Le balle spaziali dei berlusconidi a Milano: nessuna aggressione a destra, semmai …

… semmai un sostenitore di Pisapia di 61 anni è stato preso a calci, pugni e colpi di casco in testa.

Milano, la testimone racconta: «Rizzi aggredita?
Non direi, l’ho vista sedersi a terra da sola»

di Laura Matteucci

Pisapia, Milano sindaco

«Stanno succedendo cose pazzesche, se una signora di una certa età arriva a buttarsi per terra facendo finta di essere stata aggredita, c’è da aver paura. È allucinante che tutto un gruppo dica cose che non sono avvenute, sono persone che possono fare del male». Shirin Kieayed, italiana di origine siriana, è una giovane donna che, sabato scorso al mercato di via Osoppo di Milano, ha assistito all’«aggressione» di Franca Rizzi, madre dell’assessore Pdl Alan. Testimone oculare, ma di tutt’altra scena rispetto a quella raccontata dalla destra.

Che cosa ha visto?
«Al mercato c’erano due gruppetti avversari, per così dire: uno di sostenitori di Pisapia, l’altro della Moratti. In testa al primo gruppo, un signore tra i 50 e i 60 anni che urlava slogan pro Pisapia con voce molto alta: una signora l’ha tirato per un braccio e strattonato da dietro per farlo tacere e…».

La signora Rizzi?
«Sì, poi s’è saputo che era lei. Lui, il sostenitore di Pisapia, s’è girato e si è come appoggiato col ginocchio su una coscia della signora, ma senza darle nè calci nè spinte nè niente. Lei si è accasciata e si è seduta per terra, iniziando a dire che bisognava chiamare l’ambulanza, che era stata aggredita e via così. E in pochi secondi questa è stata la versione passata per buona».

Lei che ha fatto?
«Io volevo aiutarla a rialzarsi, ma poi mi sono fermata: questi sono capaci di dire che volevo aggredirla anch’io, ho pensato…C’era un clima assurdo. Non era successo niente, e sul niente si stava montando un caso. Non pensavo che un episodio insignificante potesse venire strumentalizzato in questo modo. Sono tornata a casa. Ma poi ho cambiato idea e sono tornata al mercato, proprio per evitare venissero dette falsità, e lì ho raccontato ai vigili l’accaduto: a più di uno, perchè non volevo che le mie parole fossero travisate, volevo essere molto chiara. Questo racconto sono pronta a ripeterlo in tribunale».

Non è che lei è una facinorosa attivista di sinistra?
«Per niente».

È iscritta a qualche partito?

«A nessun partito».

23 maggio 2011

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Saltamartini (Pdl): «Mi ha dato della camorrista». °°° Macome si fa a dare della camorrista a una mafiosa? E certo che si offende…

Barbato
 tra il Pdl e Barbato
Pugno al dipietrista: in ospedale

17:10 POLITICAInsulti e spintoni in aula. La presidente di turno Bindi fa intervenire i commessi e i deputati questori: «Fatto grave».Il deputato Idv in ospedale con un occhio gonfio: «Mi hanno colpito alle spalle». Saltamartini (Pdl): «Mi ha dato della camorrista»

°°°  Intanto non è una rissa,ma una aggressione squadrista bella ebuona: come alsolito, centi contro uno e colpito alle spalle… Siamo in un regime fascista e in uno stato di polizia, lo avevate capito? ma chi cazzo è questa capra di Saltamartini?

berlusconi.cervello

 

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Ottimo lavoro della pro “locos” di Alghero?

“Sporchi negri”, aggressione razzista
contro due fratelli congolesi ad Alghero

Circondati e insultati da sei ragazzi che hanno lanciato pietre contro di loro al grido di “tornatevene a casa”. Sono figli di un pilota di aereo africano e di una donna sarda e hanno la cittadinanza italiana

°°° Mi vergogno molto per certi sardegnoli ignoranti e per il pessimo servizio che hanno reso e stanno perpetrando le varie istituzioni, amministrative e turistiche, in mano a questa destra infima. Chiedo scusa a tutti a nome loro.

LA  SARDEGNA  E’  “TORNATA A SORRIDERE”… SEEEE!

sardegna sorride

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Berlusconi/Pisistrato… 2500 anni dopo.

Per ottenere l’appoggio popolare,

Pisistrato ricorse a uno stratagemma:
si procurò delle ferite per mostrarle in pubblico quale prova di
un’aggressione subita da parte dei propri rivali.
Il popolo decretò per
lui l’istituzione di una guardia del corpo di 300 mercenari con la
quale Pisistrato occupò l’Acropoli, senza resistenza da parte degli opliti, nel 561/560 a.C., ottenendo il potere assoluto.

°°° MEDITATE… E se fosse stato dell’utri, ispiratore delle stragi del ’92/93, a escogitare anche questa bufala? A differenza di mafiolo, lui un pizzico di cultura da bibliofilo la possiede.


PISISTRATO, UNO STATISTA MOLTO MIGLIORE DI BURLESQUONI

pisistrato

AGGIUNGETEGLI LA BARBA ED E’… U GU A LE!

berluquirinale

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Berlusconi pazzo e violento

L’aggressione

come strategia

di GIUSEPPE D’AVANZO

ASINO_CAVALLO

b.duce

APTOPIX ITALY BERLUSCONI

IL COMMENTO

Chi abusa del suo potere, prima o poi, non tenterà più di affermare il principio della propria legittimità e mostrerà, senza alcuna finzione ideologica, come la natura più nascosta di quel potere sia la violenza, la violenza pura. Sta accadendo e accade ora a Silvio Berlusconi che

Continue reading

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Roma: ancora razzismo e stupri

1) “A Roma uno stupratore seriale”

La Questura: l’esame del dna è in corso
Secondo indiscrezioni il test sulle tracce genetiche conferma che lo stesso uomo ha violentato la giovane dell’Ardeatino e quella della Bufalotta.

2) Aggressione razzista a Monteverde Nuovo, uomo del Congo picchiato e derubato

Aggressione razzista nel quartiere di Monteverde Nuovo a Roma. Un uomo del Congo è stato selvaggiamente picchiato da tre italiani, in via

Continue reading

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

“Un pericolo per la democrazia”

Il ministro in una lettera al “Giornale”: “Il quotidiano è un superpartito
che concentra in sé la dimensione politica, economica e anche giudiziaria”
Da Bondi attacco a Repubblica
“Un pericolo per la democrazia”

Sandro Bondi

bondi

ROMA – “L’insidia più grande per la nostra democrazia” è l’azione del quotidiano Repubblica, “un superpartito che concentra in sé la dimensione politica, quella economica, quella culturale e perfino quella giudiziaria”. Lo afferma, in una lettera pubblicata dal Giornale, il ministro per i Beni e le Attività culturali Sandro Bondi, che definisce Repubblica “l’erede principale” della cultura giacobina.

“Nell’ipotesi che abbia successo il progetto destabilizzante” del quotidiano, si avrebbe “non la caduta di un regime, come ritiene Eugenio Scalfari, né la fuga di gerarchi felloni”, ma “l’indebolimento della nostra democrazia e la rovina dell’Italia”.

Secondo il ministro, Scalfari è abile nel “divulgare e accreditare nell’opinione pubblica una visione storiografica, politica e culturale che è esattamente agli antipodi della realtà” e nel “descrivere un regime corrotto e morente, contro il quale il suo quotidiano ha lanciato l’offensiva finale, trascinando con sè anche il Corriere della Sera e ciò che resta della sinistra”.

La realtà, prosegue Bondi è invece che “un governo democraticamente eletto subisce un’aggressione sistematica (…) sulla base di una campagna scandalistica paragonabile alla pesca con lo strascico”.


°°° Premesso che il Giornale e bondi ministro sono due ossimori e che “quel che resta della sinistra” è un 60% abbondante dei cittadini, contro un 20% scarso di FORZA RAGLIA… Così come in casa di valeria marini, della carfregna, e di tutte le zoccole senza talento di questo regimetto ci sono i cetrioli e le banane pieni di rossetto (gli allenamenti quotidiani, sapete…) allo stesso modo, in casa di bondi ci sono tutti i ritratti di burlesquoni schizzati di urina: sandrone, come vede il suo capo, si piscia addosso e schizza dappertutto. Dobbiamo avere pazienza con queste testoline disabitate, amici. Ma, non mi ricordo: le resti a strascico pescano gli stronzi?
N.B. Faccio notare che Repubblica è il media più gentile nei confronti di mafiolo NEL MONDO INTERO! Sono tutti i media del mondo un pericolo per la democrazia italiana o lo è il mafioso pedofilo, cocainomane e decerebrato, a capo di una cosca di inetti malviventi?

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Sputi e fischi

Anarchico sputa contro La Russa
Un senatore del Pdl lo prende a pugni

Contestazione contro il ministro della Difesa Ignazio La Russa, a Genova per la campagna elettorale. Il ministro stava visitando il centro storico quando un uomo, un cittadino spagnolo, gli si è avvicinato e gli ha sputato addosso. L’uomo è stato subito fermato dalla polizia. Nel tentativo di difendere il ministro dall’aggressione il senatore Giorgio Bornacin ha sferrato un pugno all’aggressore, mentre gli uomini della scorta lo mettevano in un angolo contro la vetrina di un negozio.

°°° Al solito: i fascisti si avventano con tanto di scorta su un ragazzo. Fieri e coraggiosi, virili e invincibili… Che pena. Ministro della difesa questo arrogante che insulta sempre chiunque?! Siamo rappresentati da un’accozzaglia di malavitosi e fascisti.

sputi

sicu_big3

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

iL neonazismo

«Aggredito sul treno: mi hanno inciso col coltello la svastica sul braccio»

13:05 CRONACHELa denuncia di un 23enne di Cava dei Tirreni che si stava recando a Torino per prendere parte alla manifestazione contro il G8 dell’università. L’aggressione sul treno da Napoli


°°° Come volevasi dimostrare. Di queste puttanate squadriste, amici miei, ne parlano in tutto il mondo. Ma che vergogna!!!

la-russa-pirla2

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter