Forum è un programma mio, come Striscia e una decina di altri format RUBATI!

Poco fa a TVTalk hanno ribadito ufficialmente che FORUM è un format di merdaset venduto in tutto il mondo. Ripeto per i più distratti che Forum, insieme ad altre decine di progetti televisivi da me inventati, alcuni col mio socio Filigheddu, furono da me portati alla fine del 1979 al direttore di Rai-Terza Rete  su invito del consigliere d’amministrazione Rai, senatore Pirastu, che li aveva trovati tutti interessantissimi e innovativi. L’ anno dopo, lo stesso Fuscagni passò a fare il direttore generale alla fininvest per una vagonata di miliardi e SI PORTO’  DIETRO ANCHE PARECCHI FORMAT MIEI!

Forum lo avevo mutuato da una rubrica de LA SETTIMANA ENIGMISTICA che esiste ancora adesso e si intitola SE VOI FOSTE IL GIUDICE. Così come Striscia la notizia non è altro che il mio TELEGIORNALE DELLA PERA, sketch che scrivevo e recitavo dal 1974 nei teatri, nelle radio (compresa Radio Uno nel programma top VIA ASIAGO TENDA), nonché alla televisione nella syndacation VIDEO UNO di Roma. Ecco perché, secondo i conti di alcuni avvocati infedeli (SI FECERO CORROMPERE), silvio berlusconi mi deve oltre 300 milioni di euro.

b-manette

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Ammanettato

Scarrellando col telecomando ho beccato un programma mio a raiuno, copiato da Forum, che è mio… e poi a “vendolina” un altro programma MIO, che proposi circa 30 anni fa, da far condurre al un mio amico e allievo: Giorgio Ferrari. Giorgio, bella voce rotonda e ottima dizione. Ora gestisce un cinema a Cagliari e noleggia film. Chi ti vedo a distruggere una bella idea? Uno dei “malati di mente” che si spaccia per “attore” e che fa parte di un’intera famiglia che si spaccia come “famiglia d’arte”, manco fossero i De Filippo o i Gassman! Questo è, amici miei. Un cretino senza talento né èersonalità, però “ammanettato molto in alto” fa e disfa in ambiti che non conosce. Benvenuti in Sardistan.

FAMIGLIE D’ARTE SARDE

deficienti

famigghia1

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Roma, città solare?

Roma, 11:13
ROMA: ALEMANNO, A SETTEMBRE PRONTI CON “CITTA’ SOLARE”

“A settembre saremo pronti ad avviare un primo ragionamento su ‘Roma Citta’ solare’: c’e’ la possibilita’ di fare un grande investimento sull’energia fotovoltaica. Anche l’Unione industriali di Roma si e’ mossa su questo versante e occorre un progetto condiviso per utilizzare il piu’ possibile le fonti energetiche alternative”. Lo ha detto il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, intervenendo al Sustainability International Fourm promosso dalla P&G Alumni. Secondo il sindaco, sul tema delle energie rinnovabili “occorre un cambio di paradigma altrimenti la correzione e’ praticamente impossibile. Piccoli interventi non inciderebbero in una realta’ cosi’ grande come Roma”.

°°° Se fosse vero, un applauso ad Alemanno: sarebbe la prima cosa buona che farebbe per Roma. Ma, conoscendo la sua cricca di inetti, ho paura che sarà “solare” nel senso di sòla

inverno

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Silvio, potresti andare a cagare?

Secondo un sondaggio presentato al Forum «QualEnergia» di Roma
Energia: agli italiani piace rinnovabile
Gradimento dell’ 80% per il solare ed eolico. Al nucleare, ritenuto «pericoloso e costoso» solo il 14%

ROMA – E’ il mix formato da energia solare più eolica quello che sta nel cuore degli italiani: l’80% di un campione rappresentativo della popolazione nazionale vorrebbe che fosse la fonte principale con cui produrre l’elettricità. Solo il 14% opta per il nucleare, di cui tanto si parla in questi mesi a causa del progettato rilancio da parte del governo. Questi dati, presentati al Forum Qual Energia, promosso a Roma da Legambiente e dal Kyoto Club, sono il frutto di una ricerca condotta da Lorien Consulting, un gruppo specializzato in indagini socio-economiche e del mensile La Nuova Ecologia. Dal nuovo sondaggio emerge una fotografia dell’Italia molto consapevole e informata sulle questioni energetico-ambientali che, per il 68,7% degli intervistati, rappresentano i problemi più rilevanti rispetto ad altri, come il rischio del terrorismo (22,1%) o la casa (4,9%). Sul nucleare in particolare emerge che più del 60% degli intervistati lo considera pericoloso e costoso e preferirebbe evitarlo.

DISPOSTI A PAGARE DI PIÙ - Ma il dato forse più significato emerso dall’indagine è quello relativo ai sacrifici che gli italiani sono disposti ad affrontare pur di garantirsi in futuro ambientale e dei sistemi di produzione energetici puliti. «Anche in tempi in cui si tende a diminuire il budget quotidiano (37,7% degli intervistati), gli italiani dichiarano un’aperta disponibilità a pagare di più per garantirsi energie pulite e sostenibili», ha riferito Antonio Valente, amministratore delegato di Lorien Consulting . Anche secondo il presidente di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza lo scarso indice di gradimento del nucleare dovrebbe fare riflettere: «Nonostante la recente pressione mediatica, la stragrande maggioranza del campione intervistato, a prescindere da fattori anagrafici, socio-economici e di appartenenza politica, definisce l’energia nucleare cara e pericolosa, e privilegia le fonti rinnovabili. Solo una minoranza (14%) indica il nucleare come fonte da preferire; una minoranza che, di fronte all’ipotesi di abitare vicino a una centrale o a un deposito di scorie radioattive, avrebbe comunque seri dubbi».

LE PERCENTUALI – Il Forum QualEnergia, giunto quest’anno al secondo appuntamento, propone tra i temi la crisi economica e gli stili di vita sostenibili e, nei propositi degli organizzatori, vuole essere un’occasione per dare una risposta ai problemi energetici: dai cambiamenti climatici ai limiti delle risorse. La crescente attenzione degli italiani per le energie rinnovabili è anche il tema di un rapporto presentato dalla Fondazione Sviluppo sostenibile presieduta dall’ex ministro dell’Ambiente Edo Ronchi, secondo cui, entro il 2020, un kilowattora su tre (pari al 33%) dell’ energia elettrica può essere prodotto utilizzando fonti energetiche rinnovabili. «L’attuale obiettivo di produrre entro il 2020 solo un kilowattora su quattro, pari al 25%, di energia elettrica utilizzando fonti energetiche rinnovabili –sostiene Ronchi – sarebbe infatti un freno alla crescita del solare, dell’eolico e delle biomasse: si può fare di più». Il 33% di rinnovabili, che corrisponde a 108 terawattora (Twh) di produzione nazionale al 2020 (partendo dai 58 prodotti nel 2008) comporta l’obiettivo di 50 nuovi TWh rinnovabili da produrre entro il 2020. Tale obiettivo è impegnativo ma, secondo la Fondazione Sviluppo Sostenibile, raggiungibile nel modo seguente: 22 Twh di nuovo eolico, 11 Twh di nuove biomasse e biogas, 7 Twh di nuovo solare, 5 Twh di nuovo idroelettrico.

Franco Foresta Martin
27 maggio 2009

°°° Come dire… silvio berlusconi e claudio scajola, ANDATEVELA A PRENDERE NEL CULO!

berlusconi-via2

sbattimilafaccia

scajola-nucleare

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Non ci credo!

Già burlesquoni mi ha fottuto 300 milioni di euro di diritti d’autore (a parte altrettanti di cachet e contratti), ma SI RIVENDE pure i MIEI FORMAT alla Rai e all’estero!!! Ho visto “Forum”, che è un’idea mia (portata alla Rai nel 1978/’79′/80 a diversi dirigenti, alcuni poi passati a Fininvest, tipo Fuscagni)… alla tv russa e ora l’ho appena visto a Raiuno!!! Presentato da una dalle vacche di giro della bassa macelleria di questa destra puttana e intitolato “Verdetto finale“. MA E’ ROBA MIA, CAZZO!!!
Io l’ho copiata a mia volta da La SETTIMANA ENIGMISTICA (Se voi foste il giudice), credo nel 1974. La volevo fare alla radio, ma mi resi subito conto che non avrebbe funzionato come in televisione. In quel periodo studiavo legge, da autodidatta, e passavo tre mattine su sette in tribunale ad assistere ai processi. Detto questo, IO ho pensato di farne un format!!! Non esisteva prima! L’avrò riscritto duecento volte. Ne ho portato almeno dieci versioni solo alla Rai-Radiotelevisione Italiana. L’ho dato a Voglino, Fuscagni, Salvi… ho portato progetti di due cartelle e altri di 25 cartelle, con vere e proprie sceneggiature come esempio. Conservo ancora le fotocopie fatte alla Rai di viale Mazzini con RAI stampigliato sopra ogni foglio! Ma mi possono girare i coglioni, quando io e la mia famiglia siamo qui a morire di fame, e queste merde si fottono il mio presente e il futuro dei miei figli?!
E non parlo di Striscia la notizia, di Alle falde del Kilimangiaro, di almeno tre programmi di Gerry Scotti, ecc. TUTTA ROBA MIA! Scusate lo sfogo, amici. Ma voglio gridare ancora una volta SILVIO BERLUSCONI SEI UN LADROOOOOOOOOOOOOO!!!

