#Fosforo, a futura memoria. “Il sacco di Roma: come Lega e Movimento 5 Stelle stanno distruggendo la Capitale”

Agnese Rapicetta @rapicettola · 15 aprile 2019
Il sacco di Roma: come Lega e Movimento 5 Stelle stanno distruggendo la Capitale
Focus


Quello che fino a pochi anni era impensabile, cioè un leghista seduto sullo scranno più alto del Campidoglio, potrebbe non essere un’opzione così fuori dal mondo.
Come se Roma non avesse già tanti problemi. Come si i cittadini non fossero già esasperati e costretti a vedere il tracollo della propria città tra metro chiuse, traffico, buche ed incuria generalizzata. Ora ci si aggiungono anche le scaramucce tra la sindaca e il ministro dell’Interno.

Tutta una sceneggiata, badate bene. Della città non interessa niente a nessuno dei due, è solo un gioco di potere. A Roma si ripropone lo schema a cui siamo costretti a livello nazionale con i due partiti di governo, alleati e fedelissimi l’un l’altro, che fanno finta di non andare d’accordo per guadagnare un pò più di consenso in vista delle elezioni europee. Ma tra i botta e risposta ci sono sempre loro, i cittadini romani, che sornioni continuano ad ingoiare qualsiasi cosa, ignari o rassegnati ad un futuro che potrebbe prendere i contorni sempre più neri.

Quello che fino a pochi anni era impensabile, cioè un leghista seduto sullo scranno più alto del Campidoglio, potrebbe non essere un’opzione così fuori dal mondo. I primi a meravigliarsi sono proprio i leghisti a cui Salvini si è rivolto sicuro di sè: “Perché vi stupite tanto? Su Roma è solo l’inizio, abbiamo appena cominciato” dice rivolgendosi ai dirigenti della Lega Lazio riuniti “fin lì in una anonima conferenza”.

E così sui sui giornali di oggi si legge che l’assalto leghista al Colle del Campidoglio comincia a venire visto come un vero pericolo dal Movimento 5 Stelle ( e non solo) che, attraverso le parole di Francesco Silvestri, “l’ufficiale di collegamento tra Virginia Raggi e il Movimento”, in un’intervista a la Repubblica dice: “I romani non sono stupidi. Si ricordano bene quello che la Lega ha fatto in questa città: dagli insulti all’apertura dei campi Rom con Maroni e Alemanno. La propaganda non passerà. (…) Con questi argomenti, con questi consiglieri? Temo che porterà le truppe fuori dal Raccordo….”. In un altro articolo, lo stesso giornale segnala la strategia di conquista della Lega nel voler “mettere radici nella capitale” attraverso una rete che mette insieme “sindacalisti di destra e ultracattolici” e che passa per “la palestra in cui si sono formati, l’Ugl”, il sindacato storico del vecchio Msi. Insomma la destra più nera che a Roma non ha mai sfondato.

In questi tempi così contorti e confusionari, Roma si merita davvero anche questo?

Al di là delle finte schermaglie su ‘monnezza e città sporca, la strategia di Salvini, secondo Il Messaggero, guarda anche oltre: “Rispunta la proposta della città-regione autonoma che vuol fare diventare Roma come il Veneto e la Lombardia che sgomitano per emanciparsi dallo Stato centrale con la controversa legge Spacca-Italia. Introducendo nel ‘club’ anche la Capitale. (…) Ieri ha parlato di ridisegnare i confini della città e ha rilanciato anche l’indipendenza di Ostia, che secondo lui dovrebbe essere scorporata da Roma”. Quanto a Raggi, al quotidiano della capitale la Sindaca dichiara, minimizzando: “Lo ripeto: a me non interessa litigare. Quando mi incontro o mi sento con il ministro si dimostra disponibile. Collaborare è anche nel suo interesse. Le scaramucce fanno parte del gioco politico e mediatico. (…) Io voglio pensare alla città e a una sana interlocuzione con il ministro dell’Interno”.

“La Lega di Salvini, alleato di governo dei Cinque Stelle, è contro Roma. Lo era prima quando urlava Roma ladrona, lo è oggi con la sua idea di autonomia che vuole colpire la Capitale, lo sarà domani e sempre. Salvini e la Raggi litigano tutti i giorni, ma continuano essere alleati a livello di Governo. È una situazione paradossale. Entrambi la smettano di fare politica sulle spalle dei romani e comincino a governare nell’interesse dei cittadini invece di distruggere Roma”, dice il Pd romano.

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Lascia un Commento