Tutti i disastri di Alemanno. Atac, neve, parentopoli…

Un alfabeto come filo rosso attorno al Campidoglio durante il “regno” del centrodestra: “Il libro nero di Alemanno. Dalla A alla Z tutti i disastri del sindaco di Roma” di Ella Baffoni (Rx Castelvecchi editore), giornalista de l’Unità.
«A» come «Atac, Ama, Acea» ovvero la Parentopoli che ha scandalizzato la capitale. «M» come «Mondiali di nuoto», uno scandalo che è arrivato fino in tribunale, strutture incompiute e milioni di euro buttati. «N» come «Neve», l’emergenza che ha messo in ginocchio Roma. «O» di «Olimpiadi 2020»: la proposta di un progetto a costo zero che non ha convinto, e che il governo ha cancellato. Ma anche l’urbanistica, il via libera ai costruttori, e il tempo perduto – con i relativi soldi – per le opere già iniziate, dalla Metro C alla Nuvola di Fuksas. Quando il centrodestra entrò di nuovo in Campidoglio, nel 2008, molti gli concessero un’apertura di credito, nonostante i saluti romani e la sguaiataggine della festa. Ora anche gli ex camerati – come Storace – prendono le distanze.

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Lascia un commento