berlusconi-ladro1

berlusconi-ladro

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Da Vittorio Zucconi

zucconi

In termini eleganti e processuali, quello che è stato detto nell’oscena puntata, si chiama “blame the victim”, colpevolizzare la vittima, genere della ragazza violentata che “se l’era cercata”, perchè girava in minigonna. In termini più nazional popolari, la signora Berlusconi, che ora dovrebbe scusarsi con il marito dopo essere stata umiliata in pubblico dall’attempato gallinaro, è la classica “cornuta e mazziata”. Magnifico e solenne esempio dato agli uomini italiani di come “the first husband”, il primo marito e l’uomo più popolare della nazione concepisce il rapporto con le donne. E chi ha fornito il bastone siamo stati noi, gli abbonati della Rai usata dal proprietario di Mediaset per combattere le proprie vicende matrimoniali private. Scusate se mi ripeto: Alice nel Paese delle Meraviglie.

In attesa dello show di Silvio Berlusconi davanti al proprio ciambellano a Porta a Porta, suggerisco, come chiave di interpretazione delle parole che sentiremo scorrere, questo dialogo fra Alice e la Regina Rossa, nel meraviglioso “Attraverso lo specchio” di Lewis Carrol:
— Ma nel nostro paese, — disse Alice, che ancora ansava un poco, — generalmente si arriva altrove… dopo che si è corso tanto tempo come abbiamo fatto noi.
— Che razza di paese! — disse la Regina – Qui invece, per quanto si possa correre si rimane sempre allo stesso punto. Se si vuole andare in qualche altra parte, si deve correre almeno con una velocità doppia della nostra.
L’Italia è Alice. Ha ormai attraversato lo specchio e le parole significano soltanto, come dice il Cappellaio Matto, quello che il Cappellaio Matto vuole che significhino. Se si accetta di vivere nel regno delle meraviglie, tutto si spiega, e niente si spiega. E sul regno dell’assurdo e del nonsense si stende rassicurante il sorriso dello Stregatto. Lasciate perdere editoriali, blog, talk show, saggi. Per capire l’Italia del 2009 si deve leggere Lewis Carrol.

In vista di un massiccio spostamento familiare in Italia dagli Usa all’inizio dell’estate, sfoglio i vari “forum” (”fora”? Latinorum) di passeggeri che hanno volato Alitalia negli ultimi mesi, dopo il miracoloso salvataggio compiuto dal nostro “governo del fare”. I risultati della ricerca non sembrano incoraggianti e suggeriscono di starne “alialrga”. Sono soltanto le solite lamentele di passeggeri irritabili e sfortunati, o qualcuno di voi ha notizie ed esperienze di prima mano su questo nuova “good company” che ci è costata finora 3 miliardi di Euro a fondo perduto? O dobbiamo avvertire i terremotati d’Abruzzo che se il governo del fare otterrà gli stessi risultati nella ricostruzione dell’Aquila che ha ottenuto con la rinascita di Alitalia, faranno bene a emigrare? Attendo fiducioso notizie.

Ora, di tutti gli argomenti che si possono usare per difendere “lui” contro “lei”, secondo il classico e squallido schema italiano della Curva Nord e della Curva Sud, e presumo che ce possano essere, il più cretino e insolente è quello delle “faccende private”. Questo argomento, usato da colui che in introdotto in Italia e preso il potere vendendo prima di ogni altra cosa sè stesso, il proprio modo di essere, il proprio stile di vita privato, l’ostenazione di sè, del proprio corpiccino malato, guarito e restaurato, come elemento ideologico vincente sul grigiore burocratico e anonimo degli avversari, che ha imposto il modello della politica come “reality show” continuo, è semplicemente ridicolo. Chi di telecamera vive di telecamera soffre. L’obbiettivo, come scrisse un giornalista americano, non sbatte mai le palpebre.

°°° Ora, personalmente stenderei una spessa coltre di letame su quello che è avvenuto ieri sulla Tv cosiddetta pubblica, ma che di pubblico ha solo il pagamento del canone. Mi vergogno molto da parte del servo insetto, del direttore sottopadrone e melenso del Corriere della serVa, e dell’ignobile cazzaro mafioso che – per l’ennesima volta – ha avuto a disposizione da un suo sguattero invertebrato il balcone più ambito d’Italia… senza contraddittorio alcuno. Queste porcate si verificano esclusivamente in questo regimetto delle banane e sarebbe INCONCEPIBILE persino in Corea del Nord. Prosit.

bluffalitalia

asino_cavallo

b-cocaina

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter