Vespa e gli addii alle merde: l’omuncolo non serve nemmeno come scopino del wc

Amarcord e patetismo, così Vespa
saluta gli ex ministri e il governo

Nella tempesta economico-politica che in pochi giorni ha costretto alle dimissioni Berlusconi e portato a Palazzo Chigi un nuovo esecutivo, quasi ci si era dimenticati di Bruno Vespa, dei suoi titoli sulla tenuta della maggioranza, dei suoi servizi sulle magnifiche sorti e progressive di Berlusconi – mandati in onda anche a pochi giorni della caduta dell’amato Cavaliere.

A guardare il suo Porta a Porta post-Berlusconi si possono persino leggere i sentimenti con i quali ha affrontato la crisi il “proprietario” della “terza camera” del parlamento italiano. Amarcord, innanzitutto, struggimento, malinconia. Il video che state vedendo ne è forse l’esempio più riuscito – riuscito per Vespa, s’intende. E non è un caso che il web (con in testa il blogger “nonleggerlo.blogspot.com”) l’abbia nominato il suo maggior capolavoro di sempre.

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Lascia un Commento