Cancellare la concussione? Il premier Monti non avalli questa porcata

Massimo Fini denuncia: il reato per cui è imputato Silvio Berlusconi davanti al tribunale di Milano potrebbe essere scorporato in due fattispecie: estorsione e corruzione. Se il presidente del Consiglio non interverrà per fermare questa nuova legge ad-personam, non perderà l’appoggio del Pdl, ma verrà meno la fiducia degli italiani

Il governo Monti ci ha chiesto pesanti sacrifici, resisi necessari dopo trent’anni di dissennata politica clientelare e di corruzione sistematica (la sola prima Tangentopoli ci è costata 630 mila miliardi di lire, un
Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Le truffe di Berlusconi

Quattro miliardi per la Sicilia

Berlusconi: stop partito del Sud
Via libera del Cipe ai Fas promessi dal premier nel vertice con i “ribelli” siciliani. Oggi il consiglio dei ministri che ratifica il decreto correttivo alla manovra

*** CIPE: FINOCCHIARO, FONDI? GOVERNO TRUFFA CITTADINI

“Stiamo assistendo a una farsa. Sulla vicenda delle risorse per il Sud si sta giocando una grande truffa alle spalle dei cittadini delle

Continue reading

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

UNNI

Fiducia sulla sicurezza, un altro schiaffo al Parlamento

Voto di fiducia per la legge sulla sicurezza, voto di fiducia per la legge sulle intercettazioni. E’ un baratto in piena regola tra Berlusconi e la Lega, ancora una volta sulle spalle del Parlamento. Il Consiglio dei ministri dà il via libera con uno stringato comunicato. Poi il ministro dell’Interno, Roberto Maroni, annuncia soddisfatto che “è finita una telenovela”. La Lega può tirare un sospiro di sollievo: con tutti i dissensi e le contrarietà anche nella maggioranza sui temi più caldi del provvedimento – dalle ronde alla detenzione di sei mesi dei clandestini nei Cie – un voto libero del Parlamento rischiava di riservare amare sorprese per il provvedimento tanto inseguito dal partito di Bossi. Il voto di fiducia azzera i pericoli: e poco importa se il Parlamento riceverà l’ennesimo schiaffo e se gli appelli del presidente Napolitano cadranno nel vuoto.

Un fatto normale lo definisce Umberto Bossi nell’annunciare che la fiducia sarà posta oggi alla Camera e che sarà votata domani.

Il ricorso alla fiducia avviene “per imbrigliare una maggioranza che ogni volta che può esprimersi con voto segreto contraddice le scelte del governo”. E’ il commento di Massimo D’Alema commentando a Montecitorio la decisione del governo di porre la
fiducia sul ddl sulla sicurezza. Secondo D’Alema, “tra decreti e fiducia il Parlamento non è messo nelle condizioni di svolgere il suo ruolo. È grave – conclude – il ricorso al voto di fiducia su un provvedimento di questo tipo”.

Dello stesso tenore tutte le reazioni dell’opposizione. “Appena c’è un voto segreto vanno sotto. La maggioranza va sotto e usano la fiducia per tenerla unita con la forza», afferma il segretario del Pd, Dario Franceschini. E Anna Finocchiaro, presidente dei senatori del Pd: “La decisione di porre l’ennesima fiducia, tra l’altro su un provvedimento che riguarda la sicurezza dei cittadini, dimostra la fragilità di questa maggioranza e conferma che il Parlamento non può svolgere la sua funzione”. Lo afferma Anna
Finocchiaro, presidente del gruppo Pd a palazzo Madama. “Purtroppo assistiamo impotenti a questo ulteriore colpo di mano. Noi continuiamo a denunciarlo ma sarebbe ora che lo facessero anche i tanti osservatori e commentatori che lodano quotidianamente il comportamento, la compattezza e la forza di questa maggioranza. La verità -conclude la Finocchiaro- è che
senza fiducia non stanno in piedi, altro che coerenza con le priorità dell’ azione di governo!”.
Commenta il leader Idv Antonio Di Pietro:”Il piano sulla sicurezza è un piano repressivo, che non prevede un euro in più per la sicurezza. I poliziotti rincorrono delinquenti mettendo di tasca propria la benzina alle auto e mio figlio che fa il poliziotto ed è aumentato di cinque chili non ha nemmeno i pantaloni da mettere. Altro che legge sulla sicurezza”.

°°° Insomma, amici miei, queste merde stanno divellendo TUTTI I DIRITTI conquistati in 60 anni di lotte. Così, senza pensarci e in pochi mesi. Cosa resterà di questa italietta se non li fermiamo in tempo? Sono peggio degli Unni. Unn’e mammarua!!!

unno

unni1

IL GOVERNICCHIO/REGIMETTO BURLESQUONI

berlusconi

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter