Schifezza-schifani risentito contro Monti per il discorso di fine anno. Lui era abituato a tutt’altro “stile”.

Quanto ci mancano le corna, i CUCU’ alla Merkel, o le telefonate con Del noce per salvare Simona Ventura e l’Isola dei famosi (salvo poi mentire e delirare di una conversazione – mai avvenuta – col premier turco) ai vertici internazionali, mentre gli statisti veri aspettavano scoglionati il gangster di hardcore? Oppure l’editto bulgaro che ci sputtanò in tutto il mondo? E quanto ci mancano i viaggi milionari con gli aerei di stato per scarrozzare zoccole e faccendieri, vedi il viaggio in Brasile  con l’amico Lavitola o i viaggi col troiaio al completo per Olbia -Porto Rotondo?

Quanto garbo nelle parole vomitate contro la Costituzione, la magistratura, le istituzioni, e persino contro quella “culona inchiavabile” della signora Merkel…Per non parlare  della generosità di chi ha sacrificato se stesso pur di non compromettere i rapporti con l’Egitto e con la famiglia Mubarak.

Queste Si che erano azioni e parole degne di uno statista, espresse sempre con il dovuto senso delle istituzioni e nelle sedi opportune. Come dare torto al povero Schifani?

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Mafia, il pentito Lo Verso: “Il boss Mandalà mi disse ‘abbiamo nelle mani Schifani’”

Mafia, il pentito Lo Verso: “Il boss Mandalà
mi disse ‘abbiamo nelle mani Schifani’”

Il collaboratore di giustizia ha ripercorso ciò che successe dopo le stragi di mafia del ’92 e ha tirato in ballo vari esponenti politici di primo livello, tra cui il senatore Marcello Dell’Utri, secondo cui l’ex boss “non merita altro che una risata”

Il senatore mafioso Marcello Dell’Utri

“Non merita altro che una risata”. Marcello Dell’Utri ha risposto così, a distanza, alle accuse dell’ex boss di Ficarazzi, Stefano Lo Verso, che oggi ha testimoniato al processo Mori di Palermo. “Nicola Mandalà (boss mafioso ndr) mi disse che avevamo nelle mani Renato Schifani, Marcello Dell’Utri, Totò Cuffaro e Saverio Romano” ha detto davanti ai giudici il pentito di mafia, che poi ha spiegato: “Mandalà mi disse di stare tranquillo, perché eravamo coperti sia a livello nazionale che a livello locale. A livello nazionale con Schifani, che era collega di suo padre. A livello locale con Cuffaro e Romano”. Nel corso della sua deposizione che

Continue reading

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Io sto con i contestatori

Festa Pd, i grillini contro Schifani
Napolitano: “Deploro intimidatoria gazzarra”

Il presidente del Senato:1) “Siete un esempio di antidemocrazia”. L’assalto” al grido di 2)”fuori la mafia dallo Stato”. L’ex segretario Ds: 3) “Squadristi, come quelli dei pullman a Fini”. Solidarietà e rammarico anche da Bersani: “ll dibattito politico più aspro, deve segnare un confine con la prepotenza”. Cicchitto: 4)“Clima infame

http://www.repubblica.it/politica/2010/09/04/news/festa_pd_i_grillini_contro_schifani_il_presidente_del_senato_antidemocratici-6760288/?ref=HREA-1

1) detto da un mafioso antidemocratico e servile è musica per le mie orecchie.

2) credo che questo sarà lo slogan da ora alla cacciata del mafionano

3) e se fassino se ne andasse a cagare, insieme ai veltroni, d’alema, ecc.?

4) cicchitto, lercio piduista e ladro, ancora parla?

b.facciadaculo

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Schifezza schifani e i motivi veri della pace con Bossi

ber-mafiosoQuelle ombre su Schifani

di Lirio Abbate

Dice il pentito Spatuzza che il presidente del Senato, in passato legale di boss, avrebbe fatto da tramite tra i Graviano e Berlusconi. I pm cercano riscontri

Ci sono ombre inquietanti che si dipanano nel passato del presidente del Senato Renato Schifani. Eda questa oscurità sembrano spuntare di tanto in tanto spettri che avvolgono la vita personale e professionale degli ultimi trent’anni dell’avvocato e senatore eletto nel collegio siciliano di Altofonte- Corleone sotto l’insegna di Silvio Berlusconi. Su questo passato ancora poco chiaro il leader dell’Italia dei Valori, Antonio Di Pietro, è stato molto preciso: «Sappiamo che, secondo molti testimoni, l’avvocato Schifani aveva rapporti con ambienti pericolosi. E il suo ruolo andava ben oltre la semplice assistenza legale. Sono ombre che non lasciano tranquilli».

Sgomberare le ombre misteriose e parecchio aggressive che

Continue reading

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter