Pene

Un giorno, il cervello, il cuore, e il pene si presentano all’ufficio pensioni. Il funzionario, inforca gli occhiali, legge il foglio sul tavolo e inizia l’appello: “Cervello si alzi e spieghi perché vuole andare in pensione”. E il cervello: “Sa, alla mia età comincio a non riuscire più a coordinare i movimenti del corpo, poi mi dimentico facilmente delle cose, etc….”.
“Cuore si alzi e spieghi perché vuole andare in pensione”. E il cuore: “Non riesco più a mantenere il ritmo, mi affatico subito, etc…”. “Pene si alzi e spieghi perché vuole andare in pensione”. E il pene: “Ma le pare che se potessi ancora alzarmi chiederei la pensione?!”.
(In realtà il pene è quello che merita la pensione più di tutti: perché è quello che ha versato di piu’…).

BIGAZZI

bigazzi

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Nudista morso sul pene da un ragno

Nudista morso sul pene da un ragno

Schiacciare un pisolino sulla spiaggia a contatto con la natura può giocare brutti scherzi: un turista canadase, in vacanza in Nuova Zelanda, è stato ricoverato in ospedale dopo essere stato morso sul pene da un ragno velenoso. Il giovane, 22 anni, dopo una salutare nuotata, aveva deciso di riposare al sole. Quando si è svegliato, si è ritrovato con le parti intime gonfie e arrossate e con una forte tachicardia. Secondo quanto riferito dal New Zealand Medical Journal, il ragazzo è stato morso da un ‘katipo’, un ragno raro che vive sulle spiagge neozelandesi, il cui veleno può essere fatale. Il giovane dovrà rimanere in ospedale per 16 giorni.

°°° Avendo una Mara o una Monica a portata di… pene, non ci sarebbe stato nessun bisogno di finire sui giornali.

COME SI RISOLVE IL PROBLEMA (una mia vecchia foto di gioventù, dopo il morso di un cobra con gli occhiali)

cobra

 

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

I bluff

Il governicchio degli incoscienti

Dopo l’ennesima tragedia dell’era burlesquoni: i morti di Viareggio, il regimetto ricorre ai soliti bluff. E’ lapalissiano che sia nei morti di Onna e l’Aquila che in quelli dimenticati di Nassirya, che in questi di Viareggio, ci sia lo zampino… lo ZAMPONE direi, di

Continue reading

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Sesso, ancora tabù

+ Pretende troppo sesso dalla moglie Condannato in Cassazione: è stupro

La Cassazione condanna un marito:
“Non esiste il diritto all’amplesso”

………………………………………………………………………………………………………..

Circolare della Asl ai medici che da anni tengono i corsi
negli istituti della città: e scoppia l’ennesima polemica
“Basta lezioni di sesso a scuola”
Diktat a Milano: troppo esplicite

di FRANCO VANNI

“Basta lezioni di sesso a scuola” Diktat a Milano: troppo esplicite
MILANO – La Asl vieta ai suoi operatori di fare educazione sessuale agli studenti sotto i sedici anni. Da ora potranno solo istruire mamme e insegnanti, a cui spetterà poi il compito di rispondere alle domande dei giovani. Una circolare, datata 18 giugno, cancella infatti gli incontri fra i ragazzi e gli esperti, chiamati da 30 anni a parlare alle classi senza la presenza dei professori.

Nel documento, la direzione dell’azienda sanitaria dispone che “non debbano essere ulteriormente svolte attività di educazione alla salute nelle istituzioni scolastiche che prevedano un rapporto diretto fra gli operatori e gli allievi delle scuole dell’obbligo”. E nelle scuole scoppia la protesta, per una decisione considerata “bigotta e inspiegabile”.

Una scuola media cittadina ha già scritto una lettera alla Asl in cui chiede spiegazioni, e almeno altri 11 istituti si preparano a farlo. Gli insegnanti sbottano: “Si vuole impedire che gli studenti sappiano troppo di profilattici, malattie e interruzione di gravidanza”. I professori da settembre continueranno a proiettare filmati sulla crescita e a dare descrizioni anatomiche di pene, vagina ed embrione. In più, dovranno rispondere alle domande – solitamente molto dirette – che i ragazzi fino a oggi hanno rivolto agli operatori Asl, sempre in forma anonima, tramite questionari. Nel documento si precisa infatti che “i destinatari diretti dei nostri interventi sono gli adulti (insegnanti e genitori)” e non i giovani, che sono “destinatari indiretti”. In pratica: l’operatore spiegherà alla professoressa o alla mamma come si mette un preservativo. La signora poi lo illustrerà al figlio sedicenne. “E’ assurdo – dice un’insegnante che da anni segue l’educazione sessuale – l’attività funzionava perché c’era un contatto diretto fra ragazzi e operatori, e questo aiutava a superare l’imbarazzo”.

La circolare disciplina pure le visite ai consultori. Anche in quel contesto, si legge, “non dovranno essere posti in essere momenti educativi diretti da parte degli operatori Asl”, che dovranno quindi fare da guide e basta. La circolare arriva dopo la polemica innescata dal settimanale “Tempi”, che il 5 maggio in un articolo titolato “Un innocuo sapore di fragola – il sesso chiedi e gusta spiegato ai ragazzini delle scuole medie”, nel descrivere le visite di una terza media in consultorio parlava di un progetto “calato dall’alto dall’Asl locale” che instillerebbe nello studente “un senso di onnipotenza negativo per la sua crescita e per chi gli sta intorno”. Detto fatto, progetto sparito. Per la cronaca: su 110 ragazzi che avevano partecipato all’incontro descritto da “Tempi”, 103 si erano poi detti soddisfatti e per nulla imbarazzati.
(26 giugno 2009)

°°° Non c’è nulla da fare: siamo ostaggio di una chiesa bandita e arrogante e di una ciurmaglia di depravati ipocriti. Ma come si permettono i corrotti/corruttori, pedofili, drogati, viziosi debosciati, di sindacare sulla vita nostra e dei nostri figli?

papa2

apicella4

papaccio

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Nerbate

Napoli, Roma e Palermo sembrano, per scritte sui muri e lordura nelle strade, più città africane che europee. In Oriente, fino a pochi mesi fa, chi deturpava le strade veniva punito con delle nerbate. Non voglio arrivare a tanto.
Silvio Berlusconi, 25 maggio


°°° Bene. Io invece voglio sapere quali pene sono previste per i trafficanti di droga e armi, per gli evasori fiscali, per i riciclatori di denaro della mafia, per i corruttori di giudici, per i corruttori di testimoni, per i corruttori di finanzieri, per chi deruba i suoi concittadini con l’aggiotaggio e l’insider trading, per chi truffa i risparmiatori e gli azionisti col falso in bilancio, per i pedofili, ecc…

b-polipo3

ber-galera4

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

DITEGGIATURA


DITEGGIATURA

Un contadino sorprende un commesso viaggiatore che fa l’amore colla sua figlia più giovane e, preso dall’ira, gli spara all’inguine con il suo fucile da caccia, riducendo il suo pene a un colabrodo. Il rappresentante, strillando per il dolore, scappa in città alla ricerca di un dottore. Ne trova uno, ma questi gli dice che non può fare nulla per lui.
“Oh, per favore faccia qualche cosa!!!” implora il ferito “Sono un uomo ricco e posso pagarla bene.”
“Spiacente, figliolo…” dice il dottore “Non c’è nulla che posso fare. C’è comunque un uomo, dall’altra parte della strada, che potrebbe aiutarla”.
“Davvero?! E’ uno specialista?” chiede il commesso.
E il dottore: “No! E’ un suonatore di flauto. Le insegnera’ come posizionare le dita per non pisciarsi tutta la faccia”.

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Cazzari!

Auto, rivoluzione per chi guida
pene più dure fino al carcere
Aumenti delle multe, fino a 15 anni di reclusione per alcol o droghe. Fondi per educazione nelle scuole. Fino a 21 anni il tasso consentito è zero. Più restrizioni per neopatentati, foglio rosa a 17 anni di V. BORGOMEO

°°° Come per la patente a punti… CAZZARI! Sono tutta chiacchiera e distintivo, ma i morti (anche) sulle strade aumentano e le macchine della polizia sono la metà di un anno fa e… senza benzina!!!
Pene più dure?” Mia sorella era tutta contenta: aveva letto PENE PIU’ DURO PER TUTTI…

bigazzi

pene

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter