Un ministro berlusconiano cretino che farà aumentare stupri, aggressioni e scippi, nelle città al buio.

Ieri sera in tv un ministro, cretino e berlusconiano, ha detto che le città al buio “sono bellissime e si potranno vedere di nuovo le stelle“. Sì, le stelle per le mazzate della microcriminalità che si impadronirà ancora di più delle strade! Vedrete che aumento di stupri e di coprifuoco.

ECCE STOLTUS, si chiama barca.

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

L’inizio della fine

Ieri è andato a puttane  tutto il reality  fasullo, costruito pazientemente in quasi 20 anni con aggressioni e falsità –  corruzioni e misfatti, dal mafionano silvio berlusconi. Ieri in Piazza del Popolo e zone limitrofe c’era  l’Italia VERA, l’Italia colta, onesta e informata. L’Italia occidentale e

Continue reading

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

L’ITALIA è una Repubblica…

… FONDATA SULLE CORNA?


Chiama il 113: “Ho un ladro in casa”
ma l’intruso è l’amante di sua moglie

Una storia che ha messo in subbuglio l’università di Pavia, una delle più antiche e prestigiose d’Italia, perché i protagonisti sono due docenti e un assistente dell’ateneo. In città e nell’ambiente accademico è cominciata la caccia ai nomi. Ma per il momento di noto e confermato c’è solo il rapporto dei poliziotti
Quando rientrando in casa all’improvviso ha visto la sagoma di un uomo sgusciare tra i corridoi di casa, non ha avuto dubbi. Convinto che fosse un ladro ha chiamato subito il 113, ma all’arrivo di una volante l’imbarazzante scoperta: non c’era alcun tentativo di furto, ma l’intruso era l’amante della moglie accolto nel suo letto appena il marito era uscito. Una storia che ha messo in subbuglio l’università di Pavia, una delle più antiche e prestigiose d’Italia, perché i protagonisti sono due docenti e un assistente dell’ateneo. In città e nell’ambiente accademico è cominciata la caccia ai nomi. Ma per il momento di noto e confermato c’è solo il rapporto dei poliziotti che non hanno potuto fare a meno di stendere la relazione del loro intervento.

Sono le 8 del mattino di alcuni giorni fa quando il docente esce da casa per recarsi all’Università. La moglie, pure lei docente, resta a letto. Quel giorno non ha né corsi né esami. Il professor si incammina verso l’ateneo, ma dopo qualche centinaio di metri si accorge di aver dimenticato qualcosa a casa (pare le chiavi della sua scrivania). Non è neppure passata mezz’ora e, convinto che la moglie stia ancora dormendo, rientra silenziosamente. Nel buio vede un’ombra furtiva nel corridoio. La sagoma cerca una via di fuga, ma l’accesso verso la porta di casa è sbarrato dal docente. Allora si infila in una stanza e si chiude a chiave.

Con il cellulare in mano digitando il 113, il professore corre preoccupato in camera da letto, ma la moglie sembra tranquillamente addormentata. La volante nel frattempo è arrivata. I poliziotti salgono in casa, intimano all’intruso di uscire dalla stanza in cui si è rifugiato. Ed ecco la sorpresa: il ladro è un assistente che il docente conosce bene. Pare anche sia seminudo e questo particolare non lascia più dubbi. Si è alzata anche la donna, l’atmosfera è talmente turbata, i volti così pallidi che nessuno sa dove guardare. “Vi prego di scusarmi”, dice il docente ai poliziotti. Gli agenti fanno il loro lavoro, prendono le generalità di tutti ed escono. Nella relazione accennano semplicemente a un equivoco: un falso allarme, insomma. Quello che si sono detti dopo marito e moglie non è più materia da verbale di polizia.

cornuti

cornuto1

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Idioti impotenti e pericolosi

EMERGENZA IMMIGRATI
L’Onu replica a La Russa

E Fini: no a scontri elettorali

14:55 POLITICA L’Alto commissariato per i rifugiati reagisce al ministro: «Attacchi inaccettabili. Fiducia nella Boldrini, andremo avanti». Ma il ministro non molla: «Sbagliano». Il Pd: «Ottusità». Nuovo richiamo del presidente della Camera

°°° E poi sono io che esagero… Questi dementi, ragazzi, sono pericolosi: si stanno mettendo e CI stanno mettendo contro tutto il mondo civile! Queste merdine inutili – CHE HANNO CREATO IL PROBLEMA CON QUELLA STRONZATA DELLA BOSSI-FINI – sono ancora al far west… “ARRIVANO I NOSTRI?!” MA QUALI? mA DOVE, se non hanno nemmeno le divise, le scarpe, e la benzina?!!! Queste sono quelle merde che ti aspettano fuori dal saloon e ti sparano al buio, alle spalle!

sicu_big

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter