

Fin qui Masi. Ma Dagospia sa da fonte ben informata che oggi pomeriggio l’ufficio legale di Viale Mazzini avrà da esaminare le vignette di Vauro, soprattutto quella sulle bare d’abruzzo e che ha innescato uno tsunami di indignazione.

Ma a parte i “terribilisti” Cicchitto e Gasparri, la strategia di Berlusconi è completamente ribaltata rispetto ai tempi del “editto di Sofia” (che criminalizzò Biagi, Luttazzi, Santoro). Infatti, l’offensiva del quartetto dell’apocalisse composto da Santoro, Vauro, Travaglio e Di Pietro va a scippare voti, in vista delle Europee di giugno, non tanto al Pdl quanto al partito di Franceschini a favore dell’Italia dei Valori.

Quindi Berlusconi ha tutto da guadagnare elettoralmente dalla presenza in video di Santoro e compagni. Questo è il motivo per cui da parte della dirigenza Rai c’è questo atteggiamento d’attesa sulla riva del fiume aspettando che sia il Pd a chiedere la testa di Santoro.

2 – MASI GRAND COMMIS INTENDE SEGUIRE I REGOLAMENTI…
Paolo Conti per il “Corriere della Sera”

Il caso Santoro con la sua puntata sul terremoto di giovedì scorso e le polemiche aperte dal centrodestra, Silvio Berlusconi e Gianfranco Fini in testa, segnano l’esordio ufficiale di Mauro Masi, neo direttore generale, alla guida della Rai. La serata di «Annozero» verrà rivista a viale Mazzini da molti consiglieri di amministrazione che non l’hanno seguita in diretta: ma non ci sarà riunione operativa fino alla settimana prossima. Così come non dovrebbe esserci una convocazione della commissione di Vigilanza.
Dario Franceschini

Toccherà quindi a Masi, come responsabile editoriale della tv pubblica, agire. E sono in molti ad attendere la sua mossa per scoprire metodi e stile del successore di Claudio Cappon. In base agli accordi sottoscritti nel 2006 tra Michele Santoro e l’allora direttore generale Alfredo Meocci, «Annozero» non è «riconducibile» a nessuna direzione di testata o rete. Santoro ha il grado da direttore e di fatto risponde direttamente alla direzione generale, fatta eccezione per il rispetto della par condicio.

In quel caso (anomalia assoluta) «Annozero» non si ricollega alla testata di Raidue, il Tg2, ma al Tg3 guidato da Antonio Di Bella. Però non c’è alcun controllo editoriale sulla scaletta né sulla «filosofia» della puntata. Masi ha deciso di non legare la vicenda alla questione della libertà di espressione.

Da «grand commis» dello Stato intende attenersi a regolamenti, norme e soprattutto ai contratti che legano Michele Santoro e lo stesso Vauro alla Rai. C’è chi parla di una lettera di richiamo di Masi, che potrebbe addirittura arrivare prima della puntata di giovedì. O di una sollecitazione ad ospitare altre voci sul terremoto: un po’, si dice, come accadde quando Santoro decise di mandare in onda nel maggio 2007 il video sui preti pedofili e Claudio Cappon sollecitò la presenza in studio di monsignor Rino Fisichella. Però in quel caso si trattò di un accordo tra i due prima della puntata: qui si tratterebbe di una «riparazione» richiesta.
Mauro Masi

Ma non sono escluse soluzioni più radicali. Se Masi individuasse una violazione contrattuale o delle norme interne Rai, potrebbe immaginare – dice chi gli è vicino – anche una risoluzione contrattuale. In quanto alle vignette di Vauro, Masi ha fatto sapere che «con i morti non si scherza».

I direttori delle testate giornalistiche Rai hanno ricevuto tutti una telefonata di Masi, proprio venerdì. Un elogio al lavoro sul terremoto e una sollecitazione a riferire sui complimenti espressi dalla direzione generale alla Protezione civile. Ed è leggibile proprio lì la prima risposta del neo­direttore generale alla puntata di Santoro: il pieno appoggio alla struttura diretta da Guido Bertolaso, messa in discussione da «Annozero».

Una posizione ripetuta la domenica di Pasqua con una seconda dichiarazione dello stesso Masi controfirmata dal presidente Paolo Garimberti («pieno e forte sostegno alle azioni svolte dalla Protezione civile») mentre si annunciava l’avvio di «tutti gli approfondimenti previsti dalla normativa vigente e dai regolamenti aziendali» per arrivare a un giudizio aziendale su «Annozero».

Intanto anche nella sinistra del Cda qualcuno è freddo con Santoro. Si chiama Giorgio van Straten, consigliere in quota Pd. Nessuna difesa a spada tratta. Anzi: «L’informazione del servizio pubblico è pluralista non perché ognuno dice ciò che gli pare ma perché complessivamente dà conto delle diverse posizioni». Invece Nino Rizzo Nervo, stessa area: «Non riesco a capire cosa significhi un’indagine Rai. Una trasmissione può piacere o meno. Ma non può esistere un ‘colpevole’. Alcune cose di ‘Annozero’ possono convincere, altre meno. Ma un servizio pubblico come la Rai è sempre uno spazio di libertà. Altrimenti non è più un servizio pubblico». Mercoledì 22 si riunirà il Cda Rai. Chissà cosa sarà accaduto nel frattempo.
Michele Santoro

3 – ORA SANTORO VUOLE METTERSI IN PROPRIO…
Fabrizio D’Esposito per “Il Riformista”

La scena risale a qualche settimana fa. Il direttore di Raidue Antonio Marano, leghista di osservanza maroniana, è chiuso nel suo ufficio e sembra quasi dettare una sorta di memorandum riservato al suo successore, che peraltro ancora non c’è: «Per la prossima stagione, Santoro ha già deciso che non vuole fare più Annozero. Per lui è diventato troppo faticoso e poi ha intenzione di liberarsi di Travaglio, che ormai offusca il suo ego, e mettersi a fare l’autore di docu-fiction».

Una notizia clamorosa, vista l’autorevolezza della fonte: il direttore della seconda rete del servizio pubblico. Ma che soprattutto offre un’ulteriore chiave di lettura alle solite e violente polemiche sulla trasmissione di Raidue, stavolta sul terremoto abruzzese. Le feroci critiche ai soccorsi hanno compattato un vasto fronte anti-santoriano: Berlusconi, Fini, l’opposizione del Pd, i nuovi vertici della Rai. Al punto che dai piani alti di Viale Mazzini si ammette apertamente: «Da settembre Annozero non sarà nel palinsesto, a prescindere da chi prenderà il posto di Marano».
Antonio Di Pietro

Una previsione, questa, rinforzata dall’annuncio di Paolo Garimberti e Mauro Masi, rispettivamente presidente e direttore generale dell’azienda radio-tv, di avviare una procedura interna contro il conduttore, non senza aver ribadito in una nota «pieno e forte sostegno alle azioni svolte dalla Protezione civile».

Torniamo, dunque, alle parole di Marano ante-terremoto, «Santoro avrebbe già deciso di non fare più Annozero», e rileggiamole alla luce di quanto successo nella puntata di Giovedì Santo, la cui eco si è trascinata fino a ieri, Lunedì in Albis. Ecco cosa racconta a microfoni spenti un importante e informato esponente di Viale Mazzini: «Il carattere di Santoro è un perfetto mix di egocentrismo, calcolo e risentimento. Lui sta alzando il tiro perché vuole trattare la sua uscita dalla Rai da una posizione di forza».
Vauro Senesi

Via dalla Rai, quindi, per dedicarsi alle docu-fiction. Un progetto già accarezzato dal giornalista salernitano all’inizio dell’estate del 2007. In quel periodo a Palazzo Chigi c’era Prodi e Santoro aveva ripreso a lavorare da un anno alla Rai dopo l’editto bulgaro berlusconiano del 2001. L’ex eurodeputato del listone ulivista comincia una trattativa con il dg Claudio Cappon e il suo vice Giancarlo Leone. L’allora presidente Claudio Petruccioli viene tenuto al corrente regolarmente degli incontri.

Santoro vuole imitare Bruno Vespa: dimettersi dalla Rai e spuntare da esterno un ricco contratto di collaborazione per produrre docu-fiction. L’idea è fortemente sponsorizzata da Sandro Parenzo, il patron di Telelombardia e della società di produzione Videa. I due, Santoro e Parenzo, trattano per mesi con Cappon e Leone. Poi tutto si arena. L’affare sfuma per il ripensamento dello stesso conduttore. Forse ha avuto garanzie sicure sul prosieguo di Annozero. Forse non vuole mollare il gruppo di giornalisti che da sempre è con lui.
Marco Travaglio

A distanza di due anni, l’exit strategy di Santoro sarebbe la stessa: lasciare Viale Mazzini e continuare in proprio da collaboratore esterno. E stavolta sono in molti a giurare che non ci saranno dietrofront dell’ultimo momento. Anche perché il clima politico è mutato profondamente. Racconta un’altra fonte autorevole: «Mai come questa volta Santoro ha tutti contro e lui vuole evitare di isolarsi politicamente. Santoro ha sempre fatto la minoranza all’interno di una maggioranza, come quando governava il centrosinistra. Non gli interessa una minoranza da riserva indiana con Di Pietro, De Magistris e Travaglio, perché non lo porterebbe da nessuna parte».

In pratica l’esatto opposto di quanto denunciato ieri da Fabrizio Cicchitto, capogruppo del Pdl alla Camera: «Annozero è una trasmissione che ha obiettivi politici chiarissimi. Essa è collegata a un gruppo politico-giudiziario che ha come terminale giornalistico Marco Travaglio e come punto di riferimento politico Antonio Di Pietro. In mezzo c’è un’operosa componente giudiziaria, che ha punti di riferimento in alcune procure. L’obiettivo di questo network è quello di destabilizzare il quadro politico».

All’esponente del centrodestra ha replicato il dipietrista Felice Belisario: «Cicchitto è davvero l’ultima persona che può venirci a parlare di libertà di informazione e indipendenza della stampa. Da fedele affiliato alla loggia P2, Cicchitto aveva sottoscritto il programma di Gelli che prevedeva, tra le altre cose, l’eliminazione della libera informazione e il perseguimento di fini opposti a quelli previsti dalla nostra Costituzione. Non esiste alcun teorema, alcun complotto politico-giudiziario, altrimenti Berlusconi non avrebbe vinto per tre volte le elezioni». Sia come sia, Santoro dovrebbe essere alla vigilia del suo congedo da giornalista della Rai. Difeso solo dalla radicale Emma Bonino e dal presidente della Vigilanza, Sergio Zavoli. E, ovviamente, da Antonio Di Pietro.

°°° Come vedete, cari amici, la P2 e la mafia stanno tentando in tutti i modi di cancellare definitivamente la scarsissima informazione che c’è in televisione. Soliti giochi sporchi: divide et impera, mettere gli uni contro gli altri… Ah! Se tutto il csx si desse una svegliata e si compattasse e se i vertici chiedessero IMMEDIATE DIMISSIONI di questi banditi ed elezioni a settembre!!! Ma chi le sveglia quelle teste di cazzo?

annozero

masi

santoro

masson1

forza-mafia1

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter