I guasti orribili della lega e del mafionano: leggi razziste.

La supplente rispedita in Sicilia
Così ha voluto la Lega Nord

Una leggina toglie a molti insegnanti la cattedra nelle scuole delle regioni settentrionali. La norma voluta da un senatore del partito di Bossi è nascosta nel decreto “Milleproroghe”

di SALVO INTRAVAIA

La Lega rispedisce a casa Adriana e i suoi colleghi “terroni”. Dal prossimo anno scolastico, moltissimi supplenti siciliani non potranno più lavorare nelle scuole del Nord: una leggina li costringerà a rifare le valigie e a tornare a casa. Un dramma che investe, tra mille altri, anche Adriana, insegnante palermitana in servizio in un piccolo centro della Toscana. “Ormai la mia vita è qui – racconta – Nonostante i disagi di un clima difficile, mi piace molto lavorare nella mia scuola in mezzo al bosco”.

Dopo anni alla ricerca di una sistemazione, a 45 anni decide di fare le valigie per andare al Nord. In Sicilia non era stata certo con le mani in mano. Una decina d’anni fa aveva messo su una ditta di commercio all’ingrosso di supporti informatici, computer e materiale di cancelleria. “All’inizio le cose andavano bene. Fino a quando la grande distribuzione e la crisi non ci hanno messo in ginocchio, costringendoci a chiudere”.

Lei però non si scoraggia. Ricorda di avere l’abilitazione all’insegnamento e nella primavera del 2009 fa domanda di inserimento in graduatoria: a Palermo per quella “a esaurimento” e in provincia di Massa Carrara per le “code” e le graduatorie d’istituto. Passano pochi mesi e arriva la prima telefonata. “L’anno scorso ho lavorato da dicembre a giugno in una pluriclasse di scuola elementare – racconta – Quest’anno mi hanno nominato a settembre su sostegno e lavorerò fino a fine anno”.

In Lunigiana si trova bene. “Mettere su casa in un paesino di duecento abitanti – racconta – è stato naturale. Mi trovo bene con tutti: bambini, colleghe e gente del posto”. Di siciliani, nelle scuole del Nord, ce ne sono tanti. “Non sono andata via da Palermo perché la mia terra non mi piace, ma solo per trovare il lavoro. Ed essere costretta a tornare da una norma discriminatoria mi sembra una follia”.
Dopo diversi anni, Adriana pensava di avere finalmente trovato un equilibrio. “Ho potuto fare questo colpo di testa – spiega – perché non sono sposata e non ho figli, ma non è stato facile lasciare a 45 anni gli affetti e le amicizie. Ma cos’altro potevo fare?”.

E adesso? “Preferisco non pensarci: mi si prospetta il baratro”. Il meccanismo che la riporterà probabilmente a casa è complesso. Nel 2009 il ministro dell’Istruzione, Mariastella Gelmini, riapre le graduatorie provinciali dei supplenti, ma solo per l’aggiornamento del punteggio: non è possibile spostarsi da una provincia all’altra. L’unica chance è di inserirsi, oltre che nella propria graduatoria, anche in altre tre province, ma solo “in coda” e non “a pettine”, cioè col proprio punteggio. Per le graduatorie d’istituto, utilizzate per le supplenze brevi, c’è invece libertà di movimento su tutto il territorio nazionale. Per queste ultime, Adriana sceglie la Toscana e le va bene. Ma pochi giorni fa la Consulta dichiara illegittime le “code” perché violano il principio di uguaglianza tra i cittadini.

Il governo non sa che pesci prendere, ma al Senato nel frattempo è in discussione il decreto “Milleproroghe”. E un senatore della Lega, Mario Pittoni, non si fa sfuggire l’occasione. Propone un emendamento, approvato a Palazzo Madama con il voto di fiducia e ora in discussione alla Camera, che prevede il congelamento delle attuali graduatorie “a esaurimento” fino al 31 agosto 2012 e l’inserimento “a decorrere dall’anno scolastico 2011-2012″ nelle graduatorie di dieci-venti istituti, ma solo nella stessa provincia in cui ci si trova inseriti nelle liste “ad esaurimento”. Un combinato micidiale, che per Adriana e per migliaia di supplenti “emigrati” significa ritorno a casa e fine di tutti i sogni legati a un lavoro duraturo.

LA SERPE IN SENO

serpe

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Berlusconi mantiene le promesse… dello spettacolo con la quinta di seno.

Burlesquoni: “Mantenute mie promesse su Napoli”.

°°° Beh, se avesse promesso di inquinare tutta la Campania e di sommergere il napoletano sotto rifiuti pericolosissimi, compresi il parco del Vesuvio e i campi dove pascolavano le bufale, allora è stato di parola. Purtroppo sappiamo che non è così. Sappiamo che le uniche “promesse” che mantiene da sempre sono quelle zoccole decerebrate e stalentate del giro di lele mora e umilio fede. Burlesquoni NON ha MAI detto una sola verità in tutta la sua vita e tantomeno ha mantenuto la parola data. Speriamo che prometta di non andare mai in carcere…

ber.vattene

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Da Travaglio

Al Tappone & Topolanek

La tragicommedia di quest’uomo ridicolo, e al contempo pericoloso, che rischia di finire appeso non a un distributore di benzina, ma al suo pisello, è una formidabile cartina al tornasole per misurare la qualità degli uomini che hanno in mano la politica e l’informazione, cioè il Paese. Un paese dove nessuno fa più il suo mestiere. Un giornale, comicamente battezzato “Libero”, anziché fare le pulci al presidente del Consiglio, ne pubblica a puntate l’agiografia in apposite dispense da rilegare e intanto si dedica a demolire la povera Veronica, prima ritratta a seno nudo, poi sbattuta in prima pagina come fedifraga perché avrebbe “un compagno”. La lieve differenza è che il premier è un personaggio pubblico, mentre Veronica no, dunque ciò che fa lei è affar suo, mentre ciò che fa lui è affar nostro. Il fatto che la fonte dello “scoop” su Veronica sia l’onorevole Santanchè, appena rientrata all’ovile del Pdl dopo una stagione di sguaiate polemiche (“Silvio concepisce la donna solo in posizione orizzontale”, “io non gliela darei mai” e così via), aggiunge un tocco di eleganza e di disinteresse al tutto.

Altri giornalisti, Belpietro e Amadori di Panorama, entrano in contatto con un fotografo che offre foto del premier e della sua corte di nani e ballerine a Villa Certosa: essendo dipendenti del premier, i due non si limitano a scegliere se acquistarle o rifiutarle, ma optano per una terza soluzione: denunciano il fotoreporter all’avvocato Ghedini, che è anche parlamentare. E, siccome in quelle foto “non c’è nulla da nascondere”, Ghedini chiede alla Procura di Roma e al Garante della privacy di bloccarne la pubblicazione. Anche perché, oltre alle scenette lesbo di alcune squisite ospiti, ci sono pure le immagini del premier ceco Topolanek (non è un nome d’arte, si chiama proprio così) nudo come un verme tra cotante femmine: immagini che potrebbero sconsigliare altri capi di Stato e di governo dal frequentare ancora la dimora berlusconica. Ma, a questo punto, il meglio lo dà la Procura di Roma, che di sabato mattina, non avendo di meglio da fare (giustizia a orologeria?), incrimina il fotografo à la carte, lo fa perquisire, gli fa sequestrare tutto ciò che ha nei computer, con accuse che vanno dalla violazione dalla privacy (tutta da dimostrare, visto che le foto nessuno le ha viste) alla tentata truffa ai danni di Belpietro (come se trattare con un giornale per vendere foto fosse una truffa; e poi, dov’è la denuncia di Belpietro?).

Naturalmente Roma non è competente su fatti avvenuti a Olbia, sotto la giurisdizione della Procura di Tempio Pausania. Che però ha già chiesto l’archiviazione per lo stesso fotografo su fatti analoghi: le foto del festino a Villa Certosa di due anni fa, pubblicate da “Oggi”. Dunque, se si occupasse anche di questo caso, deciderebbe allo stesso modo. Un solo fatto, in questa tragicommedia, sarebbe competenza di Roma: l’uso di aerei di Stato per aviotrasportare Apicella, orchestrali e ballerine di flamenco dalla Capitale a Villa Certosa. Si chiamerebbe peculato, la prova è nelle foto sequestrate, ma non risultano indagini in tal senso. Ecco: alla fine della fiera, il delinquente è il fotografo.

(Vignetta di Natangelo)

scan10183_web


IL TROIAIO DI BERLUSCONI

pina_lina_nina

compleanno-privato-con-amica4

marina

noemi

sniffa

lea

apicella

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter