Lega sparita, buone notizie: molti comuni tornano alla civiltà.

Lega, cadono i baluardi. A Cantù linea anticlandestini diventa antiabusi edilizi

A Tradate al posto del “Va Pensiero” di Verdi chiamando il numero del Comune si ascolterà  Mozart. Nello stesso Comune, il giorno della vittoria elettorale era stata riportata in Municipio la foto del presidente della Repubblica, che mancava da circa vent’anni.

cadutalega_interna nuova

http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/06/15/lega-nord-addio-baluardi-padani-a-cantu-numero-anticlandestini-servira-a-segnalare/263752/

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Cittadinanza ai bambini immigrati subito! Torniamo nella civiltà, grazie.

http://www.repubblica.it/politica/2012/06/06/news/riccardi_sulla_cittadinanza_ai_bambini_immigrati_conto_su_una_maggioranza_trasversale-36649162/?ref=HREC1-4

“Sulla cittadinanza ai bambini immigrati
conto su una maggioranza trasversale”

Il ministro della Cooperazione parla dei figli degli stranieri nati nel nostro Paese.

"Sulla cittadinanza ai bambini immigrati conto su una maggioranza trasversale"

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

A Milano e Cagliari torna la civiltà

Da decenni le comunità dei campi regolari e irregolari non si sedevano a un tavolo

Nasce la Consulta rom per dialogare
con il Comune: «Basta sgomberi»

Dijana Pavlovic: la politica dei «trofei» di De Corato non ha avuto risultati, solo spreco di denaro pubblico

Dijana Pavlovic (Fotogramma)
Dijana Pavlovic (Fotogramma)

MILANO - Le comunità rom e sinti dei campi nomadi regolari e irregolari di Milano si sono riunite per dare vita alla «Consulta rom», che sarà presentata alla città sabato 2 luglio a Palazzo Marino. Da decenni non si sedevano a un unico tavolo. La decisione di organizzarsi in un’associazione, spiega Dijana Pavlovic, attrice serba di etnia rom, a Milano dal ’99, vicepresidente della Federazione «Rom e Sinti Insieme» e promotrice dell’iniziativa, è un «segnale straordinario» e deriva dalla «certezza che con la nuova amministrazione e l’uscita di scena dell’ex vicesindaco Riccardo De Corato, che aveva fatto dei suoi 540 sgomberi un trofeo personale, si è conclusa una politica che non aveva sortito nessun risultato se non costi sociali altissimi e un grande dispendio di denaro pubblico». Una delegazione dei 12 membri della Consulta – formalmente nata il 17 giugno scorso – ha già incontrato martedì scorso il sindaco Giuliano Pisapia e l’assessore alla Sicurezza Marco Granelli, mentre è prevista per lunedì una riunione con l’assessore alle Politiche sociali Pierfrancesco Majorino. I nomadi milanesi, secondo il nuovo organismo di rappresentanza che cita un «censimento del prefetto», sono circa 2000, di cui 800 irregolari. Costituiscono cioè «una popolazione numericamente irrilevante» e «pacifica».

LE RICHIESTE - «Queste disponibilità – spiega l’invito – aprono la strada alla soluzione dei problemi che in questi ultimi 5 anni non si sono voluti affrontare, preferendo fomentare la caccia allo “zingaro” per raccogliere i voti della paura nei confronti di una popolazione pacifica e numericamente irrilevante facendo crescere pregiudizi, discriminazione e sentimenti razzisti». Sono tre le richieste della Consulta: stop a sgomberi «senza soluzioni e senza assistenza», ridiscussione del piano Maroni e dell’uso dei fondi stanziati dall’Unione Europea e «la valorizzazione delle risorse umane rom e sinte».

TUTELA E INCLUSIONE - La Consulta, in particolare, segnala la necessità di evitare spostamenti di intere famiglie da un posto all’altro, in condizioni di sempre maggiore degrado. Quanto al piano Maroni, la richiesta è di rivedere l’utilizzo dei 13 milioni di euro – parte del Fondo sociale europeo per politiche di tutela e inclusione delle comunità rom – che sono da finalizzare a reali politiche di convivenza, in armonia con le direttive comunitarie. C’è infine l’obiettivo di coinvolgere rom e sinti nella gestione organizzativa ed economica delle realtà presenti sul territorio comunale e nell’attività di scambio sociale e culturale con le istituzioni e la cittadinanza.

CAGLIARI,ZEDDA RIFIUTA L’ABBONAMENTO GRATIS AL TEATRO: “LA LIRICA ME LA PAGO IO”.SI PRESENTA ALLO SPORTELLO E PAGA 210 EURO

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Lampedusa, sull’isola è allarme: l’acqua sta finendo°°° Non è il colmo per un’isoletta?

Questo dà la misura della “civiltà” dell’italietta: i sedicenti governanti si rubano miliardi di euro in appalti per le cricche, per una cosca come la NON protezione civile, per unj ponte inutile e pericolosissimo, per delle inaudite centrali nucleari anctiche e… non abbiamo nemmeno un impianto di DESALINIZZAZIONE dell’acqua marina. Peggio del 4° mondo!

maroni1

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Vendola vale molto più di mille stronzi come berlusconi

Vendola punta sulle Rinnovabili

«Sì all’eolico, al solare, all’idrogeno verde e alle biomasse». Il governatore rilancia le fonti alternative. E boccia il nucleare.

La Puglia punta dritto alle fonti rinnovabili. E lo annuncia per bocca del suo Governatore Nuchi Vendola. «L’industria energetica è una delle nostre sfide di eccellenza insieme a quella legata all’innovazione» e «ci piacerebbe che la Puglia divenisse in Europa uno dei Parchi energetici mirati alle fonti rinnovabili e all’innovazione». Lo ha detto oggi Vendola, presentando la prima bozza del piano energetico ambientale regionale. All’incontro di oggi erano presenti anche Rodolfo Pasinetti di Ambienteitalia e Gian Maria Gasperi della Emas-Ecolabel, le due società che hanno elaborato la bozza di piano.

Si tratta di 83 pagine che contengono una sola filosofia, ha spiegato l’assessore regionale alle politiche energetiche e ambiente Michele Losappio: «La Puglia vuole contribuire a colmare il deficit energetico del Paese ma riducendo le

Continue reading

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Ecco l’altro attacco alle rare oasi di civiltà della Rai da parte della mafia di Berlusconi

Romani: “Il Tg1 è il migliore
e la Dandini è peggio di Santoro”
Calderoli: “Tagliare stipendi d’oro in Rai”

Il viceministro con delega alla Comunicazione difende Minzolini: “Informazione corretta”. Il Tg3 “fa danni per mezz’ora”. La conduttrice di Parla con me è “scoraggiante”. Il ministro leghista all’azienda pubblica: condividere i sacrifici del Paese”

°°° Fanno la tv peggiore del mondo, ci costringono a strapagare col canone le merde come vespa, paragone, ventura, carloconti, maxgiusti, tutte le zoccole del pomeriggio, le fiction di merda, ecc. Però rompono i coglioni a Santoro, Floris, Dandini (che fa cagare e ruba voti alla sinistra, come fazio)… Provate a chiedervi a chi conviene una Rai così devastata?

bavaglio no

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

L’italietta di Berlusconi e il rispetto civile

Sorprende i ladri in casa
anziana uccisa e bruciata

Il delitto a Siliqua, a una trentina di chilometri da Cagliari. La vittima è una vedova di 71 anni. Il corpo carbonizzato scoperto dai vigili del fuoco

Brindisi, 11:27

PENSIONATO PICCHIATO A MORTE DAI VICINI NEL BRINDISINO

Picchiato a sangue da due vicini di podere perche’ disturbati dal rumore di una motosega, un pensionato e’ morto all’ospedale ‘Perrino’ di Brindisi, dove era giunto in condizioni disperate. E’ accaduto in una contrada di Oria (Br), dove Mario Nania, di 60 anni, ieri mattina stava tagliando alcuni rami da un albero con un attrezzo, ed e’ stato aggredito e percosso dopo una accesa discussione da due vicini, padre e figlio.

°°° La civiltà di un popolo si vede da come tratta i  vecchi  e i  bambini. Ecco perché noi siamo precipitati agli ultimi posti del mondo civile e occidentale in soli due anni!

L’EDUCAZIONE  E  LA  FINESSE…

educazione

 

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter