Protezione civile: “siamo alla paralisi”.Parlatene al nano e a Bertoladro che si sono rubati tutto.

E hanno ucciso centinaia di persone. Io mica mi sono dimenticato del giovane sismologo che aveva dato l’allarme e che loro hanno minacciato di querela per PROCURATO ALLARME. Voi ve lo ricordate?

Il cacciatore di terremoti

I terremoti si possono prevedere. Gli studi di molti ricercatori in tutto il mondoconvergono. La sperimentazione è ormai matura. Ma questo è il paese delle contraddizioni, dei paradossi, delle poltrone da tenersi strette, del business che viene prima di tutto. E’ il paese dei conti cinici e sommari fatti sulla pelle degli altri: in fondo, quanto costano trecento morti? Di meno rispetto a quanto ci vuole per mantenere in piedi un apparato in grado di proteggerli. Quindi…
E dire che proprio a L’Aquila, dove vive e lavora il Cacciatore di Terremoti, il piccolo grande uomo che li ha fregati tutti, sviluppando la tecnica più avanzata e funzionale disponibile al mondo, si è verificato il disastro annunciato più sconcertante di tutti.

Su quale altare sono state sacrificate le vite di tanta gente? Di chi erano gli interessi da tutelare? Chi ha preso la decisione di azzittire Giampaolo Giuliani con una querela per procurato allarme, quando lui non disse mai le cose che gli furono imputate? Chi ha sulla coscienza centinaia di corpi travolti dalle macerie o decedeuti persoffocamento nell’aria satura di polveri di gesso e calce? Chi dice che i terremoti non si possono prevedere? Per quali interessi lo fa?

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Lascia un commento