La “famigghia” Larrrussa… guai giudiziari

Milano, appalti Aler
in cambio di voti
La Procura indaga

Nell’inchiesta è indagato Marco Osnato, direttore dell’area gestionale dell’Aler, vice segretario cittadino del Pdl, consigliere comunale e genero di Romano La Russa. Nei giorni scorsi è stato ascoltato un manager, ex Udc, accusato di aver assegnato lavori in cambio di appoggi elettorali

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Lo schifo delle tv rubate da berlusconi…

… mandano in onda un film capolavoro di Fellini, alle 3 di notte, e lo storpiano con un’ora di pubblicità oscene; mandano in onda un film commovente di pomeriggio, e lo vomitano con le loro volgarissime pubblicità o con le televendite di varie zoccole come il frillo fatto becco dal fratello scemo paolo… Da sparare in bocca tutta la famigghia burlesquoni.

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Scuola, 200mila contro la Gelmini. Lai: “Solo vecchi slogan”°°° Brava, ridacci la vecchia scuola, stronza!

Scuola, 200mila contro la Gelmini

Il ministro: “Solo vecchi slogan”

I cortei città per città
http://www.repubblica.it/scuola/2010/11/17/news/protesta_scuola-9212321/

°°° Questa capra arrogante e ignorante continua a fare il gioco della P2 e della P3. La cosca vuole solo persone ignoranti da gestire con le sue televisioni di merda.

LA FAMIGGHIA

Famiglia-Berlusconi

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Dal porto delle nebbie berlusconiano

Concussione e corruzione
arrestati giudici e avvocati a Roma

Quattro dei cinque i fermi sono componenti di una stessa famiglia. I due avvocati avrebbero dato o promesso denaro al giudice Dionesalvi se questi avesse ritardato o non eseguito alcune transazioni immobiliari

ROMA – Un ex imprenditore edile, sua moglie e i due figli, entrambi avvocati, tutti residenti a Roma: sono quattro dei cinque arrestati dai carabinieri nelle ultime ore al termine di un’indagine che ha portato anche all’arresto di un giudice della Capitale.

Accusati di corruzione, concussione e altri reati, i cinque sono stati arrestati grazie a un’operazione condotta dai carabinieri della sezione di polizia giudiziaria della procura di Perugia. Gli atti d’indagine erano già stati vagliati dal procuratore di Roma, Giovanni Ferrara, che poi li ha poi trasmessi per competenza al capoluogo umbro.

I primi sospetti sono scaturiti da una denuncia dell’avvocatura generale dello Stato riguardo alcuni rapporti sospetti tra il ministero della Difesa e la ditta dell’imprenditore arrestato. Il magistrato arrestato si chiama Giovanni Dionesalvi ed è un giudice onorario che lavora presso il Tribunale civile. Gli altri fermi sono l’imprenditore Giampaolo Mascia, i suoi figli Vittorio e Gianmarco, entrambi avvocati, e la loro madre Piera Balconi.

Tutti sono accusati di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione. In particolare, i due avvocati avrebbero dato o promesso denaro al giudice Dionesalvi se questi avesse ritardato o non eseguito alcune transazioni immobiliari.

°°° Le cricche di ladrusconi sono nate come funghi dopo una bellapioggia e una giornata di solleone.

LA  FAMIGGHIA

famigghia3

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Stupri, Consulta choc: niente carcere per violenza sessuale e prostituzione minorile.

Stupri, Consulta choc:
«Carcere non obbligatorio»

La Corte Costituzionale cancella la norma che imponeva la detenzione in carcere per chi è indagato per violenza sessuale e prostituzione minorile.

°°° Quanto si vede che è infarcita di picciotti della P2 e della P3, eh?

LA  FAMIGGHIA

Famiglia-Berlusconi

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

L’ameba vitaiola

Anche Bondi si separa

bondi1

BONDI NUDO

bondi

Il fedelissimo di Silvio divorzia. E da almeno un anno fa coppia di fatto con la figlia di un costruttore di Novi Ligure. Eppure decise di aderire al Family Day cattolico del 12 maggio 2007

Poteva Sandro Bondi restare felicemente sposato mentre il suo leader, Silvio Berlusconi, deve affrontare le fatiche del divorzio

Continue reading

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Chissà se…

25 anni dopo, restituisce pietra del Colosseo
In un pacco dagli States, un pezzo di travertino: “Siamo pentiti di averlo fatto, fummo egoisti e superficiali”

°°° Chissà se silvio berlusconi, tra 25 anni, restituirà al popolo italiano e all’erario tutto ciò che ha rubato nella sua vita? Praticamente, tutto ciò che le sue famiglie (e le famigghie) possiedono.

bpinocc

ladro1

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Bruttiful: la farsa continua

(Repubblica.it)
Berlusconi: “Saremo durissimi
Lei vuol mettermi i figli contro”

La diciottenne Noemi sparisce da Facebook: “Dimenticatela”

*Nella prima telefonata ha subito scelto come difensore lo stesso Ghedini, assistito dalla sorella insigne divorzista. “Dobbiamo essere durissimi e inflessibili”, è stata la sua raccomandazione. Ma soprattutto si è messo immediatamente in moto per studiare tutte le possibili contromosse dal punto di vista della comunicazione.

*Un gelo che adesso non sembra essersi mai sciolto dopo la lettera inviata nel 2007 a Repubblica. “Siete solo voi – si lasciò scappare con un giornalista dello stesso quotidiano – che la descrivete come una santa”. Frase ripetuta in questi giorni. Con un interrogativo in più. “E se non si ferma qui?”. Il dubbio cioè che la battaglia mediatica impostata dalla Lario venga combattuta fino alla fine. Non più con lettere o mail ai giornali. Ma con interviste in tv. Con testimonianze nei programmi di approfondimento più pugnaci. Con resoconti di vita familiare ancora più dettagliati. Rischi che a Palazzo Grazioli stanno già valutando. Anche perché allo studio ci sono pure i risvolti più immediati. Una volta tornato a Villa San Martino le riunioni si sono concentrate sui timori che la “sintonia” instaurata con il paese venga incrinata. Sui rapporti con il Vaticano intaccati dal secondo divorzio. Sul suo tavolo c’è già uno studio che mette in bilico due milioni di voti “cattolici”. Potenziali elettori che potrebbero optare per il “non voto” alle prossime europee.

*Per non parlare di un’intesa sempre più traballante con Gianfranco Fini. I due avevano un appuntamento per giovedì scorso. Il premier lo ha annullato. E non a caso. Al presidente della Camera addossa una quota consistente di responsabilità per quel che sta accadendo. Secondo Berlusconi, l’editoriale contro il “velinismo” di “Fare Futuro”, la fondazione che fa capo proprio a Fini, è stato uno degli elementi che ha fatto scatenare la signora Lario. “Con Fini non ci parliamo più da tempo.

*Abbiamo problemi sulla Rai e su molto altro. Adesso poi.”. Questa, però, è probabilmente solo la prima puntata di una telenovela ancora molto lunga.

°°° Visto? Non gli frega un cazzo dei figli,o della famiglia, gli preme mo,to di più la FAMIGGHIA, i voti,il potere: per arraffare e per evitare la galera. VERME!

L’ULTIMA IMMAGINE DI SILVIO BERLUSCONI

b-porc1

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Annozero

L’indagata Todini e il servo sciocco porro, domestico del Giornale di famigghia, si arrampicano (more solito) sugli specchi, come fanno tutti i destronzi che NON HANNO ARGOMENTI. L’inceneritore di Acerra, vantato da porro insieme a quello di Rovigo, SONO STATI VOLUTI E FINANZIATI DAI GOVERNI PRODI! Ricordo perfettamente che quello di Rovigo – il più grande e avveniristico d’Europa – lo commissionò Bersani a una ditta spagnola e ne seguì i lavori settimana per settimana. Mafiolo, come al solito, non fa che inaugurare opere di cui non sa un cazzo e che nemmeno riesce a far funzionare! E poi vediamo lo scempio dei rifiuti tossici (che peima non c’erano), oltre alla monnezza, sparsi per le strade DOPO lo spot di silvio berlusconi… e qui mi fermo.

b-blabla8

berlusconi_ferroviere_carcerato

porro

todini01g

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Oggi si è avuta conferma

Amici, oggi siamo certi del perché abbiamo perso le elezioni. Ora, compravendita di voti e brogli a parte (certi e certificati entrambi), la verità è una sola: berlusconi usa le tv solo per la becera propaganda, per i soliloqui… eh, ma facendo così pure la mia verduraia prenderebbe più voti di lui! Però Mafiolo scappa come un coniglio dai confronti. Il mafionano è scappato a gambe levate dai confronti televisivi con veltroni, così come cappellacci è scappato dall’unico confronto televisivo – che egli stesso aveva invocato – con Soru. Questa è la verità elementare: questi vermi NON possono sostenere un confronto SERIO nemmeno con un bambino di terza elementare… ne verrebbero seppelliti! Oggi da Santoro c’erano due teste di… serie del padrone del vapore. Se avete visto il programma, immagino che stiate ancora ridendo o piangendo. L’eunuco, il latriniere del giornale di famigghia è stato lapidato a raffica da TUTTI! L’ex sindaco e sottosegretario, con la faccia da buttafuori sfigato del circolo delle bocce, frastornato come i primi avversari di Tyson, ha cercato di arrampicarsi sugli specchi, ma un amaro destino glieli sbriciolava man mano che lui arrancava. E questi sono i più duri! Figurarsi se il capataz, dopo anni e anni di prove fatte negli studi di merdaset, in bassa frequenza – con tanto di sparring partners, registi amici, trucco e parrucco, ecc. – manda i più scarsi proprio dai migliori giornalisti italiani! Una ennesima, grande, figura di merda dei destronzi. Prosit.

bdimissioni2

UNA BELLA IMMAGINE DI GIORDANO:

lingua

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter